Così Putin ordinò di abbattere un aereo civile

Ricevette una chiamata poco prima dell'inaugurazione dei Giochi di Sochi

È contenuta in un documentario lungo due ore la rivelazione del presidente russo Vladimir Putin, che per la prima volta ha raccontato di avere ordinato di abbattere un aereo civile poco prima dell'apertura dei Giochi invernali di Sochi, nel 2014.

Fu una chiamata da parte di funzionari della sicurezza a costringere il Cremlino a prendere una decisione, dopo che gli fu comunicato che un velivolo con a bordo 110 persone era stato dirottato da uomini che, con la minaccia di fare esplodere una bomba, avevano fatto cambiare la rotta, virando sullo stadio dell'inaugurazione.

"Mi fu detto che un aereo diretto dall'Ucraina a Istanbul era stato dirottato e che i dirottatori volevano atterrare a Sochi", ha raccontato Putin, in un exploit in cui molti hanno letto uno dei molti step che porteranno alle prossime presidenziali. I funzionari della sicurezza gli confermarono che in casi come quello il protocollo prevedeva di abbattere il velivolo.

"Gli dissi: muovetevi secondo i piani", aggiunge Putin nel filmato. Fu poco dopo che il presidente russo ricevette una chiamata che diceva che quanto avvenuto era in realtà un falso allarme e che il passeggero che aveva minacciato l'equipaggio era semplicemente ubriaco.

Commenti

Martinico

Lun, 12/03/2018 - 19:46

Se non ricordo male l'aereo non fu abbattuto. La falsa notizia arrivò appena in tempo. Magari se nell'articolo si fosse specificato l'esito finale non sarebbe stato male. Il giornalista nella parte finale scrive: fu poco dopo...ecc ecc... Fu poco dopo l'averlo silurato o poco dopo aver detto muovetevi secondo i piani?

Anonimo (non verificato)