Dazi, l'Ue nel mirino di Trump "Tassa del 25% sulle automobili"

Trump mette nel mirino l'Ue e di fatto annuncia di voler mettere una tassa su ogni auto che arriva dall'Europa

Donlad Trump dà il via all'operazione dazi. Il presidente Usa mette nel mirino l'Ue e di fatto annuncia di voler mettere una tassa su ogni auto che arriva dall'Europa. Le sue parole sono state chiare: "Metteremo una tassa del 25% su ogni auto che arriva negli Stati Uniti dall'Unione europea", ha affermato nel corso di una manifestazione in West Virginia. Di fatto l'annuncio del presidente americano arriva però dopo le parole del segretario al Commercio americano, Wilbur Ross che al Wall Street Journal ha fatto sapere che il dossier sui dazi sulle autovetture sarebbe stato pubblicato "a data da definirsi". Una vera e propria frenata che invece è stata ribaltata dal passo in avanti di Trump.

Da tempo il presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker ha chiesto l'avvio dei negoziati per ridefinire le tariffe. E lo stesso Ross su questo fronte ha dato alcuni segnali parlando di alcuni negoziati in corso anche con Canada e Messico che potrebbero portare ad una riscrittura del Nafta. Insomma la "guerra commericale" portata avanti dalla Casa Bianca potrebbe avere delle conseguenze anche sull'Europa e dunque anche sull'Italia...

Commenti

Marguerite

Mer, 22/08/2018 - 10:52

Tanto la Germania fa fabbricare tante BMW e Mercedes negli USA ..dunque se ne fotte !!! Come anche il Hisppone fa fabbricare negli USA per il mercato americano. L’Europa aggira sui prodotti americani che non arriveranno più così facilmente e con sovrattassa! Penso alle barche fourwinds...Tabasco, Ketchup, Apple, ecc. Harley Davidson ha fatto forte à traslocato la fabbrica delle moto dai USA all’Europa per evitare le tasse Europee e tanti USA 300 milioni d’anime...UE 500 milioni !!!

sgarbistefano

Mer, 22/08/2018 - 11:01

Trump, Tycoon del 21 secolo, si trova davanti ad un Europa politicamente ferma al 1815, viziata dal Piano Marshal e dalla guerra fredda del 20 secolo, da cui ha tratto grandi vantaggi in termini economici e militari. Dire che l'Unione Europea è morta sarebbe troppo generoso, dato che essa in realtà non è mai esistita, se non come club finanziario di "grandi potenze" in versione "neo-ottocentesca", ciascuna delle quali fa innanzitutto i suoi interessi economici e politici.

agosvac

Mer, 22/08/2018 - 12:51

Gli USA devono stare molto attenti ad iniziare una guerra dei dazi visto che ormai da decenni sono tra i primi importatori del pianeta!!!

Marguerite

Mer, 22/08/2018 - 13:17

Sgarbi Stefano. Parla per l’Italia, corrotta e mafiose ché è morta..non per l’UE ! Che anzi la disoccupazione è scesa di molto e la crescita va molto meglio ! Tanto negli USA ci sono più morti di fame che in Europa...e il loro debito è altissimo !!!

Ritratto di perigo

perigo

Mer, 22/08/2018 - 14:40

Mettetegli una tassa del 50% sulle basi americane sul territorio dell'Unione e gli passa la voglia. Congelate l'acquisto di tutto l'armamentario USA, a partire dagli F35, e gli viene un coccolone. Tassate al 25% la Coca Cola, l'IBM, la Apple e tutto quanto abbia brand di origini americane, e vedrete come si calma...

sgarbistefano

Mer, 22/08/2018 - 14:53

@ Marguerite L'Italia è anche (ma non solo) corrotta e mafiosa. Tuttavia, da Italiano, mi rifiuto di credere che sia morta. L'UE ha SEMPRE approfittato delle debolezze del nostro Paese, proprio come gli stati Europei hanno sempre fatto fin da prima dell'Unità d'Italia. Noi abbiamo certamente le nostre colpe, ma chi ritiene che l'Italia sia morta, forse farebbe meglio a trasferirsi altrove. In UE di ci sono larghi strati di povertà anche nei paesi più ricchi, mi creda. Quanto agli USA, di miseria là ce n'è tanta (ci vado spesso e la vedo) ed è forse per questo che un tipo un po' "pazzoide" ha vinto le elezioni al grido di "America First". Oggi gli USA crescono del 4,5% ed il loro tasso di disoccupazione si è ridotto a livelli che per noi sarebbero "da sogno". Gli USA possono permettersi il loro debito: sono le loro agenzie che danno il "rating" all'Italia.

idleproc

Mer, 22/08/2018 - 15:04

Marguerite-Angela. I "russi" non sono stupidi, sanno con cosa hanno a che fare, il "metodo" usato verso tutta l'europa che allo stato attuale è solo un luogo geografico, sarà usato anche contro di loro da un punto di vista economico-finanziario. Guadagnano tempo, pensi che si fidino? Vi siete importati un mare di "nuovi" europei non integrabili e in condizioni sottoproletarie creando una spinta alla sovrappoplazione con un'unica possibile dinamica di espansione: verso Est. Ci sono già passati i ragazzi a Est. In tutta europa nessuno vuole tra i c. un altro impero tedesco, inoltre guardati i conti di DB.