Dieci cose da sapere sulla visita di Renzi a Washington

Dai colpi di cannone ai discorsi dei due leader, fino alla cena dfi stasera alla Casa Bianca, con un menù (curato da un grande chef) appositamente voluto da Michelle Obama

I colpi di cannone accompagnano l'arrivo del presidente del Consiglio italiano nel South Lawn alla Casa Bianca. Rompendo la tradizione, Renzi e la moglie Agnese Landini, prima di ogni stretta di mano, si scambiano baci di saluto con Michelle e Barack Obama. Renzi e il presidente Usa fanno poi un giro lungo il perimetro del prato per salutare la folla.

La cena di Stato (State dinner) è l’evento simbolico più importante per la diplomazia americana, l’occasione più formale, con gli uomini in smoking e le mogli in abito lungo da cerimonia, occasione imperdibile per tessere relazioni e cementare rapporti.

Tre italiani prima di Renzi Dopo Giulio Andreotti (1977 e 1990) e Romano Prodi (1998), Matteo Renzi è il terzo presidente del Consiglio italiano ad essere l’ospite d’onore di una "State Dinner". Silvio Berlusconi fu invitato invece all’Official Dinner di George W. Bush il 13 ottobre 2008 Il banchetto dell’Official Dinner è pagato direttamente dal presidente americano (e non con fondi federali).

Benigni, Armani, Sorrentino sono solo alcuni dei nomi dei vip che accompagnano Renzi alla Casa Bianca. A tavola, tra posate dorate e suppellettili tirate a lucido, siederanno quelle che il premier ha definito le punte di diamante del "made in Italy": i registi premio Oscar Roberto Benigni e Paolo Sorrentino, la campionessa paralimpica Bebe Vio, il magistrato simbolo della lotta anticorruzione, Raffaele Cantone; il grande stilista Giorgio Armani, il sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini, la curatrice del dipartimento Architettura e Design del Moma (Museum of Modern Art), Paola Antonelli, la direttrice generale del Cern (Consiglio europeo per la ricerca nucleare), Fabiola Gianotti.

Smoking ed eleganza sono d'obbligo per ogni dinner State che si rispetti. Le donne spossono sbizzarrirsi con la moda. Negli otto anni alla Casa Bianca, Michelle Obama ha più volte lasciato il segno: l’abito senza maniche, in tessuto con disegni floreali damascati oro su fondo crema, indossato per accogliere il premier indiano, Manmohan Singh. La moglie del premier, Agnese Landini, è sbarcata a Washington, con un abito in chiffon rosa cipria firmato della maison Valentino.

Musica e alta cucina. La cena di gala prevede un menù curato dallo chef stellato italoamericano Mario Batali: agnolotti di patate dolci con burro e salvia, insalata di zucca, braciole di manzo con colatura di rafano e friarielli, dolci mignon con decorazioni autunnali. È stato scelto dalla first lady, Michelle Obama, con una "puntata" in prima persona da "Babbo", il ristorante di Batali a New York, e alcuni degli ingredienti provengono direttamente dall’orto della Casa Bianca. Ad allietare la serata una performance della cantante Gwen Stefani.

Le eccelenze italiane. Dando il benvenuto a Renzi appena arrivato alla Casa Bianca il presidente Obama ha voluto elogiare alcune eccellenze italiane: "Amiamo il cibo, la moda, il vino e Sofia Loren. Non posso purtroppo dire di avere antenati italiani - ha aggiunto Obama - anche se il mio nome ha diverse vocali, ma sono cresciuto con mia nonna che mi diceva sempre che dobbiamo ammirare la cultura italiana e io e Michelle ora abbiamo un giardino che abbiamo coltivato sulle orme grandi giardinieri italiani".

Lo scambio di elogi tra i due leader. Obama ha elogiato Renzi per le riforme. "Matteo, giovane bello, ha una visione del progresso", "l’Italia sta modificando lo status quo con riforme coraggiose". Poi ha elogiato l’utilizzo di Twitter da parte del premier e ha voluto sottolineare che "siamo con due donne meravigliose (Michelle e Agnese, ndr) che dedicano la loro vita ai figli e alle opportunità di crescere". Renzi non è stato a meno: "Grazie per la calda accoglienza, Obama ha organizzato tutto, anche il sole, incredibile". "Americani e italiani, siamo qui perché i padri fondatori americani hanno avuto ispirazione direttamente dall’Italia".

Renzi cita Dante. "La nostra missione non è quella di seguire la brutalità ma i valori, questa è la missione e l'ambizione per una nuova generazione di politici". Il premier ha citato poi verso di Dante in italiano: "Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza".

Obama ringrazia gli immigrati italiani. Nel suo discorso Obama ha ricordato e ha ringraziato "tutti gli immigrati venuti dall’Italia nel secolo scorso con la loro fede e la loro forza. Sono riusciti - ha aggiunto - ad avere successo, non lo dimentichiamo perché l’America è stata costruita da immigrati, con gli immigrati" e "siamo grandi grazie agli immigrati".

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 18/10/2016 - 16:21

Adesso che le sappiamo, possiamo dormire tranquilli, grazie.

luciano32

Mar, 18/10/2016 - 16:39

La presenz di benigni da un tono di grande rilievo alla visita di Renzi a un presidente oramai rottamato. Benigni quello dell'inno al corpo sciolto e non quello dell'Oscar comperato forse dsarebnbe stato piu adeguato al momento.Mi sfugge il senso della visita Renzi non prendera un voto di piu al referundum e obama non fà certo dimenticare i graviussimi errori della sua poitca estera e di quella neri-bianchi in USA.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 18/10/2016 - 16:45

Obama dice: "l’America è stata costruita da immigrati, con gli immigrati" e "siamo grandi grazie agli immigrati". Va bene, allora te ne possiamo portare qualche bel milione? Tanto voi siete oltre 300 milioni non vi accorgete nemmeno. E poi se diventate grandi coi migranti, significa che voi valete poco, anzi pochissimo.

ziobeppe1951

Mar, 18/10/2016 - 16:57

L'abbronzato una verità l'ha detta, parlando degli IMMIGRATI italiani, non di CLANDESTINI

contractor

Mar, 18/10/2016 - 17:00

braciole ? hanno mangiato braciole come ad una festa dell'Unità ?

sbrigati

Mar, 18/10/2016 - 17:03

Benigni saluterà obama, a suo modo, così come fece con il pippo nazionale?

contractor

Mar, 18/10/2016 - 17:03

quoto Obama: "l'America è stata costruita da immigrati". l'Italia invece dagli Italiani.

apostata

Mar, 18/10/2016 - 17:09

Beh, c’è da essere soddisfatti, bisogna riconoscere a Renzi la capacità di conquistarsi un ruolo. Se proprio si volesse malignare, si potrebbero notare le convenienze reciproche: Obama tira la volata a Renzi per il referendum, Renzi tira la volata in favore del voto italoamericano per Hillary.

vittoriomazzucato

Mar, 18/10/2016 - 17:43

Sono Luca. Le dichiarazioni di Obama che riguardano gli immigrati italiani sono dichiarazioni che Obama fa perché è stato detto che deve dire quelle "stupidaggini". Se io fossi tra gli invitati gli direi di lasciar perdere. GRAZIE

Keplero17

Mar, 18/10/2016 - 17:48

Rendiamo tutti grazie a Obama che ha scatenato le primavere arabe regalandoci migliaia di immigrati che dovremo mantenere a vita- Grazie di cuore.

Anonimo (non verificato)

lupo1963

Mar, 18/10/2016 - 18:29

Il cibo,la moda,il vino,Benigni,Sofia Loren.Mancavano giusto la ferrari perche' non vince piu' da secoli e Fellini perche' e' morto.Il solito quadretto della loro colonia . Una terra di cuochi e di buffoni.

Anonimo (non verificato)

alkhuwarizmi

Mar, 18/10/2016 - 20:18

Il solo fatto che della nutrita delegazione faccia parte il "comico" komunista Benigni, capace di niente altro che starnazzare battute demenziali, qualifica il profilo di questo incontro. Quanto agli altri componenti del codazzo di Renzi-superstar, solo esponenti del modo radical-chic, né poteva essere diversamente. Penoso.

lavieenrose

Mar, 18/10/2016 - 21:19

L'unica cosa bella che resterà della presidenza obama sarà l'orto di michelle che, non avendo di meglio da fare, giocava alla piccola (si fa per dire visto la stazza che si ritrova) contadinella.

nunavut

Mar, 18/10/2016 - 22:59

Giustamente canoscenza:la scienza di sparare cannonate ???.(Prima che i soliti furbi mi insultino-la conoscenza del canone)

nunavut

Mar, 18/10/2016 - 23:05

Certo gli immigrati ITALIANI hanno contribuito allo sviluppo degli USA.Ora vorrei porre una domanda all'egregio piccolo presidente quanti immigrati furono pagati a gironzolare e mantenuti gratis dal suo POPOLO???e quanti dopo la visita medica dovettero ritornare in Italia e quanti non avevano documenti validi.Ma vai non dire stupidaggini!!! prego pubblicare io sono un immigrato uno VERO.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 18/10/2016 - 23:43

Da un simile burattino non c'era da aspettarsi che questa miserabile messa in scena. L'omettino va a chiedere aiuto conigliescamente al capo di una nazione grande come gli USA per fare colpo sui suoi sprovveduti seguaci italiani. Ha voluto imitare il successo di Berlusconi, con la piccola differenza che l'intero senato americano aveva dedicato alla persona di Berlusconi una spontanea "standing ovation".

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Mer, 19/10/2016 - 07:47

Quale Italia ha ispirato gli USA ? I Pazdri Fondatori sono stati ispirati dall'Italia ? Ma dico, conosce la storia del suo paese l'abbronzato ? Forse voleva dire la Francia.

semprecontrario

Mer, 19/10/2016 - 08:08

ma la moglie del renzinocchio non è un'insegnante? come fa ad avere giorni liberi durante il periodo scolastico, io so che gli insegnanti per avere giorni liberi devono mettersi in malattia o sbaglio? lei ha in TRaTTAMENTO particolare?