Ecco chi sono le vittime italiane

Tra i morti un 64enne di Novara e un dipendente del Comune di Torino: entrambi erano in crociera sulla Costa Fascinosa

Sono quattro le vittime italiane nell'attentato di oggi a Tunisi al museo del Bardo. Di questi solo due, al momento, hanno un nome e un volto.

Si tratta di Francesco Caldara, pensionato novarese di 64 anni, che era in crociera per festeggiare il compleanno della compagna e che è stato colpito a morte dai proiettili sparati dagli attentatori. L'uomo era partito domenica da Savona, a bordo della Costa Fascinosa, con la compagna Sonia Reddi, 55 anni, che nell’assalto rivendicato dall’Isis è stata ferita ad una spalla e ad un braccio e non sarebbe in pericolo di vita. A rendere noto il primo nome tra le vittime italiane è stata la nipote della coppia, Milena: "Ci ha appena telefonato il ministero dell’Interno per comunicarci che mio zio è morto", dice faticando a trattenere le lacrime. Al momento dell’attentato la coppia si trovava a bordo di un pullman ed è lì che sarebbe stata ferita dai proiettili dei terroristi dell’Isis.

L'altra vittima identificata è Orazio Conte: come riporta La Stampa, si tratta di un uomo di Torino a Tunisi con la moglie (ferita) e altri due dipendenti del Comune di Torino che risultano ancora disperse e che erano partiti (anche loro sulla Costa Fascinosa) per una crociera organizzata dal Cral.

Commenti
Ritratto di mariosirio

mariosirio

Gio, 19/03/2015 - 07:22

Dipendenti comunali in crociera? Accertamenti fiscali a tappeto.

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Gio, 19/03/2015 - 08:16

DI CONCRETO CHE FARE? ha ragione LA Santanchè che ieri pretendeva dal sedicente islamico moderato una pubblica manifestazione dei correligionari in Italia di condanna dei fatti di Tunisi. La Sinistra ora cerca di glissare e di defilarsi ma sappiamo bene che è lei la maggiore responsabile dell'accaduto e di altri fatti terroristici che insanguineranno l' Europa e l' Italia in particolare...dunque se non si vuole rispedire a casa la moltitudine "ormai integrata" dei figli di Maometto, si provveda almeno adidentificarli e a schedarli con impronte digitali e se espusi si accompagnino alle frontiere per evitare che si ripetano le criminali omissioni del caso di Terni.

FRANZJOSEFF

Gio, 19/03/2015 - 08:46

DESIDERO SAPERE IL PARTITO CHE VOTAVANO VERO SINDACO DI TORINO? CHE FAI NON PARLI CHE DICI ORA A FAVORE DEI TUOI AMICI MUSSULMANI? OPPURE STARE ZITTI E' MEGLIO TANTO GLI ITALIANI SONO CxxxxxxI DIMENTICANO SUBITO E SOPRATUTTO NON FANNO DOMANDE IMMEDIATE. FASSINO PARLA

Luci60

Gio, 19/03/2015 - 08:58

aspettatevi la finanza per un controllo suo redditi adesso governo di m.....

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Gio, 19/03/2015 - 10:29

Fassino in TV che predica la comprensione! davvero senza pudore i sinistrati! Sono loro i responsabili morali dell' accaduto e ora sproloquiano sull' esecrazione del fatto. di buono in tutto ciò forse il fatto che quelli che votano a sinistra non si faranno tutti abbindolare dalla faccia da funerale del Fassino in veste da menagramo che gli è naturalmente congeniale.

Beaufou

Gio, 19/03/2015 - 11:21

Magari al Cral di Torino pensavano di dare un contributo alla globalizzazione e all'integrazione...