Egyptair, sui resti delle vittime trovate tracce di un esplosivo

Una commissione d'inchiesta egiziana riporta i riflettori sul volo caduto nel Mediterraneo il 19 maggio scorso: l'ipotesi attentato

Sul volo Egyptair MS804 caduto nel Mediterraneo il 19 maggio scorso mentre volava tra Parigi e il Cairo c'era una bomba. Quella che finora era solo un'ipotesi sembra ora confermata dalle analisi condotte dalla commissione d'inchiesta istituita dall'Egitto.

Sui resti delle 66 vittime sono state infatti trovate tracce di esplosivi. Il ministero dell'aviazione civile egiziano ha annunciato quindi l'apertura di un'indagine criminale sulle cause del disastro.

L'Airbus A320 si schiantò in mare senza lanciare segnali di allarme prima dell'impatto, uccidendo tutti passeggeri e membri dell'equipaggio a bordo. Il registratore presente all'interno della cabina di pilotaggio rivelò che i piloti tentarono di spegnere un incendio. I rottami recuperati hanno mostrato segni di danneggiamenti causati da alte temperature ed è stata rinvenuta della fuliggine nella sezione frontale dell'aereo. Sebbene l'ipotesi di un attentato terroristico non sia mai stata scartata, finora nessun gruppo ha rivendicato la responsabilità dell'azione.