Filippine, jihadisti occupano una scuola e prendono ostaggi

Terroristi legati allo Stato islamico hanno occupato una scuola a Marawi, nel sud delle Filippine e hanno preso ostaggi che usano come scudi umani

Il sud delle Filippine continua ad essere nel mirino dei jihadisti. Questa mattina, alcuni terroristi islamici collegati allo Stato islamico hanno fatto irruzione in una scuola elementare di Marawi, prendendo in ostaggio anche alcune persone. Il capitano Arvin Encinas ha fatto sapere che i miliziani "al momento sono nella scuola e hanno preso civili in ostaggio che stanno usando come scudi umani".

Secondo quanto fa sapere LaPresse, i terroristi apparterrebbero al gruppo chiamato "Combattenti per la Liberazione islamica del Bangsamoro".

Filippine, la nuova frontiera dell'Isis

Lo Stato islamico, ormai al collasso in Libia, Siria e Iraq, cerca nuovi spazi per espandersi. Tra questi, le Filippine. Da settimane le forze regolari di Rodrigo Duterte stringono la città di Marawi in una morsa che vorrebnbe essere soffocante per costringere i miliziani di Abu Sayyaf, la branca locale di Daesh, ad abbandonare le loro posizione. Marawi, però, non cade, e soprattutto è la prima conquista fatta dai jihadisti nell'ampia regione del Sudest asiatico, dove finora la loro azione era stata limitata agli attacchi, sanguinosi, ai resort e ai luoghi di ritrovo degli occidentali. Ora c'è stato un salto di qualità, e l'annuncio quasi trionfalistico del governo di Manila della cattura di una guardia del corpo di Isnilon Hapilon, il leader di Abu Sayyaf, ha il sapore di un'ammissione di impotenza. L'aver preso Amajad Marani, un esperto fabbricatore di esplosivi, "bloccherà ogni tentativo esterno di aiutare Hapilon a lasciare Marawi", fanno sapere le autorità militari filippine, ma resta il fatto che non c'è verso di stanare il capoterrorista dal suo rifugio nell'Isola di Mindanao, teatro da almeno 40 anni delle azioni del terrorismo musulmano e indipendentista.

Commenti
Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 21/06/2017 - 13:54

Guarda che caso... nelle Filippine va al potere un presidente che si rifiuta di fare il fantoccio degli USA, che si avvicina alla Cina, che combatte la subcultura sovversiva del mondialismo disgregante... e che ti capita ? ? Compare l'ISIS ... ma che strano !

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 21/06/2017 - 13:59

Feccia islamica pagata dai wahabiti e manovrata dalla CIA. Un connubio ormai collaudato. Il Grande Satana sprofonda ormai nell'ignominia.

cgf

Gio, 22/06/2017 - 04:22

@Ausonio fanatici mussulmani nelle filippe ci sono praticamente da sempre, Abu Sayyaf dice nulla? sono combattenti dell'Islamic State of Iraq and the Levant – Philippines Province, il passo per aderire all'ISIS è STATO molto breve, ancor prima che Rodrigo Duterte diventasse presidente lo scorso anno. Hanno sempre praticato omicidi, rapine e rapimenti (anche più numerosi di questo) e la loro tattica preferita è la guerriglia. s'informi perché qui i wahabiti e la CIA c'entrano molto poco, anzi, sono 'loro' nemici dichiara, anche in questo caso, non da oggi, nemmeno da ieri, almeno 30anni.

cgf

Gio, 22/06/2017 - 10:43

@Ausonio fanatici nelle Filippine ci sono praticamente da sempre, Abu Sayyaf dice nulla? sono combattenti dell'Islamic State of Iraq and the Levant – Philippines Province, il passo per aderire all'ISIS è STATO molto breve, ancor prima che Rodrigo Duterte diventasse presidente lo scorso anno. Hanno sempre praticato omicidi, rapine e rapimenti (anche più numerosi di questo) e la loro tattica preferita è la guerriglia. s'informi perché qui i wahabiti e la CIA c'entrano molto poco, anzi, sono 'loro' nemici dichiarati, anche in questo caso, non da oggi, nemmeno da ieri, almeno 30anni.