Florida, agenti bianchi uccidono afroamericano

L'uomo stava mangiando in giardino quando i poliziotti hanno sparato

Torna il rischio di proteste negli Stati Uniti dopo che in Florida un afroamericano, Gregory Frazier, è stato ucciso da poliziotti bianchi mentre cenava in giardino nella sua casa di Pompano Beach.

Gli agenti erano intervenuti dopo la chiamata della sorella dell'uomo che segnalava una lite in casa durante la quale il 56enne afroamericano avrebbe minacciato la figlia con un coltello. Ma - sostengono i media locali - quando la polizia è arrivata sul posto gli animi si erano già calmati e Frazier stava seduto in cortile a mangiare. I due agenti gli hanno però intimato più volte di stendersi a terra, ma l'uomo avrebbe risposto di lasciarlo in pace, fino a che i poliziotti non avrebbero sparato, ferendolo a morte. Un vicino di casa dell'uomo, Pastor Miguel Rosa, ha raccontato ai media locali di aver udito almeno cinque spari e di aver inizialmente pensato all'esplosione di fuochi d'artificio.

"Non avrei mai chiamato la polizia se avessi saputo cosa sarebbe successo", ha raccontato disperata la sorella della vittima, Deborah Frazier, al New Times Broward-Palm Beach.

Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 13/09/2016 - 11:11

La polizia americana ha un gran brutto vizio: non "dialoga" e, soprattutto, non tollera che i propri ordini vengano disattesi.

Ritratto di Giano

Giano

Mar, 13/09/2016 - 12:56

Ma non succede mai che agenti neri ammazzino un bianco?

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 13/09/2016 - 14:05

Bastava seguire le istruzioni, troppo difficile per certa gente...

Infondoasinistra

Mar, 13/09/2016 - 14:06

Quando sento dire Salvini che in Italia la polizia dovrebbe avere "carta bianca", lo invito a pensare a questi episodi.