Il Bundestag approva gli aiuti alla Grecia

Il parlamento tedesco dà l'ok alla trattativa che porterà l'Esm ad erogare gli aiuti per Atene

Il terzo piano di salvataggio per la Grecia è stato approvato dal Bundestag, il Parlamento tedesco. In questo modo l'Esm potrà erogare gli aiuti per Atene che, con l'apporto del Fmi, dovrebbero arrivare a 86 miliardi.

La Merkel ha affermato davanti al suo Parlamento: "So che ci sono molti dubbi sul fatto che la Grecia possa stare di nuovo sulle sue gambe, ma sarebbe irresponsabile non tentare questa strada e non dare una nuova chance alla Grecia. È stato un accordo duro per tutte le parti in causa ed è stato l'ultimo tentativo", ha riconosciuto di fronte ai deputati tedeschi. Il piano è atteso a un'approvazione, vista la grande maggioranza di cui gode la coalizione di governo, ma si attende qualche defezione nelle file della Cdu, il partito della Cancelliera.

Intanto l'Fmi sarebbe pronto a partecipare a un nuovo piano di salvataggio della Grecia completo, vale a dire che integri anche una ristrutturazione del debito di Atene, rendendolo sostenibile. Per uscire dalla crisi greca"bisogna ristrutturare il debito per alleggerire il fardello", e più precisamente "prolungare considerevolmente le scadenze, il periodo di grazia durante il quale non è effettuato nessun pagamento e ridurre gli interessi il più possibile" ha affermato il direttore generale del Fondo monetario internazionale, Christine Lagarde, ai microfoni di Europe 1.

"Non siamo alla fine di un processo. Siamo all'apertura, su un calendario molto serrato e con una sfida colossale", ha spiegato il numero uno dell'Fmi.

Lagarde ha spiegato che il piano per la Grecia deve poggiare su due pilastri: uno che riguarda le riforme e una linea di budget sana, e l'altro che prevede finanziamenti e un alleggerimento del debito della Grecia. Per questo,"diverse modalità possono essere utilizzate", ha aggiunto Lagarde, che consiglia di "estendere in modo significativo le scadenze, oltre che allungare il periodo di grazia durante il quale non sia previsto alcun rimborso e ridurre gli interessi al massimo".

Anche il parlamento austriaco ha autorizzato il governo a negoziare il terzo pacchetto di aiuti alla Grecia, che l'esecutivo viennese ha definito un esempio di "responsabilità" per una Europa unita. Il sì è arrivato grazie ai voti della maggioranza di cui gode la coalizione di governo socialdemocratica e cristiano democratica. Tutti i partiti dell'opposizione hanno votato contro: gli ultranazionalisti del Partito della libertà austriaco (Fpo), i Verdi, i liberali di Neos, i populisti di Team Stronach. Il cancelliere Team Stronach ha ammesso che il nuovo pacchetto non risolverà i problemi di Atene, ma ha garantito che è il primo passo per evitare l'uscita del Paese dala zona euro. "Non c'è nessun pacchetto che possa togliere i greci da questa situazione dall'oggi al domani", ha detto durante il dibattito. L'Austria è uno dei sette Paesi membri della zona euro, oltre alla Grecia, il cui Parlamento deve approvare il mandato per negoziare l'accordo.

Commenti
Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Ven, 17/07/2015 - 13:15

OGGI; ALLE 12,58 IL BUNDESTAG HA DATO IL SUO CONSENSO AL PIANO DI SALVATAGIO DELL GRECIA! PERCHE L;ALTERNATIVA SAREBBE IL CAOS IN TUTTA LA UE!.

Ritratto di SAXO

SAXO

Ven, 17/07/2015 - 14:57

Soldi che I greci non vedranno mai ,finiranno direttamente nelle fauci dei creditori associati sotto una stessa bandiera,quella dell usurocrazia mondialista rappresentata dall oligarchia massona sionista.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Ven, 17/07/2015 - 15:05

La Grecia può ripianare il debito con "comode rate". Dove hanno imparato economia, questi signori? Semplice! Dopo la laurea conseguita sulle spiagge alla scuola di contrattazione applicata, retta dagli ambulanti, hanno ottenuto la specializzazione frequentando i più rinomati megastore della penisola!

Ritratto di SAXO

SAXO

Ven, 17/07/2015 - 15:15

Temporeggiare e l imperativo categorico degli euroburocrati e dell usurocrazia internazionale.Troppa carne al for no rischia di bruciarsi, dal piano kalergi, al golpe ucraino,al monopolio finanziario e valutario in bilico per colpa delle zar PUtin antagonista per eccellenza , alle varie rivoluzioni colorate sparse per il mondo seminate per fare spuntare I primi germogli geopolitici tanto cari alla oligarchia globalista fariseocratica.Pertanto dare credito alla Grecia rimane l ultimo dei pensieri in confronto alla vastita di progetti da portare a buon fine.

Boxster65

Ven, 17/07/2015 - 15:19

E ora tirate lo sciacquone che anche questi soldi sono finiti nel cesso.

Blueray

Ven, 17/07/2015 - 16:23

Chi ci guadagna sono la BCE e il FMI che rientrano del credito. Chi ci perde è l'Esm, ossia in pratica gli Stati membri dell'eurozona. Incomprensibile la piroetta di C. Lagarde (FMI), finora acerrima nemica della Grecia e ora disposta a concessioni inusitate. Siccome la cosa puzza di bruciato, presumo che tutte le concessioni che adesso sarebbe disposta a fare verrebbero a loro volta coperte da ulteriori garanzie degli Stati. C'è ancora qualcuno disposto a sostenere che non aveva ragione Schauble quando propugnava una Grexit magari a tempo, per prova?

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 17/07/2015 - 16:30

Ovviamente, altrimenti come farebbero a fregarli definitivamente sennò?

Ritratto di wilegio

wilegio

Ven, 17/07/2015 - 16:44

Scusate la domanda idiota, ma... perché dovevano pronunciarsi molti parlamenti europei (fra cui germania e Austria), ma non quello italiano? Era un quesito riservato alla seria A e non a noi, poveretti di serie B?

Massimo Bocci

Ven, 17/07/2015 - 17:26

Il IV Reich,Euro ha deciso in attesa di perfezionare l LOGISTICA del Terzo Reich, per ora si limiteranno a farli morire piano piano di INEDIA, poi appena le PANZER DIVISIONI saranno pronte smonteranno tutto (partenopee compreso) per trasferirlo in GERMANIA cos'ì ì DOUCHE PANGEMANICI....CONQUISTATORI EURO, unici VINCITORI!! Senza scomodarsi potranno ammirare LE RAZZIE!!!! dei nuovi possedimenti.

franco-a-trier-D

Ven, 17/07/2015 - 18:40

Tornare al marco sarebbe una manna per l'economia tedesca e aiuterebbe Italia, Portogallo, Spagna e Gecia a tornare competitive.Bocci vedo che sempre hai in bocca il 4to Reich, io sono convinto che ti piacerebbe se ritornassero i nazisti a farti il cu.lo ma purtroppo non vengono più.

franco-a-trier-D

Ven, 17/07/2015 - 18:40

Tornare al marco sarebbe una manna per l'economia tedesca e aiuterebbe Italia, Portogallo, Spagna e Gecia a tornare competitive.Bocci vedo che sempre hai in bocca il 4to Reich, io sono convinto che ti piacerebbe se ritornassero i nazisti a farti il cu.lo ma purtroppo non vengono più..

franco-a-trier-D

Ven, 17/07/2015 - 18:47

http://www.wallstreetitalia.com/

franco-a-trier-D

Ven, 17/07/2015 - 18:50

cambiate euro in USD o piangerete amaro presto.Abraxasso, ma i greci hanno tante olive le venderanno tutte per pagare i miliardi di debito.

franco-a-trier-D

Ven, 17/07/2015 - 18:53

il fighetto greco ride, pensa ancora qualche miliardino poi sparisco dalla circolazione ci sono tante belle isole in Grecia...Boxter ma se avete detto che la Germania è nazista perchè non vuola dare più dineros alla grecia non credi? chiedilo a Bocci lui è molto generoso con i soldi degli altri lerò.

franco-a-trier-D

Ven, 17/07/2015 - 18:54

il fighetto greco ride, pensa ancora qualche miliardino poi sparisco dalla circolazione ci sono tante belle isole in Grecia...Boxter ma se avete detto che la Germania è nazista perchè non vuola dare più dineros alla grecia non credi? chiedilo a Bocci lui è molto generoso con i soldi degli altri però..

Ritratto di filatelico

filatelico

Sab, 18/07/2015 - 08:31

X lo spaghetti troll di nome Franco La pensione ITALIANA te la prendi e non ti fa schifo ??? Rinunciaci e fattela dare dalla Megera Angela !!! BUFFONE !!!