"Più di 6mila i jihadisti europei"

La denuncia del commissario europeo a Le Figaro: "Dobbiamo agire sulle cause. Fermare chi parte o torna è muoversi in ritardo"

Continua a crescere il numero di europei che hanno lasciato il Vecchio continente per andare a combattere il jihad. Diretti in Siria, sono ormai probabilmente più di seimila i foreign fighters ad avere raggiunto i gruppi islamisti come il sedicente Stato islamico.

"La stima è tra le cinquemila e le semila persone", dice in un'intervista a Le Figaro Vera Jourova, commissario europeo alla Giustizia, che non esclude però che il numero sia anche più alto, perché tenere d'occhio quanti si uniscono alle schiere jihadiste, nel caos della guerra siriana, non è semplice.

L'Unione Europea deve agire per impedire che sempre nuove persone partano per il jihad. E il commissario ha le idee chiare su dove sia necessario un intervento. Pensare a chi cerca di partire o a chi sta tornando è agire "in ritardo", dice la Jourova, che vorrebbe invece un'azione più puntuale sulla cause che spingono gli europei a raggiungere l'Isis.

Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 13/04/2015 - 12:13

"Dobbiamo agire sulle cause". Direi che ormai è troppo tardi. Non bisognava tollerare, a suo tempo, l'inflazione migratoria.

Renee59

Lun, 13/04/2015 - 12:48

Le cause, cominciare a rispedire gli islamici a casa loro, perchè questa non è la loro casa. Anzi stanno facendo di tutto per impadronirsene.