Le forze curde liberano 14 villaggi cristiani in Siria

Mentre in Iraq l'esercito e le milizie sciite riconquistano alcuni quartieri di Ramadi, in Siria i curdi liberano 14 villaggi cristiani dal terrore del Califfato

Questa mattina il direttore dell'Osservatorio siriano per i diritti umani Abdel Rahmane ha dato la notizia della liberazione di 14 villaggi cristiani assiri “dopo un'offensiva di dieci giorni da parte dei combattenti curdi”. La prima buona notizia dopo Il 23 febbraio scorso, quando l’Isis aveva assaltato la regione di Khaddour, che conta 35 villaggi assiri, mettendo in fuga oltre 5.000 persone. Tuttavia, secondo fonti siriane, ci sarebbero ancora circa 210 persone nelle mani degli jihadisti. La comunità degli assiri è tra le più antiche convertite al cristianesimo e conta circa 30 mila persone, il 2,5% di 1,2 milioni di cristiani in Siria, per lo più dislocate nei 35 villaggi della provincia di Hassaka. Secondo Oussama Edward, direttore della rete assira dei diritti umani (Radh) con base a Stoccolma, "il controllo dei villaggi dai curdi è stato possibile in seguito ai violenti raid della coalizione internazionale" a guida americana. Le formazioni militari curde e assire entrate nei villaggi abbandonati hanno riferito a fonti locali di aver trovato le chiese devastate e le case saccheggiate, con le croci divelte dai luoghi di culto cristiano e slogan anti-cristiani dipinti sui muri. Ma la vera bella notizia è che una parte delle famiglie assire che avevano trovato rifugio ad Hassaka hanno già fatto ritorno nel villaggi di Tel Tamar, dove la campana della chiesa assira è stata ripristinata e i suoi rintocchi hanno dato il segnale della prima Messa celebrata dopo l'esilio forzato.

Notizie incoraggianti arrivano anche dall'Iraq dove ha preso inizio l’operazione annunciata ieri da parte di Baghdad, decisa a riconquistare Ramadi. Le milizie sciite, teleguidate da Tehran, insieme all’esercito iracheno hanno ripreso il controllo di alcune parti della provincia di Anbar e parti della città capoluogo Ramadi, caduta nelle mani del Califfato due settimane fa. Secondo fonti irachene sarebbero morti in battaglia sedici soldati e decine di jihadisti.

Commenti

maricap

Mer, 27/05/2015 - 16:17

Grazie ai violenti raid dell'aviazione italiana, i curdi e gli sciti hanno prevalso in più punti, sui taglia gole dell'ISIS. Boh, devo aver sbagliato qualcosa, non mi tornano i conti. Noi siamo un popolo di Santi, poeti, navigatori.... almeno così crede e dice il cavron delle dolomiti. Beninteso tutti gli italiani, meno i leghisti.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mer, 27/05/2015 - 16:40

maricap: guarda che anche i Curdi sono Musulmani. E curdo era il "feroce" Dalah ed Din. Saladino. Allora esistono i Musulmani buoni?

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mer, 27/05/2015 - 16:41

maricap: Musulmano che liberano villagi cristiani? Ci credi?

Ritratto di hardcock

hardcock

Mer, 27/05/2015 - 16:52

Portare il negro Americano alla corte dell'Aia per attentato alla liberta' del mondo intero

Giorgio Rubiu

Mer, 27/05/2015 - 17:23

maricap - "...è stato possibile in seguito ai violenti raid della COALIZIONE INTERNAZIONALE" a guida AMERICANA. Nell'articolo non appare alcuna menzione dell'aviazione italiana che lei cita. Si, sono certo che lei ha sbagliato qualcosa, anzi, ha sbagliato moltissimo quando ha deciso di non imparare a leggere. Auguri

buri

Mer, 27/05/2015 - 17:29

Meno male che ci sono i Curdi, sono più efficacu della strategia, se cos' si può chiamare, di Obama

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mer, 27/05/2015 - 20:24

Ovvio che i Kurdi siano meglio: sono Musulmani!

mila

Gio, 28/05/2015 - 06:00

@ Omar - I curdi sono musulmani un po' eretici, almeno rispetto a quelli dell'ISIS

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Gio, 28/05/2015 - 10:16

mila: a me, da Musulmano, risulta che quelli dell'Isis non siano nemmeno veramente musulmani. E poi perché mai i Curdi sarebbero eretici? Forse vi rode che liberino villaggi cristiani? Ma questa è una consuetudine per i veri Musulmani. Proteggere gli uomini del Libro: cristiani ed ebrei. Chiamati anche Dhimmi: ovvero protetti.

maricap

Gio, 28/05/2015 - 10:56

Giorgio Rubiu, devo ringraziarti per avermi fatto notare lo sbaglio. E già, a bombardare pesantemente, è stata la coalizione guidata dagli americani, ma come avrebbe mai potuto conseguire risultati, se non avesse operato sotto la guida di Santi, Poeti e Navigatori. Ahahahahaha

maricap

Gio, 28/05/2015 - 12:46

Omar El Mukhtar, ma grazie per avermi reso edotto, che anche i curdi sono mussulmani, e pensare che io li credevo seguaci di Confucio, piuttosto che di Maometto. Per quanto riguarda poi i curdi, c'è da dire che questo popolo senza patria, sempre vessato da tutti coloro che li hanno incorporati,( Siria, Iraq, Iran) hanno sviluppato gli anticorpi necessari per la loro indipendenza e sopravvivenza, nella loro terra natia. Le dice niente tale Abdullah_Öcalan e la sua formazione guerrigliera PKK il partito dei Lavoratori del Kurdistan? Circa il fatto che poi, nella loro avanzata, abbiano anche liberato dai taglia gole dell'Isis villaggi cristiani, le ricordo che loro con i cristiani, gli yazidi, zoroastriani, Alevi, shabab, ebrei sono alleati, Infatti, brigate miste,combattono a loro fianco. ( Ciò avviene anche In Siria con le truppe di Assad) Segue

maricap

Gio, 28/05/2015 - 12:49

Part 2) Nel gran casino, creato dagli occidentali, con la defenestrazione di dittatori, senza peraltro provvedere ad occupare militarmente il territorio, e amministrarlo, fino all'avvento di una vera democrazia, si sono venute a creare situazioni paradossali. La Turchia mussulmana, in funzione anticurda foraggia L'ISIS, come pure l'Arabia Saudita e il Qatar in funzione anti Iran L'Iran sciita, combatte con gli sciiti iracheni, che non sopravviverebbero, senza il suo aiuto, finanziario e militare. Come pure Assad, che percepisce laute prebende dagli ayatollah, e un aiutino sul campo dal loro braccio armato ( Hezbollah) La Russia manda armi e aiuti finanziari alla Siria di Assad, in funzione anti americana. Gli americani bombardano l'ISIS sunnita in Iraq, quindi con ciò appoggiano gli odiati ayatollah, ma non li bombardano in Siria, anzi stavano per bombardare Assad. Segue

maricap

Gio, 28/05/2015 - 12:49

part 3) Israele e Europa hanno istruito e armato i curdi, ma il primo bastona anche hezbollah, che non ha mai perso il vizietto di sparacchiare missiletti. Da Gaza Hamas fa sapere, che è pienamente d'accordo con l'ISIS, e tanto per non perdere il vizio, anche dopo la batosta subita con l'operazione israeliana “ Margine di protezione”, di tanto in tanto, fa partire qualche missiletto verso Israele, che reagisce, suonandogliele ancora. In questo panorama di “Tutti contro tutti”, anche noi non ci facciamo mancare niente, infatti, ci stiamo facendo invadere dai profughi, creati da tutti loro.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Gio, 28/05/2015 - 13:14

Maricap: egregia spiegazione. Ovvero qui si tratta di sporca politica manovrata dalle potente imperialistiche. Con cui la religione non c'entra nulla! Qundi sarebbe ora che la smetteste di attaccare l' "Islam" e ve la prendeste con l' IS, con la Turchia, con gli USA o con la Russia. O anche col consigliere comunale del vostro paesello. In queste sporche cose l'Islam (o anche il cristianesimo, remember Bush che si andò a consigliare con il pastore della sua setta prima di bombardare l'Iraq?)non c'entrano nulla!

maricap

Ven, 29/05/2015 - 02:08

Si lo so che siete spiacenti, e non consentite la pubblicazione di documenti duplicati. E allora pubblicateli. -Omar El Mukhtar Io come ateo, (Lo sono diventato dopo aver studiato la Storia delle Religioni) non mi pongo il problema, semmai sono costretto a schierarmi con chi mi permette di pensare sempre con la mia testa, senza incorrere in sanzioni, a volte pagate addirittura con la vita. Maometto si è fatto una religione ad Hoc, per spingere la sua gente in guerra, al fine di fare conquiste territoriali, e la cosa gli è riuscita per secoli. Peccato per lui, che come tutte le cose terrene, tutto ha un inizio e una fine. Le dinastie si sono succedute nei secoli, perché, come sempre, dai siti più reconditi dell'impero, ( Quelli che il potere centrale poteva controllare meno) partivano le rivolte, che molte volte avevano successo, Poi i cristiani sono riusciti ad organizzarsi e li han buttati fuori dall'Europa.  Segue

maricap

Ven, 29/05/2015 - 02:09

Seconda parte - La tattica araba consisteva nel conquistare un territorio rendendo serva la popolazione che era così costretta a mantenere i guerrieri islamici. Questi inoltre con il ratto delle donne si procuravano quattro mogli e quindi numerosissimi figli, che diventavano i guerrieri di una successiva ondata invasiva. Aver interrotto il meccanismo ha tolto la "benzina" all'invasione araba, che a occidente fino a quel momento, non aveva subito intoppi. La bomba umana, che essi hanno ancora una volta innescato, finirà per scoppiare tra le loro mani, quando la massa di babbei che ci governano, saranno stati giustiziati per alto tradimento. Scannatevi pure, ma fatelo tra di voi, senza venire qui a romperci i cogl ioni, tentando di ripetere ora l'operazione che i vostri avi hanno dovuto interrompere, dopo gli scontri con uomini cazzuti. In Europa non ci sono solo i fro ci irlandesi, e ve ne accorgerete al momento opportuno.

mila

Ven, 29/05/2015 - 04:53

@ Omar -D'altra parte, l'ISIS si presenta come il vero difensore dell'Islam e obbliga spesso gli abitanti delle zone occupate a convertirsi. Se gli altri musulmani, non solo AlSisi o Assad, lo sconfessassero e lo combattessero, renderebbero un gran servigio all'Islam (oltre che a tutto il mondo).

fiorerosso

Mar, 30/06/2015 - 15:24

Grazie, grazie, grazie!