Frontex: "Bulgaria, Albania e Adriatico le prossime rotte dei migranti"

Il direttore di Frontex, Fabrice Leggeri: "con la chiusura della rotta balcanica due nuovi tronconi: Bulgaria e Albania-Adriatico". In Grecia è emergenza umanitaria per i migranti fermi a Idomeni e l'Europa divisa sui ricollocamenti è sempre più lontana da una soluzione alla crisi migratoria

Distribuzione di cibo ai migranti nel campo di Idomeni, al confine greco-macedone

Alfano, sul cambio di rotta dei migranti rassicura: non ci sono prove evidenti che il flusso si sposterà dalla rotta balcanica a quella adriatica. Ma intanto le cancellerie italo-albanesi aumentano i contatti e le prefetture pugliesi iniziano a muoversi per fronteggiare una eventuale nuova emergenza.

Che i migranti bloccati da giorni a Idomeni, al confine greco-macedone, possano cambiare strada e puntare verso la Bulgaria e l’Albania, e dunque verso le coste italiane, però, sembra essere davvero l’ipotesi più accreditata. E a lanciare l’allarme, in un’intervista rilasciata al quotidiano francese Le Monde è proprio il direttore di Frontex, Fabrice Leggeri, il quale ha affermato che la Bulgaria potrebbe essere “danneggiata” dalla chiusura della rotta balcanica. E non solo, il direttore dell’agenzia europea per la protezione delle frontiere esterne dei paesi membri dell'Ue ha annunciato attraverso le pagine del quotidiano d’Oltralpe che i flussi migratori provenienti dalla Turchia si divideranno in due tronconi: quello che attraverserà la Bulgaria, appunto, e quello che passerà attraverso l’Albania e il mar Adriatico. E quindi l’Italia.

Il governo di Sofia punta quindi su esercito e filo spinato da inviare ai confini con la Grecia, mentre Tirana ha già dato mandato ai suoi poliziotti di pattugliare giorno e notte le frontiere condivise con Atene. Ieri l’annuncio di Alfano dell’invio di 20 agenti della nostra polizia di frontiera per coadiuvare i colleghi albanesi è stato seguito da quello dell’omologo albanese Saimir Tahiri, che, sentito da Radio 24, ha confermato l’intesa con Roma per collaborare con infrastrutture e scambio di informazioni nella gestione di una eventuale prossima emergenza. “Noi siamo molto decisi a non lasciare che l'Adriatico venga usato di nuovo, come successe nel passato dai criminali, questo con certezza non succederà più, siamo decisi ad affrontare l'emergenza umanitaria tutti insieme, e con questo insieme intendo non solo l'Italia e l'Albania ma intendo l'Unione Europea”, ha detto il ministro degli Interni di Tirana, invocando una soluzione comune europea al “problema collettivo”, così lo definisce Tahiri, della crisi dei migranti.

E se una nuova emergenza migranti si prospetta sulle coste pugliesi, facendo tornare alla mente le drammatiche immagini dei profughi, all’epoca albanesi, che nei primi anni ’90 raggiungevano con i barconi le coste italiane attraverso il canale di Otranto, l’emergenza in Grecia, invece, non solo da giorni è già realtà, ma è arrivata al suo culmine, in un Paese già messo in ginocchio dalla crisi economica e politica. In 12 mila sono fermi al confine tra Grecia e Macedonia, nel campo di accoglienza di Idomeni, al collasso, dove il ministro della Difesa di Atene, Dimitris Vitsas, ha annunciato la creazione, entro il fine settimana di 50 mila nuovi alloggi per i rifugiati e il traserimento di parte degli ospiti del campo in altre strutture nel giro di una settimana. Gli sbarchi, intanto, non si fermano. I migranti continuano ad arrivare, con una media di 2 mila al giorno: 132 mila solo dall’inizio di gennaio. La Grecia ospita attualmente sul proprio territorio 42 mila profughi provenienti da Iraq, Siria e Afghanistan e lungo l’asse Salonicco-Polikastro e sul confine greco-macedone spuntano ogni giorno nuovi campi profughi.

Per il commissario Ue, Dimitris Avramopoulos la crisi umanitaria in Grecia è al “culmine”, e ieri Avramopoulos ha fatto appello agli Stati dell’Unione, affinché accettino i ricollocamenti proposti dalla commissione. Almeno 6 mila migranti al mese, secondo Bruxelles, dovrebbero lasciare la Grecia ed essere accolti sul territorio dell’Ue. Ma per ora, le 500 richieste di ricollocamento fatte dalla Grecia sono rimaste senza risposta, mentre continuano a dire no all’accettazione di quote di migranti da ricollocare sul proprio territorio Ungheria e Slovacchia. E da Stoccolma arriva anche l’attacco diretto alla cancelliera tedesca Merkel. La Svezia ha infatti minacciato di portare il governo tedesco davanti alla Corte di giustizia europea per non aver riaccolto sul proprio territorio i circa 700 richiedenti asilo registratisi in Germania che hanno poi fatto richiesta di asilo in Svezia, e per aver, di conseguenza violato il regolamento di Dublino.

La Turchia, infine, secondo quanto ha dichiarato il direttore di Frontex a Le Monde, “deve smettere di essere un’autostrada per l’Europa”. Ma anche l’intesa con Ankara, voluta con forza dalla cancelliera Merkel, sembra scricchiolare sotto il voto negativo di ieri del parlamento spagnolo, che ha bocciato le basi dell’accordo con il governo turco sui migranti discusse nello scorso vertice Ue-Turchia. I leader dell’Ue, che si preparano al prossimo vertice del 17 e 18 marzo a Bruxelles, sono quindi ancora lontani da una soluzione della crisi, mentre gli sbarchi continuano ed in Europa è sempre più emergenza.

Annunci
Commenti

venco

Sab, 12/03/2016 - 14:13

E si facciano subito campi profughi per accoglierli, e non lasciarli vagabondare nel territorio, che allora andrebbero ad alimentare la criminalità e terrorismo.

Ritratto di bracco

bracco

Sab, 12/03/2016 - 14:30

I nostri cialtroni dell'accoglienza, PD in testa , non vedono l'ora che inizino gli sbarchi. Le coop rosse sono già in fibrillazione per poterci lucrare

antonmessina

Sab, 12/03/2016 - 14:47

E MANTENIAMOLI TUTTI.. anzi immediatamente alziamo le tasse

Una-mattina-mi-...

Sab, 12/03/2016 - 14:51

Bulgaria, Albania e Adriatico le prossime rotte dei migranti" Bene, adesso basta chiudere anche queste rotte e fare dietro front. Così magari possono mettersi in testa che qui la festa è finita, gli hotel sono pieni e non c'è lavoro.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 12/03/2016 - 14:56

sa sa ho capito, cominciamo a mettere mano al portafoglio, altro che eliminare il bollo auto.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 12/03/2016 - 15:02

loro avranno le rotte, ma a noi ci hanno rotto. Non per mancanza di sensibilità, ma perchè mi sembra che sia tutta arroganza e voglia di prenderci in giro, più che scappare da un pericolo. Se scappi, basta essere dopo il confine dove si svolgono le tragedie per essere tranquilli, non c'è bisogno di scegliersi il meglio. Io la penso così. perchè non vanno negli Emiri arabi, come Dubai? Cosa manca lì? C'è bisogno di manodopera, sono di religione islamica sono straricchi e quindi dove sta il problema?

Ritratto di manganellomonello

manganellomonello

Sab, 12/03/2016 - 15:27

Respingimenti via mare come succede a Malta. Nel giro di un mese nessuno si affaccerà più nel mar Adriatico. Ora attendo qualche post di qualche finto buonista di finta sinistra, cxxxxxxe che mi dia del fascista. Allora a Malta sono fascisti come in Australia o Nuova Zelanda o come in Canada.

Ritratto di MARKOSS

MARKOSS

Sab, 12/03/2016 - 15:27

Togliamo le misere pensioni agli Italiani e diamole a loro.

franco-a-trier-D

Sab, 12/03/2016 - 15:36

AVANTI VERSO L'ITALIA C'è POSTO PER TUTTI.

Keplero17

Sab, 12/03/2016 - 15:51

Non vi preoccupate ci pensa Renzi, ne prendiamo solo 1 milione questa volta.

Furgo76

Sab, 12/03/2016 - 15:52

Ció che piu mi fa arrabbiare è la reticenza dei paesi dell'est nel ricevere i profughi! Se lo avessimo fatto noi quando erano loro a scappare? Altra cosa poi il comportamento della Merkel, prima accoglienza senza limiti , poi svolta totale con un impegno enorme a spendere soldi pur che li tenga qualcun'altro! E noi italiani che non riusciamo a imporre nulla e dobbiamo sempre mettere una pezza all'incompetenza di bruxells!

Ritratto di mavi5247

mavi5247

Sab, 12/03/2016 - 16:17

tutti in vaticano.....tendopoli sotto montecitorio!!!

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Sab, 12/03/2016 - 16:25

Nuove risorse islamiche in arrivo. In Italia gioiscono tre specie di buonisti. I buonisti intellettualoidi, studenti e fancazzisti mantenuti con la paghetta di papà e che sognano la rivoluzione comunista dei nuovi proletari "migranti". I buonisti per interesse, che lucrano sul traffico e sull'assistenza e che si portano le soubrette in Ferrari a Montecarlo e se incontrano un migrante per la strada ci passano sopra con la macchina. Per finire i buonisti inconsapevoli, tutti dipendenti statali o pensionati, felici perché tanto lo stipendio statale o la pensione arriva sempre, e se possono succhiare dalla mammella dello Stato anche i migranti, perché non farlo? L'unione di questi tre buonismi inchioda l'Italia al suo triste destino. Avanti coi barconi, allora.

Ritratto di wilegio

wilegio

Sab, 12/03/2016 - 16:25

Ma gliel'hanno detto ad alfano?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 12/03/2016 - 16:42

Cominciamo ad allestire , all'uopo, hotels a 5 stelle in Puglia...

apostrofo

Sab, 12/03/2016 - 17:08

Se c'è la globalizzazione,che si invoca ogni momento, esiste un'Australia,un Canada dove la popolazione per metro quadrato è bassissima e dove esiste una struttura di base efficiente da poter accogliere ed integrare numeri enormi di immigrati. In questi paesi si inviavano con magnifici DC8 Alitalia negli anni 60 profughi dalla cortina di ferro sovietica. Ma c'era il CIME o ICEM struttura mondiale ed efficiente per i rifugiati. Dove è andata a finire ? Funzionava troppo bene, perciò l'abbiamo eliminata ? Questi immigrati a chi servono ? Pare che siano già circa 7 milioni in Italia = 7 milioni di voti ? Quanti ne vogliamo "inzeppare" ancora nella nostra italietta ?

Ritratto di DASMODEL

DASMODEL

Sab, 12/03/2016 - 17:17

...la piccola Malta spara sui barconi e nessuno fiata, dicasi lo stesso x Melilla...in Italia ad ogni naufragio pur oltre acque territoriali,l'Accogliente, sinistrume vario und UE ci ammorbano l'esistenza. Quando capiranno che in Italia non c'è più trippa per gatti? -Sig.@@Manganellomonello15,27- che fascista... ha ragione.

franco-a-trier-D

Dom, 13/03/2016 - 07:37

bravi compagni italiani cosi farete contenti i governanti del PD non siete contenti? Io dico di si visto che li amate tanto votandoli sempre.