Un gallo che ricorda Trump. La statua cinese fa ridere i social

Il progetto statunitense fa bella mostra di sè davanti a un centro commerciale

Non saranno tutte rose e fiori le relazioni tra la Cina e Donald Trump, minate da un'apertura a Taiwan che a Pechino non hanno troppo apprezzato, leggendovi una svolta storica del punto di vista americano sullo Stato de facto.

Il passo indietro sulla politica dell'unica Cina, la direttrice che da decenni governa i rapporti tra Washington e Pechino, non ha tuttavia impedito ai cinesi di erigere un colossale statua a forma di gallo che ricorda, neppure troppo vagamente, il nuovo presidente degli Stati Uniti, soprattutto nella scelta dell'acconciatura.

Alta più di sette metri, è stata piazzata fuori da un centro commerciale nella città di Taiyuan, per celebrare l'inizio dell'Anno del gallo del calendario lunare cinese, a meno di un mese dall'inaugurazione ufficiale del mandato di Trump.

Nonostante i rapporti al momento non facilissimi tra i due Stati, i cinesi sembrano avere apprezzato il monumento e i commenti sui social network sono generalmente positivi. E in vendita online sono finite anche repliche "gonfiabili" del pollo-Trump.

Stupito il designer che ha realizzato il progetto, Casey Latiolais, che al New York Times ha spiegato di averlo completato a novembre e che il risultato finale è molto più imponente di quanto aveva immaginato. Nessuna spiegazione sul perché quel gallo assomigli al nuovo presidente americano: la Beijing Reliance Commercial Land voleva solo una statua per l'anno del Gallo.

Commenti

agosvac

Ven, 30/12/2016 - 13:45

I contrasti tra Trump e la Cina si svolgono sul piano commerciale e finanziario, nulla a che vedere con quanto fatto da obama/clinton che, invece, si svolgeva sul piano del contrasto bellico. La Cina è economicamente molto forte ed è, per questo, un elemento di disturbo per l'economia Usa. E' logico che Trump voglia proteggere l'economia americana. Ciò non significa che dichiarerà guerra alla Cina oppure incaricherà la Cia di destabilizzare la Cina come ha fatto Obama nel medio oriente con le famigerate primavere arabe!!!

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 30/12/2016 - 13:49

----è chiaro che trump ha detto di voler normalizzare i rapporti con la russia---e tutte le persone razionali se lo augurano---però è anche vero che con le sue prime dichiarazioni ancor prima dell'insediamento ha creato delle frizioni sia con la cina e sia con l'iran--aspettiamo e speriamo---nessuno in cuor suo vorrebbe che trump facese anche peggio del suo predecessore ---francamente mi ispira la stessa fiducia di bush figlio---un sempliciotto con in mano le leve del comando---hasta

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 30/12/2016 - 14:18

----caro ago-- tra la cina e taiwan gli screzi non sono certo di natura economica---e se trump si intrattiene al telefono con il presidente taiwanese secondo te la cina non è legittimata a pensare che trump abbia fatto una scelta di campo?----hasta