Bassa Sassonia, Cdu ​primo partito ma perde diversi punti

Le elezioni locali nella Bassa Sassonia confermano la Cdu come primo partito, che perde però diversi punti. Si afferma la destra anti-immigrazione

Angela Merkel arretra nuovamente. In occasione delle elezioni comunali che si sono tenute nella Bassa Sassonia (Niedersachsen) la Cdu si conferma il primo partito, ma conferma anche le tendenze già emerse con le tornate elettorali degli ultimi mesi: il partito della Cancelliera perde infatti diversi punti percentuali e ne perdono ancora di più i socialdemocratici della Spd, i Verdi e l'estrema sinistra della Linke. L'unico partito ad aumentare i propri consensi è Alternative fuer Deutschland, che ottiene diversi risultati a doppie cifre ed entra in tutti i parlamenti locali in cui si è andato al voto.

La Cdu si conferma dunque il primo partito ma non riesce ad allontanare i malumori. La Bassa Sassonia è infatti considerata una roccaforte cristiano-democratica, gli uomini della Merkel arretrano però nei consensi. Rispetto al 2011, anno delle precedenti elezioni locali, perdono il tre per cento dei voti, ottenendo il 34per cento delle preferenze. Il primo dei perdenti è però la Spd, che perde quattro punti percentuali e viene scelta dal 31 per cento dei votanti, perdendo in alcuni comuni addirittura del 10 per cento. Alternative fuer Deutschland si presenta per la prima volta alle elezioni e ottiene il 7,8 per cento.

In tutto hanno votato 6,5 milioni di cittadini, che confermano quanto già emerso precedentemente. In Germania crescono i movimenti conservatori, euroscettici e anti-immigrazione, mentre perdono terreno quelli che sostengono le politiche migratorie di accoglienza volute dalla Cancelliera.

Commenti
Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Lun, 12/09/2016 - 17:50

Ecco bravi con il 7,8% all'AfD voi di destra andrete lontano, molto lontano.