Germanwings, trovata la seconda scatola nera

A dieci giorni dalla strage in cui sono morte 150 persone, trovato il chip che ha raccolto i dati di volo e alcuni cellulari: "Dati utilizzabili"

A quasi dieci giorni dallo schianto del'Airbus A320 della compagnia tedesca Germanwings è stato finalmente trovato il chip della seconda scatola nera disperso dopo l'impatto con le montagne.

L'annuncio è stato dato dalla procura di Marsiglia che indaga sulla strage in cui sono morti 150 persone dopo che il copilota Andreas Lubitz ha deliberatamente portato il velivolo contro le Alpi francesi, come è emerso dalla registrazione delle voci nella cabina di pilotaggio contenute nella prima scatola nera, ritrovata quasi immediatamente dai soccoritori arrivati sul luogo del disastro. Del secondo dispositivo, quello che registrava i dati di volo, era stato invece trovato soltanto l'involucro.

Secondo il procuratore Brice Robin, le condizioni della seconda scatola nera fanno "ragionevolmente sperare" che i dati siano utilizzabili nonostante i danni riportati. Il dispositivo è stato trovato incastrato nel terreno: "È stato necessario scavare per estrarla", ha detto Robin, "Sembra che sia stata esposta al fuoco perché è totalmente annerita". La scatola nera verrà inviata stasera stessa a Parigi per farla esaminare dagli esperti dell'Ufficio di inchiesta e analisi per la sicurezza dell'aviazione civile (Bea). I dati estratti saranno "un'integrazione indispensabile agli elementi necessari alla comprensione di ciò che è accaduto negli ultimi minuti del volo", ha aggiunto Robin.

Per identificare tutte le vittime, invece, ci vorranno ancora tra le tre e le cinque settimane.

Commenti
Ritratto di gammasan

gammasan

Gio, 02/04/2015 - 16:59

Ma avevano già comunicato che era stata trovata la seconda scatola nera e che era priva della scheda di memoria... E poi, come ho scritto precedentemente, la buca, il cratere, prodotto dall'impatto di un aereo che colpisce il suolo a 700 chilometri l'ora possibile che non lo facciano vedere? Il fatto che i rottami si siano sparsi in un raggio di due chilometri, mi fa pensare a un'esplosione in aria. Boh!

little hawks

Gio, 02/04/2015 - 17:01

Che orrore un uomo che si ammazza portando con se altre 150 persone che nemmeno conosceva. Lo stesso orrore che si prova quando si sente di malfattori che si fanno esplodere in una folla in preghiera. La società civile deve prendere tutte le precauzioni perché questi crimini efferati non possano avvenire. Ben vengano le visite psichiatriche più approfondite ma è prudente dare la cloche ad un seguace del Corano?

Raoul Pontalti

Gio, 02/04/2015 - 17:36

Due commenti, due bananas... Quando un aereo si schianta contro una parete di roccia e queta viene giù non si vedono crateri, ma si cercano e trovano resti umani anche a qualche metro di profondità fra i detriti tellurici. Due km quadrati(area di dispersione dei frammenti del relitto) non corrispondono a due km di raggio (con area di oltre 12 kmq). Giusta l'osservazione sulla cloche ad un seguace del Corano, infatti i piloti suicidi fino ad oggi sono risultati, kamikaze giapponesi a parte, per lo più cristiani e Lubitz era precisamente luterano. Avanti bananas sfidando la fisica, la logica e il buonsenso!

st.it

Gio, 02/04/2015 - 20:06

Alla germanwings un pazzo in cabina di pilotaggio , in italia un crexxxtino a palazzo chigi

cammi21

Ven, 03/04/2015 - 05:29

Egregio (si fa per dire) Raoul Pontalti, tutto giusto... fisica, logica, buonsenso... Sarei curioso di sapere in quale "buco" del suo organismo queste doti se le ficca quando sta in una cabina elettorale, visto che da credito a questa marmaglia di disadattati e spaventapasseri che attualmente ci governa!!!!

zingozongo

Ven, 03/04/2015 - 08:04

ragionevolmente sperare che i dati siano recuperabili? ma allora che queste sccatole nere le costruiscano molto piu robuste viste che poi servono solo quando un aereo cade e subisce grandi danni...fatelo piu grandi e rivestite con il kevlar che diamine !

Gibulca

Ven, 03/04/2015 - 10:59

Quando c'è un disastro o un attentanto si vedono subito gli elettori di sinistra, che si differenziano da quelli di destra per un semplice motivo: credono alla teoria del complotto, credono alle teorie non ufficiali e ovunque vedono americani armati, servizi segreti deviati, militari senza scrupoli, ricchi affaristi, lobby del petrolio e - a ben vedere - anche Berlusconi e Salvini. Mi meraviglia solo che non vedano anche Nonna Papera e Winnie the Pooh. Sinistri: siete veramente vergognosi! Sparite, per favore...