Gesù come McDonald: proteste in Israele per l'opera blasfema

Le opere d'arte esposte al museo di Haifa hanno causato l'ira dei cristiani di Terra Santa, e adesso monta la protesta

Due presunte "opere d'arte" su Gesù, in mostra al museo di Haifa, in Israele, sono state duramente condannate dall'Assemblea degli ordinari cattolici di Terra Santa.

In un'opera, il pagliaccio simbolo di McDonald è messo in croce al posto di Cristo, in un chiaro obiettivo blasfemo. Nell'altra opera incriminata, invece, appare Gesù crocifisso ma dalle sue mani pendono delle confezioni regalo. Come riporta Tgcom24, il portavoce il portavoce dell'Assemblea degli ordinari cattolici, Wadie Abunassar, ha criticato e chiesto le scuse del Museo: "Una rappresentazione offensiva che ha fatto arrabbiare molti, cristiani e non cristiani".

E adesso monta la rabbia. I media israeliani hanno riferito di proteste davanti al Museo. La figura di Gesù, oltre a essere considerata sacra per i cristiani, lo è anche per i musulmani. E nello Stato ebraico, dove la tensione è sempre elevata, si rischia sempre di incendiare gli animi. Opera blasfeme come questa, oltre a offendere la fede degli abitanti, rischiano di essere un pericolo per la sicurezza.

Commenti

killkoms

Ven, 11/01/2019 - 22:40

se le fa qualcuno su di loro è razzismo!

stefano751

Sab, 12/01/2019 - 17:32

Gli ebrei devono capire una volta per sempre che Gesù è un ebreo, figlio di ebrei, padre putativo Giuseppe, madre naturale Maria di Nazareth di Giudea. Ogni offesa anche al più infimo degli ebrei dovrebbe essere condannata in maniera esemplare, immaginiamoci poi se si offende non solo un loro cittadino, ma anche una persona sacra per altre religioni.