Migliaia in strada ad Atene contro la visita in Grecia di Obama

Sinistra e anarchici contro l'imperialismo. Oggi un discorso sui nuovi populismi

Uno striscione con la scritta "Contro la visita di Obama" in corteo ad Atene

Sono principalmente esponenti della sinistra greca e attivisti anarchici i manifestanti che sono scesi in strada ad Atene, circa 2.500, per protestare contro l'arrivo nella capitale greca di Barack Obama, impegnato nel suo ultimo viaggio presidenziale nei Paesi europei prima del passaggio di consegne definitivo con il suo successore Donald Trump.

Una manifestazione rumorosa, in cui si sono visti striscioni contro l'imperialismo statunitense e altri che definivano Obama "persona non grata" nel Paese, bloccata sulla strada che porta verso il palazzo presidenziale di Atene, dove il premier Alexis Tsipras ha incontrato il presidente americano, ospite del capo dello Stato Prokopis Pavlopoulos.

Si concluderà oggi la visita di Obama ad Atene, con un discorso al centro culturale Stavros Niarchos che farà seguito alla sua visita all'Acropoli, già in mattinata. Ci si attendono parole sugli errori commessi dalle "forze della globalizzazione" e un ragionamento sull'ascesa, non solo nel Vecchio continente, dei movimenti populisti.

Di Europa e della necessità di non mettere da parte i valori comuni ha parlato ieri sera anche il presidente greco, durante la cena di Stato organizzata ad Atene. "Lavoriamo - ha detto - insieme ai nostri partner che condividono un orientamento europeo genuino e senza egoismi, in modo che il progetto europeo riscopra i principi ed i valori su cui è stato fondato".

Commenti
Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Mer, 16/11/2016 - 11:09

Ahahah dopo lo schiaffone delle elezioni, il povero Obama viene anche accusato di imperialismo nel suo ultimo viaggio istituzionale. Proprio lui che è l'icona del neo-illuminismo sinistroide internazionale (NISI).

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 16/11/2016 - 11:11

Alba Dorata unica speranza per la Grecia.

paci.augusto

Mer, 16/11/2016 - 11:32

' Atene in strada contro Obama ' mi si permetta la rettifica in ' Teppisti comunisti in vergognosa cagnara contro gli Stati Uniti ad Atene'. Non è certo una novità che il teppismo professionista trinariciuto sia SEMPRE PRONTO a creare beceri disordini cittadini per inveire contro i 'nemici mortali ' politici, tra i quali in prima posizione si trovano gli Stati Uniti.

alox

Mer, 16/11/2016 - 11:38

hahaha certe proteste (a quanto si vede pacifiche!) invece sono legittime...beh almeno in Grecia l'hanno fatto parlare mentre i vostri capi Russi non li vuole proprio piu' nessuno!

maurizio50

Mer, 16/11/2016 - 11:45

Il prossimo ex Presidente Obama è il responsabile della destabilizzazione di tutto il Nordafrica e per conseguenza dell'invasione in Europa di milioni di Africani. La sua teoria del portare la democrazia nordamericana nei Paesi Arabi ha portato tali paesi nel disastro, con sfaldamento di interi Stati, vedi la Libia, e il permanente pericolo di caduta nel terrorismo di altri, vedi Tunisia ed Egitto. Per non parlare della tragedia della Siria. Quindi i fischi ad Obama sono strameritati, anche se provenienti dai fanatici dell'estrema sinistra ellenica!!!!

Libertà75

Mer, 16/11/2016 - 12:12

anche l'estrema sinistra si rende conto del razzismo promosso dai cosidetti democratici

Valvo Vittorio

Mer, 16/11/2016 - 12:40

Il popolo greco dimostra ancora una volta che nella stragrande maggioranza di esso è privo di ambizioni, si contenta di poco e filosofeggia sulla libertà dell'individuo! Ciò è il contrario dell'edonismo reaganiano: lavorare di più per comprare casa, automobile, mantenere i figli all'università, contribuire alla ricchezza della nazione. Pertanto che Obama vada in Grecia e susciti proteste del popolo non desta alcuna meraviglia! La vera colpa è della comunità europea che ha consentito alla Grecia di entrare in essa.

aitanhouse

Mer, 16/11/2016 - 12:44

TG 1 o TELERENZI delle ore 8 del 16/11 servizio dalla grecia,testualmente "durante la visita del presidente obama ,migliaia di persone si sono riversate per le strade per protestare contro l'elezione di TRUMP...." Ci siamo chiesto stamane: ma cosa importa ai sinistri greci dell'elezione di trump ,quando a casa loro sono alla fame? ed ecco che dai notiziari e giornali salta fuori che la protesta non era contro trump , ma contro obama e l'imperialismo americano. Ottima informazione da parte del telerenzi a cui milioni di italiani attingono le loro conoscenze giornaliermente!!!!!!!!! Dilatare le proteste contro l'elezione di trump è forse una tessera alla costruzione del mosaico per il si? ebbene sembra proprio così: cosa non s'inventerebbero per dare una mano questi "strani" redattori?

lambi65

Mer, 16/11/2016 - 13:54

Valvo Vittorio una precisazione, fu l'allora presidente della commissione Europea Romano Prodi ad insistere per l'ingresso della Grecia nell'euro, i burocrati di Bruxelles erano contrari, ma Prodi betteva i pugni sul tavolo e festeggiò la sera prima che la commissione approvasse a champagne millesimato con gli amici di merende.

nordcorea

Mer, 16/11/2016 - 14:38

VAGABONDI ANDATE A LAVORARE!!§!!!!!

agosvac

Mer, 16/11/2016 - 15:08

Capisco che i Greci non amino obama, in fondo lui ha appoggiato tutte le risoluzioni della Ue, volute dalla signora merkel, che hanno ridotto la Grecia a essere quello che è: quasi oltre i limiti della catastrofe.