La guerra di Erdogan contro le Ong

Continuano gli arresti di attivisti per i diritti umani in Turchia. Questa volta a farne le spese è Amnesty International

Non si ferma la guerra di Erdogan a qualsiasi organizzazione che possa essere anche lontanamente legata al tentativo di colpo di Stato dell’anno scorso. Questa settimana, a farne le spese, è stata Amnesty International, contro cui la polizia turca ha organizzato una vera e propria retata durante un incontro che si stava svolgendo in un hotel dell’isola di Buyukada, nel Mar di Marmara, e che aveva come argomento la sicurezza informatica. La polizia ha fatto irruzione nell’albergo ed ha arrestato dodici persone, fra cui, in particolare, spicca la direttrice di Amnesty International in Turchia: Idil Eser. Secondo il quotidiano Hurriyet, alle persone fermate durante la retata della polizia, non è stata concessa nemmeno la possibilità di contattare un avvocato e non è chiaro il motivo per cui sono stati portati di forza nella più vicina stazione di polizia. Il segretario generale di Amnesty International, Salil Shetty, ha affermato che ciò che è avvenuto nell’hotel di Buyukada è un “abuso di potere grottesco che rivela la situazione precaria affrontata dagli attivisti per i diritti umani nel paese.”

Non è la prima volta che Amnesty International viene indicata dalle forze di sicurezza turche come una delle organizzazioni legate al movimento di Fetullah Gülen, colui che il presidente Erdogan ha subito individuato quale mandante del fallito golpe del 15 luglio 2016. Il 6 giugno, esattamente un mese prima di questa seconda retata, a essere arrestato dalle forze di polizia di Ankara è stato Taner Kiliç, presidente di Amnesty International Turchia, e sempre per lo stesso motivo: presunti legami con la rete di Gülen e collaborazione con i golpisti. L’organizzazione internazionale si è difesa affermando, come ovvio, che non esistono alcuni legami fra A.I. e il fallito golpe e hanno detto che le accuse sono senza fondamento. L’arresto, tuttavia, è ancora in atto, e non sembra che la Turchia abbia intenzione di ritrattare.

Quello che è sempre più chiaro in queste settimane, è che l’accusa di collaborazione con il fallito colpo di Stato si stia trasformando in uno strumento sempre più evidente di “grandi purghe” all’interno del Paese. Erdogan non sta soltanto colpendo la presunta rete di Fetullah Gülen, ma sta ripulendo il Paese da qualunque opposizione che non sia quella interna al Parlamento. Ogni possibile legame con i gulenisti o una presunta avversione verso il regime di Erdogan, è etichettato come collaborazionismo con i “terroristi” e diventa lo strumento per sbattere le persone in carcere. I numeri di questo repulisti turco sono altissimi: da luglio dell’anno scorso, più di 150mila persone hanno perso il loro posto di lavoro e 50mila sono i detenuti condannati o in attesa di giudizio.

Le ONG, sia nazionali sia internazionali, sono state da subito fra le prime vittime delle retate di Erdogan. Accanto alle accuse di sostenere il colpo di Stato, la ragione principale di questa guerra alle organizzazioni non governative è da ricercare nei loro legami con l’estero: con Paesi che non hanno buoni rapporti con la nuova politica di Ankara. Non a caso, fra i detenuti di mercoledì scorso, insieme alla direttrice di Amnesty, figurano anche Ilknur Üstün, della Coalizione delle Donne, Günal Kursun e Veli Acu, di Human Rights Agenda. E Già nell’aprile del 2017, quattro ONG internazionali, fra cui un’italiana, sono state private dell’autorizzazione ad operare sul territorio turco. Il sospetto del governo turco è che queste organizzazioni operino formalmente per la difesa dei diritti umani ma poi sostengano in sostanza l’opposizione turca.

L’Unione Europea, intanto, ha deciso di muovere passi contro Erdogan e la sua nuova via autoritaria. L’Europarlamento ha approvato nei giorni scorsi una mozione in favore della sospensione del processo di adesione della Turchia all’Unione Europea - formalmente ancora in piedi - qualora Erdogan non decida di interrompere il processo di riforma costituzionale attivato dopo la risicata vittoria al referendum di quest’anno. La richiesta è ora al vaglio della Commissione Europea, che dovrà decidere entro tempi più o meno certi. Secondo il Parlamento Europeo, se Erdogan non cambia idea quantomeno sulla reintroduzione della pena di morte, il processo di adesione dovrà arenarsi del tutto, ma è evidente che ciò che muoverebbe a più miti consigli il governo di Ankara sono i soldi: uscire dal processo di adesione significa perdere miliardi di euro che Bruxelles garantisce ai Paesi che vogliono entrare nell’UE per modificare la propria situazione interna. Bisognerà capire fino a che punto Erdogan sia disposto a perdere questi soldi, ma soprattutto fino a che punto l’Unione Europea possa fare a meno di una Turchia autoritaria alle sue porte, che blocchi, con la garanzia di miliardi di euro, il flusso di migranti.

Commenti
Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Dom, 09/07/2017 - 15:59

per la legge dei grandi numeri, ogni tanto ne fa una giusta anche Erdogan

tormalinaner

Dom, 09/07/2017 - 17:12

Ben fatto, queste ONG causano solo problemi dovrebbero chiuderle.

rossini

Dom, 09/07/2017 - 17:12

Vuoi vedere che questo Erdogan mi comincia a stare simpatico?

alox

Dom, 09/07/2017 - 17:12

Erdogan non vuole l'Europa, l'Europa non vuole Erdogan dov'e' il problema? Ong, opposizione...chiunque e' un nemico se stai dall'altra parte di di Erdogan/Putin...che almeno i Turchi/Russi se ne stiano nel loro Paradiso! E intanto, l'altra faccia della stessa medaglia Putin, ha dato scacco matto a Navalny (il leader del "FORZA ITALIA" RUSSO): la Sua campagna elettorale Offende la Religione Ortodossa! Hhahhahaha

paco51

Dom, 09/07/2017 - 17:17

non ho nulla da dichiarare!

Silvio B Parodi

Dom, 09/07/2017 - 17:20

speriamo arresti anche quelli che fanno la spola tra Libia e Italia.

Silvio B Parodi

Dom, 09/07/2017 - 17:21

cento anni fa' la Libia era in mano ai turchi, speriamo che riescano a riprenderla, e tutto si aggiustera'.

Ritratto di ElioDeBon

ElioDeBon

Dom, 09/07/2017 - 17:22

Bene Erdogan, molto bene... Peccato che non c'era in nostro Gino Strada...

Demetrio.Reale

Dom, 09/07/2017 - 17:24

in Turchia hanno anche un esercito coi controc*****, che fa i colpi di stato, qui abbiamo il capo della marina che difende le ONG. Ognuno ha l'esercito che si merita (e lo si è visto 70 anni fa)

opinione-critica

Dom, 09/07/2017 - 17:44

Erdogan convincerà Amnesty International a scorazzare nella UE e non intromettersi negli affari turchi. Erdogan non è stupido: vuole soldi non clandestini...o cxxxxxi...

Jesse_James

Dom, 09/07/2017 - 17:51

Ma si, li arrestasse. Così la smettono di riempirci di clandestini!

agosvac

Dom, 09/07/2017 - 17:51

Erdogan è una schifezza di persona, ma questa volta che se la prende contro le ong ha pienamente ragione!!!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 09/07/2017 - 17:57

Mi sembra che gli emeriti della UE stiano ciurlando nel manico. Dopo reiterate manifestazioni di palese violazione dei principi su cui si fonda la Carta Costituzionale della Unione Europea bisogna essere "tre scimmiette" che stanno a vivacchiare nella tana dell'orso dove le tre una all'insaputa dell'altra non manifesta il pericolo di essere divorata dall'orso che le ospita. Non ho visto tanti muslim che abiurano la loro fede natale per abbracciare un credo differente ovvero se uno nasce lupo difficilmente riuscirà a perdere l'istinto del branco con le naturali conseguenze.

Marcello.508

Dom, 09/07/2017 - 18:10

dr.Strange - Quasi quasi le do ragione!

Totonno58

Dom, 09/07/2017 - 18:15

Schifo

Ritratto di depil

depil

Dom, 09/07/2017 - 18:16

proprio vero anche un criminale ne può fare una giusta

Ritratto di marystip

marystip

Dom, 09/07/2017 - 18:46

E' fatte bbe.

Reip

Dom, 09/07/2017 - 19:16

... Questa volta il gran Sultano tra sultanate varie ne ha azzeccata una giusta!

FRATERRA

Dom, 09/07/2017 - 19:26

BRAVO ERDOGAN ARRESTALI TUTTI E TIENILI IN TURCHIA A PANE E ACQUA.....

Cheyenne

Dom, 09/07/2017 - 19:34

IN QUESTO CASO HA FATTO BENISSIMO

Cheyenne

Dom, 09/07/2017 - 19:35

LE ONG SONO ORGANIZZAZIONI CRIMINALI FORAGGIATE DA CRIMINALI

Il-Discrimine

Dom, 09/07/2017 - 19:44

Finalmente qualcuno con gli attributi che prende a calci un culo queste pseudo e false organizzazioni al servizio dei servizi segreti.

giovanni951

Dom, 09/07/2017 - 20:40

tutte le ong fanno capo a potentati economici quindi bravo erdogan

Tarantasio

Dom, 09/07/2017 - 20:40

sogno di una notte di mezz'estate: gentilini ordina la messo al bando delle ONG e l'arresto dei capi ...

Legionefelix

Dom, 09/07/2017 - 20:41

questo giornalino dove scrivono giornalai più' che giornalisti al paro di tutti gli altri giornalai di itaglia non meriterà mai più la mia attenzione non avendo mai pubblicato un mio commento...critica continuamente i comunisti e poi fa più' censura di Stalin sui commenti...va andate a a c...

VittorioMar

Dom, 09/07/2017 - 20:44

...CON TUTTE LE "BUFALE" CHE CONFEZIONANO E VENDONO :::QUALCHE VOLTA DEVE PUR TOCCARE A LORO E IL LORO CAPO L"SS"DI NOSTALGICA MEMORIA ...!!!

Una-mattina-mi-...

Dom, 09/07/2017 - 21:04

OTTIMO! SI PRENDA ESEMPIO DA CHI HA ANCORA LA TESTA SULLE SPALLE, E NON FA RISCHIARE AI PROPRI CITTADINI DI PERDERE LA PROPRIA

Yossi0

Dom, 09/07/2017 - 21:28

toh stavolta ha fatto una mossa azzeccata

pier1960

Dom, 09/07/2017 - 23:03

ci vorrebbe in italia, altro che questi delinquenti al governo che considerano gli italiani degli idioti da mungere

QFT

Dom, 09/07/2017 - 23:07

Erdogan. Solo 18 mesi fa eravamo convinti fosse un dittatore islamista. Alla luce del bagno di sangue che ambienti politically-correct hanno preparato per il popolo Turco attraverso il golpe di stato, ci siamo ricreduti. Le ONG sono una novità' creata ad arte quale strumento di pressione politica. Colpi di stato a go-go per ogni dove, dall'Estremo Oriente sino al Sud America passando per l'Europa (Ucraina: 2 volte in 7 anni). Bravo Erdogan. Imparare da Lui ed applicare. Una volta ancora il Mondo e' diviso fra quelli che, pur di rimanere in vita sono disposti a farsi sottomettere dai Comunisti e quelli che, pur di rimanere Uomini Liberi, sono disposti a combattere e morire se necessario. E Noi siamo di questi.

Ritratto di ateius

ateius

Dom, 09/07/2017 - 23:09

certo Erdogan ama fare fuori tutti coloro che possono minare il suo Potere. non credo miri alle reali responsabilità di chi colpisce...ogni ostacolo per lui va abbattuto.- facendo tabula rasa attorno a sé... soddisfa molti appetiti. ma chi mangia il vitello grasso alla fine è sempre e solo lui.

ESILIATO

Lun, 10/07/2017 - 00:46

Non dimenticare Medici senza Frontiere, creati e mantenuti dagli organi dello spionaggio francese.

idleproc

Lun, 10/07/2017 - 08:14

Bel colpo, se putacaso passasse di lì anche la Merkel con il resto della compagnia, sarebbe forse chiedere un po' troppo alla fortuna.

alfa553

Lun, 10/07/2017 - 08:14

Questo si che e un governante con gli attributi, e se la storia non m'inganna, essi furono coloro che si appropriarono dell'impero romano e lo fecero anche bene.Altro che MAMMA LI TURCHI, mamma meno male che ci sono i turchi......

ANTONIO1956

Lun, 10/07/2017 - 08:26

Questo dittatore sta sfruttando il pretesto del fallito colpo di stato per eliminare tutti gli avversari politici. Questa persona è un pericolo per il mondo intero, non dimentichiamo che i musulmani vogliono sottomettere tutti gli altri popoli e solo la Turchia ha in realtà reali possibilità, non certo ISIS o Daesh o AlQuaida. Certo le ONG sono vendute al miglior pagatore (Soros ??) ma in questo caso probabilmente Amnesty International ha ragione: gli arresti non sono giustificati.

Ritratto di ateius

ateius

Lun, 10/07/2017 - 10:04

Signori. osannare un sultano musulmano perché fa fuori un laico che ci sta antipatico.. non è il modo migliore per procedere. io propongo.. eliminiamo ogni musulmano dalla faccia della terra e poi regoliamo i conti tra di Noi, con le Nostre associazioni laiche o cristiano religiose che siano.- affidarci alla "fratellanza musulmana" per regolare i nostri conti.. non credo che alla fine ci convenga.

alberto_his

Lun, 10/07/2017 - 10:38

@ateius: è un invito al genocidio, ovvero persecuzione su base religiosa?

Ritratto di ateius

ateius

Lun, 10/07/2017 - 10:52

@alberto-his per quanto mi riguarda la religione musulmana va contro la naturale evoluzione umana e civile dell'uomo e della società. per quanto mi riguarda non dovrebbe essere tollerata in una società civile degna di questo nome. grz.

alberto_his

Lun, 10/07/2017 - 11:21

@ateius: "evoluzione umana e civile dell'uomo e della società" che contempla, nel contempo, l'eliminazione di chi la professa