Isis, un gregge e 5mila dollari al jihadista che colpì a Parigi

Iracheno, partì da Mosul e passò dalla Grecia per farsi esplodere in Francia

Per settimane il nome di uno dei kamikaze jihadisti che si fecero esplodere allo Stadio di Francia, dando il via a una serie di attentati che sconvolse Parigi, lasciando 130 persone senza vita nella notte più tragica della storia contemporanea del Paese di Hollande, è rimasto sconosciuto.

Ora l'attentatore suicida ha un nome, a cui gli inquirenti sono riusciti a risalire nonostante di lui si conoscesse soltanto un'identità fittizia, quella riportata su un passaporto che - scrive il quotidiano francese le Parisien - venne rubato insieme a migliaia d'altri in Siria e che riportava un'identità fittizia.

Il jihadista, ricorda il quotidiano, aveva raggiunto l'Europa passando dall'isola di Leros, in Grecia, il 3 ottobre del 2015, in compagnia di alcuni complici. Dettaglio, questo, che era già emerso pochi giorni dopo l'attacco, quando ancora di lui si conosceva soltanto l'identità fittizia, Ahmad Almohammad, e già i servizi americani avevano avanzato dubbi sul fatto che si trattasse davvero dell'attentatore.

Ora, da quel nome, si è risaliti a un'identità: Ammar Ramadan Mansour Mohamad al Sabaawi. È questo il nome che gli inquirenti appiccicano al terrorista, poco più che ventenne, che sarebbe arrivato da Mosul, in Iraq, e la cui famiglia sarebbe stata ripagata dal sedicente Stato islamico con un risarcimento quantificato in 5mila dollari americani e un gregge di pecore.

I famigliari del kamikaze, stando a quanto racconta Le Parisien, avrebbero saputo di un attacco suicida a Baghdad e non dell'operazione in Francia. Altri due fratelli, entrambi più grandi, si sarebbero uniti all'Isis.

Commenti
Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mer, 18/01/2017 - 11:55

Un gregge di pecore, la ricchezza dei tempi di maometto traslata nel 2017, alle soglie della colonizzazione di Marte. Ma per i buonoidi multicult UNA CIVILTA' VALE L'ALTRA.