Hawaii, la lava del vulcano inghiotte trenta case

Alle Hawaii continua l'eruzione del vulcano Kilauea: la lava ha inghiottito trenta case e continua a minacciare gli abitanti dell'isola

L'eruzione del vulcano Kilauea alle Hawaii non si ferma e la lava, che ha già distrutto trenta case, continua a minacciare gli abitanti dell'isola.

Nella notte, si sono aperte nuove crepe nella zona di Leilani Estates, nella parte orientale di Big Island, e da quelle spaccature inizia a fuoriuscire il magma, mentre dal comignolo del vulcano si alzano continuamente getti di magma e cenere, che raggiungono anche settanta metri di altezza. Il fiume di lava sta continuando ad avanzare verso i centri abitati, distruggendo tutto ciò che trova lungo il suo corso, dalla vegetazione alle case.

Finora, da quando è iniziata l'eruzione, lo scorso 5 maggio, sono circa duemila le persone evacuate e, anche chi è stato autorizzato a rimanere per salvare gli animali domestici, è invitato dalle autorità ad abbandonare il luogo, perché non è sicuro rimanervi.

La situazione alle Hawaii rimane critica, anche a causa delle continue scosse di terremoto che stanno facendo tremare la terra, a seguito di quella più violenta, di magnitudo 6.9, che aveva colpito l'isola lo scorso venerdì. Pericolosi sono anche i fumi tossici, i cui livelli sono estremamente elevati, come ha riferito Il fatto quotidiano, che sono stati la principale causa dell'allontanamento di diecimila abitanti. Infatti, il sindaco ha dichirato che "anziani, giovani e persone con problemi respiratori devono rispettare l’ordine di evacuazione obbligatorio e lasciare l’area".

Commenti
Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Lun, 07/05/2018 - 15:50

costruire vicino ad un un vulcano attivo non è mai stata una grande idea

cgf

Lun, 07/05/2018 - 19:37

il vulcano non si ferma? perché non ha a che fare con la Giustizia italiana, 'loro' avrebbero intimato al vulcano di fermarsi!