I giudici allontanano ancora la Brexit: "Deve votare il parlamento"

La Corte suprema britannica boccia il ricorso del governo May contro la sentenza di novembre: serve un passaggio alle Camere prima di arrivare l'articolo 50

La Brexit si allontana. Lo impongono i giudici della Corte suprema del Regno Unito che impongono un passaggio parlamentare perché la Gran Bretagna possa iniziare il processo per l'uscita dall'Unione europea.

Una necessità già individuata dai giudici a novembre, quando l'Alta Corte aveva accolto il ricorso di un gruppo guidato dalla manager Gina Miller. Sentenza contro la quale si era appellato il governo guidato da Theresa May e che ora è stata confermata dalle toghe.

Gli 11 giudici della Corte, ha riferito il presidente della Corte Lord Neuberger nel leggere il verdetto, hanno confermato con una maggioranza di 8 a 3 la precedente sentenza dell'Alta Corte, che ha stabilito la necessità di un passaggio parlamentare prima dell'attivazione dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona, che darà ufficialmente inizio al processo di uscita dall'Unione Europea.

"Il governo non può attivare l'articolo 50 senza un atto del parlamento", ha detto Neuberger. L'uscita dalla Ue, ha spiegato, comporterebbe un cambiamento fondamentale nel Regno Unito, recidendo la fonte del diritto Ue, incidendo così sui diritti dei cittadini britannici. La Corte ha anche stabilito che il governo non deve invece consultare preventivamente le amministrazioni delle regioni autonome che compongono il Regno Unito: Scozia, Galles e Irlanda del Nord.

Dopo il voto della Corte Downing Street conferma che l'attivazione dell'Articolo 50 del Trattato di LIsbona avverrà "entro al fine di marzo". Il verdetto di oggi, ha affermato un portavoce del governo, "non cambia" quanto già pianificato. "È importante ricordare che il parlamento ha approvato il referendum con un margine di sei a uno ed ha già indicato il suo sostegno al processo di uscita secondo le scadenze che abbiamo stabilito", ha detto ancora il portavoce di Downing Street, sottolineando che il governo "rispetta la decisione della Corte e a breve stabilirà i prossimi passaggi in parlamento".

"Il Labour rispetta il risultato del referendum e la volontà del popolo britannico e non bloccherà l'attivazione dell'Articolo 50", annuncia il leader laburista Jeremy Corbyn. "Tuttavia - ha aggiunto - il Labour chiederà un emendamento alla legge che verrà votata per attivare l'Articolo 50 per impedire ai Conservatori di utilizzare la Brexit per trasformare la Gran Bretagna in un paradiso fiscale al largo delle coste europee".

Commenti
Ritratto di mvasconi

mvasconi

Mar, 24/01/2017 - 10:58

come al solito pochissimi magistrati si oppongono al volere di milioni di cittadini. antidemocrazia oligarchica

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mar, 24/01/2017 - 11:02

Ecco il colpo di coda della MaSSONERIA iNGLESE; PENSAVATE CHE STESSE FERMA? Shalòm.

antipifferaio

Mar, 24/01/2017 - 11:06

Tutto inutile...i soliti giudici di sinistrati.... In ballo ci sono immensi accordi economici con Trump quindi le Camere approveranno l'art.50 e anche alla svelta...

Cinghiale

Mar, 24/01/2017 - 11:10

Quindi è possibile che il voto del popolo non conti una mazza.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 24/01/2017 - 11:11

Ci provi l'UERSS a impedire l'uscita della GB dalla neuropa massonica....ci provino... sarebbe un clamoroso autogol.

il corsaro nero

Mar, 24/01/2017 - 11:16

Noto con stupore che anche in Gran Bretagna la volontà popolare conta quanto il due di coppe con briscola bastoni! Mal comune mezzo gaudio!!!

moshe

Mar, 24/01/2017 - 11:22

I giudici allontanano ancora la Brexit: "Deve votare il parlamento" ..... ..... ..... è arrivata l'ora di togliere alle toghe ed ai politici certi poteri, il popolo ha votato un referendum, il popolo deve essere sovrano! E QUESTO DEVE VALERE ANCHE PER TUTTI GLI ALTRI STATI EUROPEI, ITALIA COMPRESA!!!

Ritratto di massacrato

massacrato

Mar, 24/01/2017 - 11:37

Non ho ancora capito a che cosa serve votare. Intanto alla fine dovunque decidono sempre i giudici. A prescindere che, per illuminate che siano, le dittature sono sempre inaccettabili, credo che ci sia qualcosetta da rivedere a livello mondiale anche nei sistemi dei cosiddetti governi costituzionali (monarchici e repubblicani).

Boxster65

Mar, 24/01/2017 - 11:44

Vabbé voglio vedere chi ha il coraggio di votare contro alla Brexit nel Parlamento Britannico. Lì il popolo conta ancora. C'impiegano un minuto a farli fuori (politicamente parlando).

paolonardi

Mar, 24/01/2017 - 11:47

Il socialistume in marcia. Non hanno mai, nella loro storia secolare, accettato un pronunciamento popolare che fosse in contrasto con quanto pensassero, sbagliando cento volte su cento, fosse il bene sociale o una limitazione dello strapotere statale con loro al governo. Basta osservare tutti i referendum italiani gli unici accettati sono stati quelli su divorzio, aborto, nucleare proposti, guarda casa, da loro; gli altri modificati o dichiarati improponibili da una compiacente Corte Costituzionale.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mar, 24/01/2017 - 11:51

Le formalità vanno rispettate, evidentemente, ma non possono cambiare la sostanza: se il Parlamento votasse in modo difforme dal popolo inglese si delegittimerebbe e ci dovrebbero essere nuove elezioni. Quindi il Parlamento voterà in accordo con il popolo, resta da vedere se questa novità allungherà le procedure di uscita dalla UE. Pensare che ci sia dietro un complotto di forze oscure è ingenuo.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 24/01/2017 - 12:06

Il Popolo vuole Brexit, la Regina vuole Brexit, la Premier vuole Brexit. Cos'altro potrebbe votale il Parlamento? Ma il buffo paradosso è che gli alti papaveri d'Europa continuano a parlare in inglese... per farsi capire da tutti.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mar, 24/01/2017 - 12:10

Dunque se Trump viene eletto NEL RISPETTO DELLA LEGGE ma con circa 3 milioni di voti IN MENO della sua avversaria ovviamente bisogna rispettare la legge. Se la May non può attivare le procedure di uscita senza una legge votata dal Parlamento dato che quando la GB entrò nell'Unione fu fatto esattamente allo stesso modo, allora diventa un colpo di coda della massoneria britannica! Ovvero l'elezione di Trump, che rispetta la legge MA NON LA VOLONTÀ popolare non si discute. Mentre l'operato della May, che rispetterebbe la volontà popolare ma non la legge non si dovrebbe discutere.

Libero1

Mar, 24/01/2017 - 12:11

Sembra che la corte suprema inglese abbia imparato da quella italiana. Loro decidono non gli elettori cosa deve fare il governo.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mar, 24/01/2017 - 12:25

"È importante ricordare che il parlamento ha approvato il referendum con un margine di sei a uno". Vero, ma una cosa è approvare la tenuta di un referendum popolare (consultivo), e un'altra è ratificarne l'esito, cioè la Brexit. Ricordo al riguardo che la Gran Bretagna non ha una Costituzione scritta come da noi, da cui risulta chiaramente la sovranità popolare, e infatti i britannici hanno la Camera dei Lords che è in buona parte non elettiva (composta di membri ereditari), e che la stessa monarchia inglese non è - ovviamente - elettiva. Insomma, un costituzionalista inglese direbbe che in Gran Bretagna la sovranità è eminentemente parlamentare, e non popolare, per cui sarebbe strano che per decidere la Brexit, il Parlamento non dicesse la sua.

Una-mattina-mi-...

Mar, 24/01/2017 - 12:28

E C'E' CHI ANCORA CREDE NELL'ESISTENZA DELLA DEMOCRAZIA

agosvac

Mar, 24/01/2017 - 12:28

Magistrati??? Brutta razza, sia in Italia sia all'estero!!! Vorrei sapere se il Parlamento ha poteri per andare contro un referendum che è stato deciso dai cittadini. Vorrei anche sapere se la stessa Corte suprema inglese ha poteri per contrastare un referendum come sembra che stia facendo. Ed infine vorrei sapere quali siano le contiguità tra la Corte suprema inglese ed i poteri forti finanziari che si oppongono al volere dei cittadini.

Ritratto di marystip

marystip

Mar, 24/01/2017 - 12:30

Prendere nota: la Democrazia è in fase di definitiva archiviazione più o meno in tutto il mondo; una casta di poteri forti formata essenzialmente da grande finanza parassitaria e magistratura, si appresta a governare (tramite loro marionette, che illusoriamente, il popolo crederà di eleggere liberamente) a proprio piacimento il globo. Vedrete la guerra che faranno a Trump (più di quella fatta a Berlusconi) perché di ostacolo ai loro programmi. Per evitare questo scenario c'è una sola via: fare piazza pulita di questa gentaglia.

giannir

Mar, 24/01/2017 - 12:31

Ma come si fa ad insinuare nel titolo che Brexit si allontana? Malgrado tutte le interferenze esterne e degli speculatori finanziari Brexit non si discute. Si discutera' solo sulle modalita'. D'altronde il resto dell'articolo esprime chiaramente questi concetti.

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Mar, 24/01/2017 - 12:33

Ma scusate, questa dichiarazione la fatta Theresa May durante l' intervento "Hard Brexit" 17.01.2017, che "Deve votare il parlamento" la Brexit e non é a fatto clamorosa questa "novità".

Ritratto di Nahum

Nahum

Mar, 24/01/2017 - 12:36

Come potevamo aspettarci vista la tradizione parlamentare inglese Il governo May per ridare la sovranità al parlamento inglese (uno degli slogan del Brexit) gli impediva di pronunciarsi in materia, un vero capolavoro giuridico! Quello che ha fatto il governo conservatore è grave e va stigmatizzato anche da chi è a favore del Brexit

i-taglianibravagente

Mar, 24/01/2017 - 12:43

I parlamentari inglesi non si azzarderanno a votare contro il voto degl'inglesi. Molti forse non sanno che in inghilterra per chi vuole c'e' un VERO contatto diretto tra i Membri del parlamento eletti e i loro elettori (via email come minimo). I membri eletti sanno che dovrebbero rendere conto uno per uno ai loro elettori. Non e' esattamente come al di qua delle alpi, dove azioni dei politici totalmente contro i risultati referendari, cambi di partito e di schieramento ad ogni pie' sospinto e porcherie simili SENZA CHE NESSUNO PAGHI, sono pane quotidiano per questo paese marcio.

lfalzoni

Mar, 24/01/2017 - 12:45

Dichiarazione della signora Gina Miller (riportata da un altro quotidiano): "E' una vittoria della democrazia". Sottinteso: il risultato del referendum non è democratico. Sotto-sottinteso: la democrazia è una bella cosa se vinco io che sono progressista, democratica, multiculturale e politicamente correttissima, altrimenti la democrazia fa schifo. Che bella gente...

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 24/01/2017 - 12:48

Figuriamoci se la massoneria non si gioca le ultime carte. Sembrano quelli di md. Ormai sbavano di democrazia da esportare ma dove c'è il popolo non conta nulla.

kitar01

Mar, 24/01/2017 - 12:49

Poi si lamentano del populismo, fanno di tutto per alimentarlo. Sperando che davvero vogliano rispettare la sovranità popolare.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 24/01/2017 - 12:50

I media di regime (rai3, radio3, il gazzettino del sionista svizzero, il foglio degli elkann e il resto dei megafoni dei Rothschild) sta mettendo su una ridicola propaganda di terrorismo: fuori dall'UE è "hic sunt leones"

Marcello.508

Mar, 24/01/2017 - 12:51

L'importante è non snaturare il voto popolare che ha optato per la Brexit. In Italia, al contrario, abbiamo già assistito a stravolgimenti della volontà popolare (ministero dell'agricoltura docet) che conta solo alle elezioni politiche, dopo torna ad essere l' "utile idiota"! Spero che i politici inglesi siano meno "farfalloni" dei nostri.

Ritratto di orione1950

orione1950

Mar, 24/01/2017 - 12:53

perché il popolo non conta niente!!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 24/01/2017 - 12:55

Nessuno di noi si illudeva comunque che il regime si arrendesse. Sappiamo benissimo che son pronti a tutto. Del resto non riconoscono ai popoli neppure diritto di esistere... quanto al valore che danno alla vita umana... guardate a Vietnam, Iraq, Siria... il regime mondialista è un male.

Michele Calò

Mar, 24/01/2017 - 12:55

Curioso e preoccupante questo verdetto della.Corte Suprema britannica. Curioso perché mina lo stesso concetto di common law ovvero il richiamo alla Magna Charta che vuole preminente il volere popolare sulla stessa Corona e l'aristocrazia ovvero le lobbies odierne. Preoccupante perché sancisce lo strapotere della massoneria sulla stessa volontà popolare rappresentata dalla consultazione referendaria ma evidenzia come pure il Parlamento sia infettato dalla massoneria delle lobbies finanziarie dirette da Rothchild. Solo la Corona può intervenire ma dubito ne abbia la forza.

giovanni951

Mar, 24/01/2017 - 13:02

ma allora i referendum a che servono? non solo in italia contano poco, pure in GB.....

Duka

Mar, 24/01/2017 - 13:13

SONO UN AMMASSO DI PASTICCIONI BUONI SOLO PER LA BUSTA PAGA.

gpetricich

Mar, 24/01/2017 - 13:13

Questo mi sembra un abuso bello e buono: ha già votato il popolo, perchè deve rifarlo il parlamento? Sorge il dubbio che i magistrati vogliano sovvertire la volontà popolare, anche se ciò mi stupisce in un paese anglosassone.

Ritratto di falso96

falso96

Mar, 24/01/2017 - 13:27

caro popolo inglese ,libero , portatore di democrazia, puoi votare TUTTO!!! quello che vuoi ma a decidere .... hi!hi!hi! decidiamo NOI!!!!

wotan58

Mar, 24/01/2017 - 13:28

Per evitare che l'uk diventi un paradiso fiscale non bisogna aspettare nulla da loro. Bisogna semplicemente ripristinare dazi adeguati e tassare pesantemente le transazioni finanziarie di qualsiasi tipo per banche con sede uk. E soprattutto, per le aziende che operano in Eu ma hanno sede legale altrove, invece di tassare gli utili delle sub locali, cedolare sul fatturato.

hectorre

Mar, 24/01/2017 - 13:41

questa è la meravigliosa europa che ha annientato i popoli e li ha resi schiavi di banche,rating e spread!!!!!.....qualcuno di voi ha migliorato lo stadard di vita negli ultimi 15 anni??...o come tanti ha dovuto lavorare di più e magari guadagnare meno o vedere il potere d'acquisto diminuire sensibilmente....che colpe abbiamo???....solo quella di subire senza reagire, mugugnando mentre stanno rubando il futuro dei nostri figli!!!!!...sveglia pidioti!!!...via dall'euro subito, questo baraccone sarà la nostra tomba

Ritratto di wciano

wciano

Mar, 24/01/2017 - 13:41

I giudici hanno ragione, era assolutamente ovvio. Basta aprire il dizionario e cercare cosa vuol dire Referendum Consultivo.

Daniele Sanson

Mar, 24/01/2017 - 13:45

Questo che si pone é un grossissimo problema per tutte le nazioni guidate " Democraticamente " cioé : é piú importante il passaggio finale del Parlamento o il voto espresso in larga maggioranza dal Popolo ? il Popolo elegge i parlamentari ma questi possono inficiare o ribaltare la libera espressione di voto del Popolo ? Daniele Sanson

giannir

Mar, 24/01/2017 - 13:51

Il blocco di Brexit da parte di banchieri e speculatori (cosa molto improbabile) segnerebbe la fine dell'EU poiche' il Regno Unito resterebbe membro ed ostacolerebbe gli Stai Uniti d'Europa (almeno cosi hanno fatto credere fino ad ora alcuni Stati). Quindi non tutti i mali vengono per nuocere. Purtroppo questa decisione serve solo ad allungare i tempi ed a rinforzare la posizione ricattatoria dell'EU.

alfiuccio78

Mar, 24/01/2017 - 14:07

La verità (piu' o meno incoffessabile) è che alla fine, purtroppo, non ci sarà nessuna Brexit, non ci saranno quelle "rivolte popolari" che la logica del caso vorrebbe. Lo dico con sommo dispiacere. Vedrete.

Ritratto di wciano

wciano

Mar, 24/01/2017 - 14:11

Per smettere di urlare al complotto basterebbe aprire il dizionario e leggere cosa vuol dire "referendum consultivo". Ma si sa...è molta fatica...

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mar, 24/01/2017 - 14:15

@Michele Calò, guardi che è fuori strada, la Magna Charta, all'epoca della sua emanazione (1215) sancì soltanto una serie di concessioni del sovrano inglese (più che altro, la tutela dei diritti della chiesa, la protezione dei baroni dalla detenzione illegale, la garanzia di una rapida giustizia e la limitazione sui pagamenti feudali alla corona), non sancì certo la preminenza del volere popolare, che all'epoca era ben poca cosa. Anche dopo la rivoluzione inglese nel 1689 venne emanato il Bill of Rights, che dichiarò la definitiva conquista della sovranità del Parlamento rispetto alla Corona. Qualsiasi costituzionalista che conosce l'ordinamento britannico le può confermare che in GB la sovranità è principalmente parlamentare, e non popolare, loro non hanno avuto la rivoluzione francese.

ex d.c.

Mar, 24/01/2017 - 14:18

Hanno fatto la scelta giusta ed hanno anche l'approvazione dell'America. Voteranno ed approveranno velocemente

Mr Blonde

Mar, 24/01/2017 - 14:22

siete in corto circuito, nelle democrazie parlamentari il rinvio ai parlamenti è democrazia, ce lo insegnano proprio gli inglesi dalla magna charta quando noi andavamo ancora in giro con feudi valvassori e valvassini vari. Dove arriveremo alla democrazia diretta con il voto per telecomando?

Marcello.508

Mar, 24/01/2017 - 14:23

Basta rispettare l'esito del referendum, non fare come in Italia dove i referendum spesso vengono buttati alle ortiche da certi governi cui non conviene rispettare la volontà popolare.

Ritratto di semperfideis

semperfideis

Mar, 24/01/2017 - 14:40

Rivoluzione....

maggie65

Mar, 24/01/2017 - 14:42

Forse non è ben chiaro quello che è successo. Il passaggio in Parlamento sarà una formalità, dal momento che, per fortuna la Gran Bretagna è ancora una democrazia a tutti gli effetti. La cosa grave sarebbe stata se fosse stata richiesta l'approvazione del parlamento scozzese, cosa per fortuna non successa. Questo si poteva essere bloccante. LEAVE può andare avanti !

Ritratto di ettocima

ettocima

Mar, 24/01/2017 - 15:07

Insomma, quasi come quando sottoscrivi un contratto on-line: un click per accettare, un ginepraio per annullare. Inutile. La massoneria non molla. I cittadini considerati solo utili idioti da utilizzare il volere elitario. Singolare poi la non unanimità dei giudizi della corte che implica, da un canto la non chiara stesura delle leggi, dall'altra un'interpretazione delle normative spesso volta alla difesa di interessi di parte. Ettore Cimadomo

tratrump

Mar, 24/01/2017 - 15:13

volevo vedere se fosse stato il contrario... i giudici comunisti anche lì ...esiste una solo democrazia quella della destra e quella de IL GIORNALE... convinti che chi votate voi vuole l'uscita dall'europa... poveri illusi

Tuvok

Mar, 24/01/2017 - 15:30

Cameron ha sempre detto che se il popolo avesse scelto Brexit il governo avrebbe rispettato la decisione, inoltre gli elettori hanno ricevuto a casa un opuscolo da parte della COMMISSIONE ELETTORALE che diceva “la decisione spetta a voi il governo la METTERÀ IN ATTO”. Il ricorso si basava sul fatto che non essendo stata scritta la stessa cosa sulla scheda elettorale il popolo non era in possesso di elementi sufficienti per decidere, da qui la necessità di un voto dei suoi rappresentanti cioè il parlamento. Scusa che in fin dei conti vuol dire che essendo, quelli che hanno votato Brexit, dei deficienti, nella scheda elettorale avrebbero dovuto scrivere “WARNING!! YOU ARE NOW VOTING TO STAY OR TO LEAVE THE EU. WARNING, IT IS YOUR DECISION ONLY, THERE IS NOT GOING BACK. PLEASE SIGN HERE TO CONFIRM THAT YOU UNDERSTAND WHAT YOU ARE DOING”. Ho votato in parecchi referendum ma non ho mai visto che nella scheda elettorale ci fosse scritto di che tipo di referendum si trattava.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 24/01/2017 - 15:31

Allora che hanno fatto il referendum a fare? Se il popolo non conta nulla, ditelo. Ma non dite che nella Costituzione c'è scritto che la volontà popolare è sopra ogni altro volere e potere, perchè sarebbe una balla grandissima. Forse è meglio riscriverle tutte queste Costituzioni, dove tutti si appellano e poi vanno contro, oppure ognuno le interpreta come vuole.

nova

Mar, 24/01/2017 - 15:55

La questione stava in questi termini fin dall'inizio: si trattava di referendum CONSULTIVO e ci sarebbe stato necessario un passaggio parlamentare per rendere quel voto effettivo. Nel Parlamento britannico c'è però una maggioranza del 70 % che è contro l'uscita dalla UE. Nigel Farage se n'è andato proprio per lasciare la patata bollente ad altri.

angelovf

Mar, 24/01/2017 - 15:58

Perché non hanno fermato il referendum sul nascere? Hanno pescato nel torbido, si aspettavano il risultato di remainder. In un paese ci devono essere due componenti, il popolo sovrano e il parlamento, i giudici servono solo nei tribunali per chi commette reati.

Ritratto di ettocima

ettocima

Mar, 24/01/2017 - 16:00

liberopensiero77 e non ti sembra che sarebbe il caso di cambiare? Le nazioni sono state costruite e difese da tanti. Perchè a decidere dovrebbero essere le minoranze?

TheDonald

Mar, 24/01/2017 - 16:07

@omar gli usa sono una repubblica federale non una democrazia popolare! trump è stato eletto dalla maggioranza - gli electoral colleges vengono assegnati in base al voto popolare nello specifico stato, tradotto devi avere la maggioranza dei voti nello stato. il voto popolare a livello federale non ha nessun valore, la clinton ha vinto lo stato di california(il piu popoloso) e conseguentemente il loro electoral colleges; ma ha vinto un numero assai minore di stati(specificamente di contee), e dunque leggittimamente ha perso! onestamento non capisco cosa ti lasci perplesso?!?

emigrante48

Mar, 24/01/2017 - 16:37

ancora una volta giudici manipolati da speculatori massoni e sinistropati, tentano di capovolger ció che la maggioranza di un popolo ha deciso!! Il giorno che il mondo si libererá del cancro delle sinistre, la pace regnerá sovrana!!

Rotohorsy

Mar, 24/01/2017 - 17:04

Faranno di tutto e di più per non fare andare in porto la Brexit. Ci proveranno in ogni modo... "ogni". L'unica speranza per il popolo britannico è che sono britannici e non cagasotto come tanti altri.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mar, 24/01/2017 - 17:07

@ettocima, il discorso sarebbe lungo e complesso. Personalmente non sono un "credente" nella democrazia, per me essa rappresenta solo una grande illusione (supportata dalle fictio iuris costituzionali), in cui comunque crede la maggior parte della popolazione, un po' come la religione. Essendo io uno studioso di scienze politiche, ritengo più esplicativa della realtà politica la teoria delle élites di Gaetano Mosca. Se poi devo guardare all'efficienza, alla coerenza e alla modernità del sistema politico, allora dovrei concludere che il sistema britannico, costituzionalmente, è un ibrido contraddittorio che mette insieme il sistema ancora medioevale della sovranità per diritto ereditario, con quello moderno della rappresentanza della volontà popolare. Sotto questo aspetto andrebbe senz'altro riformato, cominciando magari a rendere elettiva la Camera dei Lords.

Raoul Pontalti

Mar, 24/01/2017 - 18:04

@AlleXpert la Theresa intendeva dire nel suo discorso sulla hard Brexit che il Parlamento sarebbe stato chiamato a votare sull'ut (ossia sul come) uscire dalla UE e non sull'an (ossia se uscire dalla UE). L'alta magistratura britannica ha sentenziato che il Parlamento deve pronunciarsi anche e prima di tutto sull'an per ragioni che comprende anche una matricola di giurisprudenza.

Valvo Vittorio

Mar, 24/01/2017 - 18:16

Non so come sia divisa la costituzione monarchica inglese. Tuttavia se la giustizia è indipendente dal potere politico (camera dei lord e dei comuni) mi pare corretto che ci sia un passaggio parlamentare che in fondo rappresenta i "sudditi" inglesi. In fondo sono pasticci di coloro che ancora mantiene la monarchia!

Pietro2009

Mar, 24/01/2017 - 19:41

Non c'è solo Jeremy Corbyn ad avanzare dubbi sulla BREXIT c'è anche il PARTITO LIBERAL-DEMOCRATICO che chiederà un secondo referendum dopo il voto in parlamento. C'è da prendere in considerazione inoltre che sia l'IRLANDA DEL NORD che la SCOZZIA chiederanno un REFERENDUM per STACCARSI dall'INGHILTERRA e RIENTRARE IN EUROPA. Alla fine potrebbe esserci soltanto l'INGHILTERRAEXIT...credo che gli stessi inglesi potrebbero ripensarci. Buonasera a tutti.

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Mar, 24/01/2017 - 19:42

#Raoul Pontalti- 18:04: Grazie per la precisazione.

lupo1963

Mar, 24/01/2017 - 21:14

L'unico modello valido di democrazia mi sembra sia quella svizzera . Le "supreme corti"dei parrucconi costituiscono un formidabile strumento per ignorare le istanze popolari.

pv

Mar, 24/01/2017 - 21:29

Fuori i britons dall' Europa. Gli albioni hanno finito di succhiare milioni di euro dall' Europa. Fuori dalle palle il prima possibile. E senza ripansamenti!!!

Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Mar, 24/01/2017 - 22:34

Ma quand'è che si levano dai cxxxxxni questi frocioni di inglesi? Sono guerrafondai come gli Israeliani e pure peggio degli americani!

cangurino

Mer, 25/01/2017 - 04:25

non c'è alcun dubbio che il parlamento ratificherà il voto popolare. L'unica cosa che stride, dal mio punto di vista, è la motivazione fornita dai giudici britannici: visto che la brexit incide pesantemente sui diritti del popolo britannico, non è sufficiente che sia il popolo medesimo ad esprimersi su cosa sia giusto per se stesso, ma è necessario il parere del parlamento. Il popolo ha sempre bisogno di una guida illuminata che decida per se?