"I koala si estingueranno": l'allarme della fondazione australiana

Sono 80mila quelli rimasti, ma non sono necessari a garantire la riproduzione della specie

I koala si estingueranno presto. A lanciare l'allarme è l'Australian Koala Foundation, secondo cui i koala sono "funzionalmente estinti". La specie si sarebbe, cioè, ridotta a un punto tale da non riuscire più a riprodursi per la futura generazione. Il numero di animali esistenti, 80mila ad oggi, non è sufficiente a garantire la riproduzione e il suo ruolo nell'ambiente non è più rilevante.

La fondazione ha svolto uno studio, prendendo in esame il territorio australiano: i risultati mostrano che in 41 elettorati su 128, i koala non estinti, mentre in altri 72 la loro soppravvivenza non può essere garantita. Meno dell'1% della popolazione originaria dei koala è soppravvissuta in Australia, negli ultimi 100 anni.

Ma quale sarebbe la causa dell'estinzione dei koala? L'uomo sembra aver giocato un ruolo chiave, dato che una delle prime cause di estinzione furono i bracconieri che, all'inizio del '900, sterminarono intere comunità. Inoltre, gran parte della colpa della scomparsa degli animali è dovuta ai cambiamenti climatici, che hanno modificato l'ambuiente, privando i koala delle foglie di eucalipto, loro nutrimento, scomparsi a causa della desertificazione.

Ma non tutto è perduto e qualcosa si può ancora fare, per proteggere i koala rimanenti: "Bisogna creare delle aree protette per far prosperare le comunità di koala superstiti, dovremmo tutelare i loro habitat creando foreste e aree sorvegliate dallo Stato. Il Koala Protection Act è stato firmato nel 2016, andrebbe attuato il prima possibile", ha spiegato Deborah Tabart, presidentessa dell'Australia Koala Foundation.

Commenti
Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 14/05/2019 - 16:19

purtroppo sono più deboli dei comunisti, anche se i rossi stanno anche loro a buon punto!