Per i media francesi un attentatore di Parigi è ancora in fuga

Uno degli uomini implicati non è stato trovato. Non conoscono neppure il nome

Sarebbe ancora in fuga uno degli attentatori che colpì Parigi nel 2015. Non solo, gli inquirenti non avrebbero la minima idea sulla sua identità. È la francese France Inter a dirlo, aggiungendo che l'uomo potrebbe colpire di nuovo.

Il problema è che di Abu Walid, questo il nome di battaglia con cui è conosciuto, si sa ben poco. Non si sa il suo vero nome, per esempio. Si sa soltanto che ha tra i 24 e i 25 anni e che ha avuto un ruolo chiave nell'organizzare gli attentati di Parigi, ma anche quello del 21 agosto 2015, sul treno Thalys Parigi-Amsterdam.

L'uomo che ancora manca all'appello era in contatto con Abdelhamid Abaaoud, poi ucciso a Saint-Denis, quando novembre 2015 le forze di sicurezza diedero l'assalto al suo covo. I verbali nelle mani dei giornalisti francesi sostengono che fu Abu Walid a portarlo a Parigi, una volta tornato dalla Siria.

"Penso che sia di origine turca. Ma potrebbe essere belga. Parla francese e un'altra lingua, il fiammingo o il tedesco", ha detto durante un interroatorio l'attentatore che entrò in azione sull'Amsterdam-Parigi.

Commenti
Ritratto di ateius

ateius

Mar, 19/09/2017 - 13:51

mi permetto di dire che comunque sono migliaia i musulmani terroristi che intendono farci fuori in qualunque modo in quanto noi "infedeli". i singoli autori materiali sono intercambiabili tra loro, uguali le colpe e le responsabilità..bisogna estirpare alla radice la Forza che li spinge..oltre alla mano che colpisce.