Impicca la figlia di 11 mesi in diretta Fb: i video restano online per un giorno

Orrore a Phuket. Un uomo impicca la figlia in diretta su Facebook e si toglie la vita. E i video vengono visti da almeno 370mila persone

Ha filmato minuto per minuti i momenti in cui ha impiccato la figlioletta di undici mesi e ha pubblicato quei due video dell'orrore su Facebook. Infine si è tolto la vita lontano dalle telecamere. Un drammatico omicidio-suicidio che non ha sconvolto soltanto Phuket, l'isola tailandese dove si è consumato il fatto, ma il mondo intero dal momento che le immagini sono rimaste online per un giorno intero.

Un portavoce di Facebook a Singapore ha parlato di "un incidente terribile", sottolineando che "non c'è assolutamente posto per contenuti di questo tipo su Facebook e ora i video sono stati rimossi". Eppure quelle immagini strazianti non sono state rimosse prim di ventiquattr'ore. La scorsa settimana, Facebook ha annunciato la revisione del modo in cui monitora le riprese violente e il materiale dai contenuti discutibili, dopo che un uomo a Cleveland ha ucciso una persona e pubblicato il video sul social network, rimasto visibile per due ore. Tanto che il primo video è stato visto 112mila volte, il secondo 258mila.

Nei due filmati pubblicati su Facebook si vede l'uomo legare una corda al collo della figlia e viene poi gettarla dal tetto di un edificio di Phuket. Il suicidio dell'uomo è avvenuto dopo e non è stato mostrato sul social network, ma il corpo è stato trovato vicino a quello della figlia. "Era paranoico - ha affermato il portavoce della polizia - temeva che la moglie lo lasciasse e non lo amasse".

Il ministero dell'Economia digitale tailandese ha fatto sapere di aver contattato Facebook, dopo aver ricevuto richiesta dalla polizia, per far luce sulla lenta rimozione dei video. ma si è affrettato a far sapere anche che non agirà contro la compagnia di Palo Alto. "Non potremo presentare accuse contro Facebook - ha spiegato - perché hanno agito rispettando il loro protocollo quando abbiamo mandato la richiesta, hanno collaborato molto bene". Dopo il caso di Cleveland, il ceo Mark Zuckerberg ha comunque promesso il massimo impegno per evitare nuovi casi del genere. Si tratta del primo omicidio trasmesso live sul social network in Thailandia, secondo la polizia.

Commenti

giosafat

Mer, 26/04/2017 - 13:22

Ecco un altro motivo per spegnere 'faccia da libro'.

PerQuelCheServe

Mer, 26/04/2017 - 16:36

Orrore. Non so dire se mi faccia più orrore questo "padre" - che ha avuto "bisogno" di mostrare al mondo la sua follia e il suo narcisismo demente - o i 370.000 idioti che hanno avuto voglia di guardare questo video. Che poi su FB non ci siano contentuti violenti...

cgf

Mer, 26/04/2017 - 16:52

TROPPO impegnati a cercare immagini di opere d'arte senza foglie di fico o soddisfare i desiderata della presidentA boldrina.