Gli investigatori tunisini: "Dietro l'attacco al Bardo jihadisti che venivano dall'Italia"

Gli inquirenti tunisini: "La sparatoria organizzata da due persone che hanno vissuto in Italia e che aderiscono all'Isis"

Cellule italiane ditero l'attentato a Tunisi al museo del Bardo. I risultati delle indagini da parte delle autorità tunisine sulla sparatoria al museo e costato la vita a decine di turisti tra cui 4 italiani, apre nuove scenari. Secondo gli investigatori di Tunisi, l'attentato sarebbe stato roganizzato e diretto da jihadisti dell'Isis che in passato sono stati detenuti in Italia e avrebbero aderito successivamente al "Gruppo salafita per la predicazione e il combattimento". Scontata la pena sono stati rimpatriati nel loro Paese. Si tratterebbe di almeno due persone che vivevano tra Roma e Milano, finite poi in carcere con l'accusa di terrorismo. Da quanto emerge dalle indagini, il gruppo di turisti italiani sarebbe stato seguito durante l'itinerario previsto a Tunisi, sin dallo sbarco dalla nave. Inoltre, ed è questo l'elemento più inquietante della vicenda, diversi testimoni avrebbero sentito uno dei terroristi parlare perfettamente in italiano. Come racconta il Tempo, le indagini sui legami tra gli attentatori e l'Italia sono scattate subito dopo la strage. Le indagini si sono concentrate su un ex detetenuto condannato per terrorismo ma ora espulso.

Da qui sono scatate le indagini anche su altri due componenti del commando che in passato avevano soggiornato in Italia.Infine a sostenre la tesi di un legame forte tra Tunisi e i jihadisti italiani è stato l'arresto di Nouasssir Loauti da parte della Digs di Ravenna. Anche lui proveniva dal Paese maghrebino ed è stato fermato perché voleva partire dall'Italia per arruolarsi con i miliziani dell'Isis.

Commenti
Ritratto di Loudness

Loudness

Gio, 23/04/2015 - 15:31

Ahahahhaha cornuti e mazziati noi italiani. Che ridere...

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Gio, 23/04/2015 - 16:26

Vogliono tirar dentro il conflitto l'Italia.Loudness non comprendo il suo bisogno di ridere.

mila

Ven, 24/04/2015 - 01:30

Non "jihadisti italiani", ma jihadisti che erano stati detenuti in Italia. Non e' la stessa cosa. Cmq da noi ne arriveranno molti altri.