Sull'accordo sul nucleare iraniano Obama prova a rassicurare Israele

In un'intervista al New York Times la risposta ai timori dell'alleato. "Un rischio calcolato. Non esiste una formula migliore"

Il problema non è il fatto che un'intesa ci sia, ma il fatto che la quadra trovata non è affatto positiva. Banjamin Netanyahu la pensa così da sempre sul nucleare iraniano. Lo ha detto al Congresso statunitense, invitato a parlare prima che l'intesa con Teheran fosse siglata, lo ha ribadito ieri.

Se molto hanno visto nell'accordo un passo avanti, Israele non ha fatto nulla per nascondere il suo timore per una stretta di mano che il suo premier definisce un "sogno" per Teheran, ma soprattutto "un incubo per il resto del mondo", convinto che consentirà a Teheran di sviluppare un ordigno nucleare, ma pure una corsa generalizzata agli armamenti negli Stati mediorientali.

Israele teme per la sua sicurezza e non fa nulla per nasconderlo, anche se da Washington continuano ad arrivare segnali opposti. L'accordo con l'Iran - Obama lo ha detto in un'intervista concessa al New Yortk Times - non cambierà nulla per il potenziale difensivo degli israeliani, ma soprattutto "non esiste una formula più efficace dell'iniziativa diplomatica" per impedire a Teheran di ottenere un'arma nucleare.

Nell'accordo Obama vede la chance migliore per il Paese e l'opportunità di assumersi "qualche rischio calcolato per cogliere importanti nuove opportunità", consapevole della "potenza schiacciante" del Paese che guida.

Commenti

zingozongo

Lun, 06/04/2015 - 08:39

e certo! garantisce il presidente Usa e allora possono stare tranquilli, abbiamo visto tutto come il proclama di Bush "mission accomplished " era vero ! altro che terroristi sconfitti, han fatto scivolare ilmedio oriente verso i fondamentalisti ed era e' tutto destabilizzato,sono come un elefante ubriaco in un negozio di cristalli !

VittorioMar

Lun, 06/04/2015 - 09:01

..siamo nella rubrica delle "Ultime Parole Famose?

Ritratto di depil

depil

Lun, 06/04/2015 - 09:12

detto da un filoterrorista quale Obama è molto tranquillizzante. Mi chiedo ma quanto sono stupidi questi americani che hanno ritenuto benefiche anche le atomiche sganciate su gente inerme ad Hiroshima e Nagasaki?

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 06/04/2015 - 09:19

Ha ragione Obama: la sua sicurezza non è minacciata. Peccato che lo sia quella degli Israeliani. Anche negli USA hanno il loro Renzi, una ne fa e cento ne pensa, di caxxate naturalmente.

giovanni PERINCIOLO

Lun, 06/04/2015 - 09:30

Con tutte le caz...e che ha collezionato in politica estera quale credibilità pensa abbia la sua affermazione gratuita??? Prima se ne va e meglio é, per il mondo intero.

honhil

Lun, 06/04/2015 - 09:47

Questo è un regalo di Obama: un Presidente che all’Islam ha fatto sempre l’occhiolino. Ma è anche un frutto avvelenato per tutta quella regione, aumentandone inevitabilmente le tensioni fino al parossismo. Ad Obama, e alla sua visuale cosiddetta progressista, con ampie propaggine anche in Italia, adesso che ha seppellito del tutto il buonsenso sotto le sabbie islamiche, una sola domanda: perché Israele, che della sua arma atomica finora ne ha utilizzato soltanto la forza di deterrenza, dovrebbe aspettare che l’Iran sviluppi la sua, con il consenso e la benedizione di Obama, al solo scopo di cancellarla dalla faccia della Terra?

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 06/04/2015 - 09:52

Se fossi Israele mi preoccuperei, il negro ne ha combinata un altra delle sue, autentiche genialate da statista di politica estera. Questi tra due o tre anni dichiareranno di avere la bomba atomica. E poi ci sarà da ridere......

Massimo Bocci

Lun, 06/04/2015 - 10:08

Certo tutti si sentirebbero e ci sentiamo, POCO tranquillizati, da un comprovato simile TRADITORE (filo Islamista meticciato) che sta tentando e ha tentato in tutti i modi di sconvolgere e distruggere le democrazie occidentali, un vero fedain??? etero diretto da chi gli ha comprato posto.....anche un Nobel di copertura, per mistificare meglio truffa, un INUTILE IDIOTA messo a eseguire ordini dai suoi padroni Meticciati Nazi, un classico dei criminali TRADITORI sinistroidi come i golpe.

marinaio

Lun, 06/04/2015 - 10:18

Ma basta! Israele non sarebbe contento neanche se l'Iran costruisse fionde. Non vuole le bombe atomiche? Bene! cominci a smantellare le proprie (mai dichiarate). Se ci pensate i paesi che hanno imposto all'Iran il controllo sul nucleare sono proprio quelli che hanno la bomba atomica (Russia, USA, Francia, Cina, Gran Bretagna e....Israele) Che faccia di bronzo!!!!

Klotz1960

Lun, 06/04/2015 - 11:34

Israele ha circa 150 testate nucleari e si e' sempre opposto alla denuclearizzazione del Medio Oriente. Non ha alcun titolo a parlare, dato che nemmeno aderisce all Aiea e non subisce controlli. Solo i cretini non capiscono cio'..

TruthWarrior1

Lun, 06/04/2015 - 11:43

@marinaio, concordo in pieno! Costoro filo-sionisti di destra che invadono questo blog e vedono tutto come li viene descritto dagli organi della grande stampa (controllata dai soliti noti), vanno in giro coi prosciutti sugli occhi e a blaterare come pappagalli non sapendo mettere due e due insieme. Sono ometti ridicoli e basta!

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Lun, 06/04/2015 - 12:01

Lo cioccolatino che ha detto a Israele??:#Israele stai sereno. E' fatta, Israele ti hanno fregato.

steacanessa

Lun, 06/04/2015 - 12:06

marinaio-klotz: Israele non ha mai minacciato di distruzione totale i paesi vicini che invece hanno lo scopo dichiarato di annientarlo. Per fortuna sua è nostra Israele, unico vero Stato democratico dell'area, ha i mezzi per dissuadere gli stati tribali che lo circondano ed i belinoni come l'abbronzato obama ed i vostri simili trinariciuti.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 06/04/2015 - 12:38

La stampa occidentale è di regola o nelle mani degli ebrei o condizionata da loro o dal solito senso di inibizione. Fatto sta che il resto del mondo, libero, è assai più preoccupato dalle atomiche di Israele e Pakistan (che vuole darla ai sauditi).

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 06/04/2015 - 12:39

Non esistono filosionisti di destra. sono semmai solo ignoranti. il sionismo è un crimine pari allo sterminio dei Nativi Pellerossa.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 06/04/2015 - 12:41

steacanessa - è male informato. Il politologo e consigliere militare israeliano Van Creveld ha spesso minacciato di attacco atomico anche l'Europa.

agosvac

Lun, 06/04/2015 - 12:57

Chissà perché ma questa cosa mi ricorda il famoso "stai sereno" detto a suo tempo da Renzi ad Enrico Letta!!! Non dico che bisognerebbe fare la guerra all'Iran ma che sarebbe necessario stare un po' più attenti. Il fatto è che questo Presidente Obama, tanto amato dalla sinistra italiana, si è dimostrato un perfetto idiota in politica estera. Gran parte dei danni che oggi stiamo subendo sono stati causati da lui e dalla sua politica di agevolare le "primavere" arabe agevolando in questo modo solo ed esclusivamente il terrorismo islamico. Meno male che il suo mandato è in scadenza, così non potrà fare ulteriori danni.

agosvac

Lun, 06/04/2015 - 13:07

Egregio marinaio, i paesi che oggi hanno l'atomica non l'hanno mai usata: è solo un deterrente! Lei è sicuro che l'Iran, se avesse l'atomica, non l'userebbe subito per distruggere quello che considera un nemico giurato, cioè Israele????? Si ricordi che in Iran non c'è democrazia ma teocrazia, a comandare non è un Governo eletto dal popolo ma solo ed esclusivamente gli esponenti religiosi dell'Islam.

Ritratto di hardcock

hardcock

Lun, 06/04/2015 - 13:20

Messaggio per tutti I fiancheggiatori dell'islam. Stante il fatto incontrovertibile che I mussulmani sono vigliacchi fondamentalmente stupidi. Ed Obama lo dimostra in pieno. Finira come nel 1966. &6 milioni di mussulmani attaccarono proditoriamente 6 milioni di israeliani e furono sconfitti in 6 giorni.

emmea

Lun, 06/04/2015 - 13:42

Obama ha tranquillizzato "si fa per dire" Israele proclamando che gli USA saranno sempre al suo fianco in caso di attacco. Che faccia da cxlo questo Obama! Che se ne fa un Israele distrutto da un attacco atomico degli USA al suo fianco? Gli Usa dovrebbero essere al fianco di Israele prima, soprattutto per impedire un attacco nucleare ai suoi danni e non dopo. Finchè si tratta di attacchi con armi convenzionali (e comunque fino a un certo punto) va bene l'aiuto americano, ma qui si stanno mettendo le premesse per un possibile futuro attacco nucleare.

alberto_his

Lun, 06/04/2015 - 18:20

@agosvac: forse ti sfugge che l'unico paese ad aver utilizzato ordigni atomici è una csd democrazia. Si persegue nell'equivoco di considerare il programma nucleare iraniano come fosse per fini militari, mentre è esclusivamente a fini civili: il negoziato è servito ad assicurarsi proprio che questo fosse. Continuate a dare retta a Bibi, rimasto più solo che mai. Bisogna capirlo, altre carte da giocare non le ha e l'accordo con l'Iran (ripeto, ancora tutto da scrivere e quindi da valutare) fa molto il suo gioco.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 06/04/2015 - 18:52

Andate a Hiroshima... a vedere il museo.

Ritratto di franco_DE

franco_DE

Lun, 06/04/2015 - 20:10

intanto in senato ha abbassato la cresta e fra 2 anni la abbasserà alle nuove elezioni.

Ritratto di stock47

stock47

Lun, 06/04/2015 - 21:57

Un rischio calcolato? Siamo alla presa per i fondelli. Non credo che Israele si faccia prednere in giro dall'islamico Obama, sarebbero dei pazzi a farlo, con le armi nucleari non si gioca e non si fanno rischi calcolati. Ipotizzando che la cosa fosse vera, cosa faranno tutte le altre nazioni islamiche che si sentissero minacciate dall'armamento nucleare iranaiano? E' ovvio che a loro volta vorraqnno le armi nucleari, dopo di chè sarà un bel casino, non ci sarà più sicurezza per nessuno, nè in Medio Oriente, nè in Europa.

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 07/04/2015 - 04:31

depil, sono d'accordo sulla prima parte del suo post sulle dichiarazioni di Obama ma non sulla sua rimenbranza storica. La guerra non è una gara di umanità e i giapponesi avevano ucciso milioni di persone in tutto il sud est asiatico. Erano sempre in guerra, non si arrendevano, intendevano resistere fino all'ultimo uomo. Invaderli convenzionalmente avrebbe richiesto la perdita di 5 Milioni di persone, di cui un milione di soldati americani. Le atomiche servirono a malapena a farli arrendere. In quanto alle due città colpite, una era la base navale da dove era partita l'aggressione a Pearl Harbour e l'altra dove si producevano gli Zero, aerei per kamikaze. Quei duecentomila morti delle atomiche salvarono milioni di persone.