Isis, jihadista pentito torna a Londra: "C'era troppo freddo"

Si era unito ai terroristi dell’Isis in Siria ma è subito entrato in depressione per le difficili condizioni di vita: cibo insapore e freddo eccessivo. Così è tornato a casa: condannato a sette anni

Un jihadista britannico ha raggiunto i combattenti dello Stato islamico, in Siria, ma è tornato indietro perché, tra le difficoltà trovate, non riusciva a sopportare il freddo, oltre al cibo che gli veniva dato. Lo strano caso di M.U, residente nel quartiere londinese di Barking (est della capitale), viene rilanciato dalla stampa britannica. L'uomo si era unito ai terroristi ma dopo poco è caduto in depressione per le difficili condizioni di vita, la mancanza di elettricità e il "troppo freddo". Così il jihadista ha deciso di tornare in patria e, una volta arrivato nel Regno Unito, è stato arrestato e condannato a sette anni di carcere.

Il jihadista pentito ha raccontato ai giudici di essere arrivato a "odiare il cibo" fornito dai terroristi. giudicato "insapore", e di non essere riuscito a sopportare lo stile di vita del Paese mediorientale, giudicato troppo spartano.

Dopo aver ammesso la propriacolpevolezza di fronte alla giuria del tribunale di Woolwich, l’uomo, fermato all’aeroporto di Gatwick nel dicembre del 2014, è stato condannato in base alle leggi antiterrorismo britanniche. Durante il processo sono anche emerse alcune comunicazioni fra lui e alcuni suoi amici, in cui il jihadista londinese si lamentava pesantemente della sua condizione di foreign fighter e diceva ai suoi conoscenti che per fare il terrorista "è richiesta molta, molta pazienza".

Commenti

i-taglianibravagente

Gio, 11/02/2016 - 15:52

Beccato a dicembre, giá condannato e a 7 anni!! Sette!! Cronache da marte. Sapere che fuori dall'italia c'è ancora chi applica il buon senso, è semplicemente shokkante

Ritratto di Arlecchino_86

Arlecchino_86

Gio, 11/02/2016 - 16:21

Poveretto... Già si può cominciare a piangere? :))))

Ritratto di pravda99

pravda99

Gio, 11/02/2016 - 16:44

Strano, il freddo e il cibo cattivo si associano generalmente proprio al Regno Unito. Secondo me questo fa del sarcasmo e i Britannici non hanno il senso dell'umorismo necessario per capirlo.

Clericus

Gio, 11/02/2016 - 17:12

È crollato quando ha saputo che le 72 vergini erano racchie.

fisis

Gio, 11/02/2016 - 17:30

Mi sono sempre chiesto come un occidentale. abituato a uno stile di vita tutto sommato fatto di agi, comodità, libertà sessuale etc. etc., potesse adattarsi alla vita da cani - con esito finale probabile la morte violenta - prospettata dall'isis. Solo un potente lavaggio del cervello su una mente debole, affascinata dal miraggio del paradiso di latte, miele e vergini, può spingere a questa scelta. Forse allora, a lunga scadenza, l'isis si combatte controllando i centri di reclutamento (moschee con i loro sermoni) e la rinascita di un neo-illuminismo che promuova un'educazione e una cultura tollerante e liberale nelle scuole e nella società.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Gio, 11/02/2016 - 18:24

Che pollo!!!!! Eroe di cartone. Uhauhauhauhauhauha !!!!!

Gaby

Gio, 11/02/2016 - 18:42

Oddio....e'noto che in Inghilterra fa caldo e si mangia bene. Gli si e'proprio fritto il cervello.

telepaco

Gio, 11/02/2016 - 18:51

X fisis Quelli non sono mica ccidentali, sono immigrati di seconda o terza generazione che odiano i paesi europei in cui vivono. Per quello partono e anche perchè credono alla pagliacciate delle vergini e quant'altro

Fjr

Gio, 11/02/2016 - 18:52

@clericus, la ringrazio per avermi strappato un sorriso, pare che da quando ha sentito parlare di unioni civili , si sia trasferito nel nostro paese, anche perché il clima è più' caldo e si mangia da Allah

FRANZJOSEFVONOS...

Gio, 11/02/2016 - 19:55

CLERICUS FANNO PARTE DEL SINDACATO DI LUXURIA LE 72 VERGINI DA POCO SI SONO ISCRITTE AL SINDACATO LIBERO GENERE

ziobeppe1951

Gio, 11/02/2016 - 20:15

Molto probabilmente nelle carceri inglesi si mangia meglio

@ollel63

Gio, 11/02/2016 - 21:28

insomma, meglio stare in galera a casa propria che in quell'iferno chiamato... boh!

Tuthankamon

Gio, 11/02/2016 - 23:04

E mi auguro che dopo i sette ani lo sbattano a Guantanamo oi simile o in qualche carcere arabo!