Isis manda in onda canzoni di propaganda sulla radio svedese

Per una mezz'oretta l'emittente ha martellato gli ascoltatori con gli inni jihadisti

Una strana mezz'ora di programmazione è andata in onda venerdì mattina sulla rete svedese Mix Megapol che, all'insaputa di chi la crea, ha offerto per trenta minuti buoni canzoni di propaganda jihadista agli ascoltatori, invitati a marciare "verso le porte del paradiso, dove aspettano le vergini".

Inni al martirio che a più di uno avranno fatto andare di traverso la colazione e uno stato piuttosto netto rispetto al pop innocuo di Ed Sheeran e Carl Ray Jepsen, sostituiti dalle note che cantavano "l'amore di Allah" e il valore degli uomini dello Stato islamico - per la verità ultimamente piuttosto frusti - "che combattono notte e giorno".

Una valanga di telefonate si è prevedibilmente riversata sulla Bauer Media, che controlla la stazione radiofonica con sede a Malmo, il cui segnale raggiunge però una gran parte del territorio svedese. "Qualcuno ha interferito con la nostra frequenza usando un trasmettitore pirata", hanno spiegato loro, affatto convertitisi alla causa jihadista.

Mix Megapol vanta un milione quattrocentomila ascoltatori al giorno. Per una mezz'oretta si sono dovuti sorbire la lania dell'Isis, che fustigato in Siria e in Iraq è passato per un momento alle onde radio scandinave.

Commenti

ARGO92

Sab, 11/11/2017 - 20:22

se nel loro paradiso ci sono tante vergini per ognuno e evidente che il paradiso e frequentato da molti ma molti cxxattoni o finocchi il cxxo e mio preferisco il nostro inferno dove si tromba