Israele a 100mila palestinesi di Gaza: lasciate le vostre case. Hamas: no

Hamas non accetta la tregua ma Israele avverte: "Così la reazione sarà ancora più forte". Gli sforzi diplomatici vanno avanti: al lavoro Egitto, Turchia e Qatar

Da stamani i raid dell'esercito israeliano nella Striscia di Gaza hanno colpito sessanta obiettivi, fa sapere un portavoce delle forze armate di Israele. Tra i luoghi colpiti postazioni di lanciarazzi, tunnel e infrastrutture di Hamas. Le Brigate Ezzedin al-Qassam, il braccio armato di Hamas, hanno fatto sapere che accettare la tregua proposta dall'Egitto sarebbe stato un atto di sottomissione: "La nostra battaglia contro il nemico - hanno minacciato - si intensificherà". Il premier israeliano Benjamin Netanyah per tutta risposta ha annunciato che l’esercito estenderà la propria offensiva. Come riferisce la radio militare il governo israeliano ha deciso di richiamare altri 8.000 riservisti. La scorsa settimana aveva già autorizzato l’arruolamento di un totale di 40 mila militari della riserva.

Israele ha chiesto a 100.000 palestinesi che vivono nella città di Gaza di abbandonare le proprie case. Sono stati utilizzati messaggi telefonici registrati per avvertire gli abitanti di due quartieri della città dove, secondo fonti dell’esercito, verranno intensificati gli attacchi. Ma Hamas chiede agli abitanti della Striscia di non lasciare le proprie case, denunciando una "guerra psicologica". Secondo il ministero dell’Interno di Gaza - come si legge su Ynet, il sito web del giornale israeliano Yedioth Ahronoth - "non c’è alcun motivo di preoccupazione né alcuna ragione per cooperare" perché si tratta di avvertimenti che "fanno parte di una guerra psicologica".

L'artiglieria israeliana ha aperto il fuoco verso alcune zone in cui ha in precedenza aveva ordinato lo sgombero, mediante volantini e messaggi pubblici. Fonti locali riferiscono di esplosioni a Beit Lahya, nel nord della Striscia, e a Sajaya, a est di Gaza City. In questo sobborgo diversi edifici sono stati centrati da proiettili, secondo la stampa locale. Da quelle aree, afferma Israele, sono stati lanciati numerosi razzi.

Al nono giorno dell’operazione "Barriera protettiva", il bilancio delle vittime a Gaza ha superato quota 200 e 1.500 feriti. Nel pomeriggio le agenzie battono la notizia che quattro bambini sono rimasti uccisi nel corso dei raid israeliani. Le vittime, riferiscono fonti palestinesi, sono state colpite da proiettili provenienti dal mare, probabilmente da una motovedetta, mentre si trovavano all’interno di una capanna sulla spiaggia di Gaza City, distrutta dall'attacco dell’aviazione. Al bombardamento avrebbero assistito alcuni giornalisti dell’Afp che risiedono in un hotel situato a circa 200 metri dalla spiaggia.

Gli sforzi diplomatici

Il presidente dell’Autorità nazionale palestinese, Mahmoud Abbas (Abu Mazen), oggi è al Cairo per colloqui con il presidente egiziano, Abdel Fattah al-Sisi. L’obiettivo della missione, come ha scritto l’agenzia di stampa palestinese Wafa, è arrivare al "successo dell’iniziativa egiziana" per porre fine alle ostilità. La visita di Abbas al Cairo è stata annunciata ieri dal portavoce della presidenza dell’Anp, Nabil Abu Rudeineh. Venerdì Abbas dovrebbe arrivare in Turchia per ulteriori colloqui e, come confermato da Abu Rudeineh, continuerà ad avere contatti con i "Paesi arabi" e a "livello internazionale" per uscire dalla crisi.

L’emiro del Qatar, Sheikh Tamim, si trova in Turchia dove ha incontrato ieri sera il presidente Abdullah Gul e il premier Recep Erdogan, nell’ambito degli sforzi compiuti da Doha per arrivare ad un cessate il fuoco a Gaza. Nel corso della breve visita di lavoro ad Ankara, fanno sapere fonti del governo di Doha, l’emiro qatariota ha discusso di diverse questioni regionali tra cui la guerra a Gaza.

Hamas chiede precise garanzie

Mushir al-Masri, dirigente del movimento islamico palestinese a Gaza, in un’intervista all’agenzia Xinhua dice che Hamas chiede precise "garanzie" da parte dei mediatori arabi e regionali prima di siglare un cessate il fuoco con Israele. "Negli ultimi giorni - ha spiegato - Hamas ha avuto molti contatti con paesi arabi e islamici per discutere della tregua. Turchia e Qatar stanno facendo molti sforzi per arrivare alla proclamazione di un cessate il fuoco". Nel pomeriggio il portavoce di Hamas, Sami Abu Zuhri, ha annunciato in una conferenza stampa che il suo movimento ha informato ufficialmente l’Egitto della decisione di rifiutare la sua iniziativa di due giorni fa per il cessate il fuoco con Israele. Secondo al-Masri, Hamas è interessato alla fine delle violenze, ma "prima del cessate il fuoco ci deve essere la garanzia che Israele sia obbligato a non violare un qualunque accordo di tregua". Al-Masri ha poi smentito le voci secondo cui il suo movimento e la Jihad islamica avrebbero presentato all’Egitto una bozza di accordo con Israele che prevede un cessate il fuoco di 10 anni. "Questo - ha detto - è uno di quei nonsense israeliani che vengono puntualmente pubblicati dai media".

Commenti

paolonardi

Mer, 16/07/2014 - 10:16

Occhio per occhio ...... ; carissimi amici israeliani perche' avvertite i vostri nemici? Fate come loro, non si possono combattere gli animali come se fossero uomini; vanno trattati e macellati come bestie; non si puo' combattere con le regole stabilite con chi le ignora sistematicamente ed agiscre con subdola vigliaccheria colpendo alle spalle e scappando come tristemente sperimantato troppe volte nel recente passato.

maricap

Mer, 16/07/2014 - 10:40

Gente vi servo una chicca fresca fresca, presa da Corriere della Sera, che la dice lunga sulla tenuta mentale dei sostenitori dei terroristi palestinesi. Il lettore 9111907 scrive. "Allora sarò più chiaro: durante la presunta tregua tutti e due hanno continuato a lanciare missili, quindi la tregua è stata rotta da tutti e due. Ora è chiaro ? Visto che pare che la tregua la rompa solo Hamas." - Risposta di maricap. Nonostante che tutti abbiano visto che Israele, accettando la tregua che aveva proposto l'Egitto si è fermata, mentre non sono terminati i lanci di hamas, questo omino ce la racconta come a lui fa più comodo. Mi viene fuori come un tornado, dal più profondo del mio essere “ Riapriteliiiiiiiiiiiiii”. Dopo la 180, la famigerata legge Basaglia che li ha fatti chiudere, questi poverelli vagano senza assistenza medica e senza meta, beccandosi dei sonori vaff..... per le minchiate che ci vengono a proporre. Compassione un pipi, do ut des... e così sia. Ahahahah

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 16/07/2014 - 11:03

E dopo che queste ostilita finiranno , staremo ad aspettare le prossime scaramucce.Avendo finito i missili , si rifocilleranno di altri e si ricomincera di nuovo.Oramai e´un gioco infinito.Spero solo che Israele la prossima volta sia spietato.

gian paolo cardelli

Mer, 16/07/2014 - 11:06

paolonardi: li avverte perchè Israele non considera i "palestinesi" loro nemici, ma tali sono quelli che sfruttano la situazione per arricchire alle loro spalle, al secolo i vertici di Hamas e dintorni.

gian paolo cardelli

Mer, 16/07/2014 - 11:08

"Che i profughi palestinesi siano delle povere vittime, non c’è dubbio. Ma lo sono degli Stati Arabi, non d’Israele. Quanto ai loro diritti sulla casa dei padri, non ne hanno nessuno perché i loro padri erano dei senzatetto. Il tetto apparteneva solo a una piccola categoria di sceicchi, che se lo vendettero allegramente e di loro propria scelta. Oggi, ubriacato da una propaganda di stampo razzista e nazionalsocialista, lo sciagurato fedain scarica su Israele l’odio che dovrebbe rivolgere contro coloro che lo mandarono allo sbaraglio. E il suo pietoso caso, in un modo o nellaltro, bisognerà pure risolverlo. Ma non ci si venga a dire che i responsabili di questa sua miseranda condizione sono gli «usurpatori» ebrei. Questo è storicamente, politicamente e giuridicamente falso." Vediamo chi è il primo ad indovinare: CHI SCRISSE QUESTE COSE E QUANDO? vi aiuto: è una persona che, quando si tratta di dare addosso a Berlusconi, i "sinistri" tengono in massima considerazione, vediamo se sono coerenti anche adesso...

marina.panetta

Mer, 16/07/2014 - 11:43

Patetico e paradossale il tifo che le testate giornalistiche e i TG fanno per i palestinesi, quando è noto che come alleanza internazionale l'Italia sta con Israele, e fino a prova contraria, con gli USA.

Ritratto di Dobermann

Dobermann

Mer, 16/07/2014 - 11:58

In questi giorni ho preso atto di molti commenti riguardanti i fatti di Gaza, commenti che sono un campione da non sottovalutare per una indagine storico-sociologica, forse anche psichiatrica; anzi, sicuramente! I lettori e commentatori de 'Il Giornale' sono, in linea di massima, esponenti di una visione, diciamo così, tanto per facilitare la comprensione, anche se articolata in modo profondo, conservatrice: conservatrice da un punto di vista politico-economico-culturale. Nulla di malvagio, per carità: tanto di rispetto al conservatorismo. Se si è conservatori, in modo serio, anche quando le opinioni conservatrici pretendono di 'grattare' il sedere al liberalismo (che è altra cosa), bisogna almeno seguire un'etica e una conformità fedele. Dunque, dai commenti di questi giorni, molti commentatori infilzavano sostenendo Israele, che poi è il sionismo, contro Gaza, bollando come beceri comunisti chi, in modo quasi imbarazzato, prendeva le difese e sosteneva le ragioni dei palestinesi. Chi sono in contraddizione? Domanda non inutile, anzi: necessaria! Faccio un esempio, così il quadro può essere compreso meglio: Giuliano Ferrara, noto sionista e conservatore 'reazionario' doc, cosa faceva in passato? Faceva proprio il comunista! Eppure, Giuliano Ferrara, il 'mammut' del giornalismo italiano, è più fedele al sionismo di quei lettori e commentatori filo israeliani dell'ultima ora. Perché? Molto semplice: il sionismo è stato il creatore del bolscevismo e della Rivoluzione d'Ottobre; Lenin e la sua banda furono pesantemente finanziati da Wall Street e dai capi sionisti. Marx e la sua opera furono finanziate da Wall Street. Tralascio i motivi sul perché: chi vuole può informarsi, soprattutto attraverso pubblicazioni, vedi caso statunitensi, che in questo villaggio di confine desertico che è l'Italia non trovano mai pubblicazione. Pertanto, Giuliano Ferrara è stato, paradossalmente, sempre fedele alla sua formazione giovanile; i commentatori dell'ultima ora no. A parte il fatto che non hanno l'intelligenza scatenata, ironica e paradossale di Ferrara! Un'ultima considerazione, anzi, un ultimo invito: non uscite sempre con la 'strategia del rimando', tipo: 'lei non capisce niente, si vada ad informare'; 'lei è un ignorante, studi'; 'lei è in contraddizione, dice una marea di castronerie'; ecc... Per favore: questo atteggiamento fatelo con le vostre donnine di provincia, con i vostri familiari, con i vostri amici ignoranti, come i miei amici ignoranti: questo è un trucco che non paga più; molti, l'invito ad andarsi ad informare, oggi come oggi, lo prendono sul serio e quello che scoprono è una verità che cozza con le idiozie che vengono dalle teste malate di 'neuroschiavi'.

Dany

Mer, 16/07/2014 - 12:00

I sinistri, dopo il fallimento della loro casa madre con annesso ammasso dei loro cervelli, non avendo più come odiarsi e odiare l'occidente hanno sposato con la loro solita idiozia la causa palestinese.

fisis

Mer, 16/07/2014 - 12:35

Quella della tregua è una pia illusione. Da che mondo è mondo - e l'essere umano è purtroppo cambiato poco sin dal tempo delle caverne - una guerra finisce quando c'è un vincitore. Finchè Israele (o i terroristi di Hamas) non vincerà definitivamente, fino all'umiliazione totale dell'avversario e alla sua resa incondizionata, sarà uno stillicidio continuo di morti e distruzioni. Questa è purtroppo l'amara verità. Israele avrebbe tutti i mezzi militari (ma forse non quelli psicologici e neanche le alleanze, vista la situazione attuale degli USA) per distruggere Hamas e occupare militarmente la Palestina; non lo fa, allora ne subisca le conseguenze, che potrebbero però essere letali per gli israeliani qualora l'Iran si dotasse di atomica e qualche ayotollah lo usasse contro il loro piccolo stato.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mer, 16/07/2014 - 12:44

il sionismo è stato il creatore del bolscevismo e della Rivoluzione d'Ottobre; Lenin e la sua banda furono pesantemente finanziati da Wall Street e dai capi sionisti. Marx e la sua opera furono finanziate da Wall Street. Dobermann, e questa filippica cosa c'entra con lo statuto di Hamas, l'escatologia Sciita e il corano, scritti che giustificano e legittimano l'agire di Hamas e di tutti i jihadisti terroristi islamici? Ha un bel da esigere di rispettare chi pretende d'avere la verità in tasca per DNA superiore (vedasi geneticamente onesto a prescindere). e conclude con VERGOGNATEVI.

fisis

Mer, 16/07/2014 - 12:49

Quella della tregua è una pia illusione. Da che mondo è mondo - e l'essere umano è purtroppo cambiato poco sin dal tempo delle caverne - una guerra finisce quando c'è un vincitore. La storia insrna ciò: basti pensare ai casi recenti della Germania e del Giappone. Finchè Israele (o i terroristi di Hamas) non vincerà definitivamente, fino all'umiliazione totale dell'avversario e alla sua resa incondizionata, sarà uno stillicidio continuo di morti e distruzioni. Questa è purtroppo l'amara verità. Israele avrebbe tutti i mezzi militari (ma forse non quelli psicologici e neanche le alleanze, vista la situazione attuale degli USA) per distruggere Hamas e occupare militarmente la Palestina; non lo fa, allora ne subisca le conseguenze, che potrebbero però essere letali per gli israeliani qualora l'Iran si dotasse di atomica e qualche ayotollah la usasse contro il loro piccolo stato.

maricap

Mer, 16/07/2014 - 13:24

Doberman dice ."una verità che cozza con le idiozie che vengono dalle teste malate di 'neuroschiavi'. Maricap. Se qui c'è un demente neuroschiavo e vuoi vedere chi esso sia, posizionati davanti allo specchio. Poi dato che ci sei, sputagli pure in faccia. Sparare migliaia di missili sulla popolazione israeliana, è un atto di terrorismo, nascondersi in mezzo a quella di Gaza, è da puri figli di puttana, vigliacchi al massimo. Per quanto ti riguarda, dice un proverbio " Dimmi con chi vai, e ti dirò chi sei". Venite qui ad impietosire, mentre la merda seguita a lanciare missili su Israele, che per far cessare i lanci, deve bombardarli . Legittima difesa, che a voi dà un fastidio enorme. E già, siete abituati con gli europei, che invece di reagire agli atti terroristici, che la merda palestinese, ha fatto anche qui, seguita ancora a sovvenzionarli. Con Israele è certamente tutta un'alta storia. ahahahaha

emulmen

Mer, 16/07/2014 - 13:56

@maricap - hai tutto il mio appoggio. E dirò di più: Israele è semrpe stato sotto la minaccia dell'annientamento. Ad esempio i sinistrati fanno finta di non ricordare che la guerra dei sei giorni del giugno 1967 era inevitabile: l'Egitto occupa il Sinai portando i suoi carri armati alla frontiera israeliana, chiude lo stretto di Tiran, l'unico porto ebraico sul mar rosso; siriani, irakeni e giordani che si addensano al confine israeliano con la precisa voglia di cancellare lo stato ebraico dalla carta geografica. E Israele cosa poteva fare se non prevenire questa minaccia mortale distruggendo le aviazioni arabe e invadendo il Sinai? lo stesso nella guerra del Kippur dell'ottobre 1973: Egitto e Siria attaccano su due fronti israele con un atto di vigliaccheria unica, colpendo lo stato ebraico proprio in un giorno di festa in cui l'esercito era quasi smobilitato. ma per fortuna Israele si riprese e fu fermato dagli USA quando stavano per distruggere la quarta armata egiziana oltre il canale di suez, cosa che avrebbe spianato la strada per il Cairo. Ed ora cosa devono fare gli israeliani? lasciarsi colpire continuamente dai razzi di hamas che hanno prue rifiutato la tregua? eppure quei vigliacchi di Hamas lo sanno bene che cose del genere provocano la rappresaglia immediata dello stato ebraico, senza contare che a Gaza quei pazzi criminali si nascondono fra la gente civile deliberatamente. Occhio per occhio, dente per dente no? Senza poi l'appoggio del musulmano OBAMA BIN LADEN gli israeliani sono costretti a tutto ciò. Sinistrati, meditate bene su queste cose...

lorenzovan

Mer, 16/07/2014 - 14:57

vedo che l'assenza del cardellino viene rimediata da una nuova serie di nescienti ( neologismo...educato...per indicare ignoranti....lololol) da emulmen..." l'Egitto occupa il Sinai ..." ma il Sinai e' da sempre territorio egiziano...lololololol come se l'Italia occupasse il Piemonte....lolololololololololololol

Nerone2

Mer, 16/07/2014 - 15:14

emulmen il Sinai e' territorio egiziano.

emulmen

Mer, 16/07/2014 - 15:26

Io mica ho detto che il Sinai è di israele: ho solo fatto notare che dopo la crisi del 1956 l'ONU mandò le sue truppe nel Sinai per smilitalizzare la zona, ma nel maggio 1967 il presidente egiziano Nasser unilateralmente decise di far sloggiare le truppe dell'UNEF e rioccupare il Sinai, facendovi entrare le sue divisioni corazzate fino al confine israeliano. Senza contare, come ho fatto notare che Nasser chiuse pure lo stretto di Tiran su cui si affacciava Eilat (vicino a porto giordano di Aqaba), l'unico porto israeliano sul mar Rosso e quindi vitale per il paese ebraico: se queste non erano delle provocazioni per Israele cosa erano allora? cosa avrebbero potuto fare gli israeliani? ditemelo voi...

lorenzovan

Mer, 16/07/2014 - 15:32

nel "cahier de doleance" dei destroidi..c'e' la presunzione dei sinistrorsi d una presunta superiorita' intellettuale... ora...francamente dopo anni di frequentazione dei forum del giornal...devo dire che... in verita'...anche il piu' semplice "peppone" di provincia in confronto alla maggior parte dei lettori e frequentatori dei forum del Giornale..diventa un Einstein...o un Pico della Mirandola....lololololol

lorenzovan

Mer, 16/07/2014 - 15:32

nel "cahier de doleance" dei destroidi..c'e' la presunzione dei sinistrorsi d una presunta superiorita' intellettuale... ora...francamente dopo anni di frequentazione dei forum del giornal...devo dire che... in verita'...anche il piu' semplice "peppone" di provincia in confronto alla maggior parte dei lettori e frequentatori dei forum del Giornale..diventa un Einstein...o un Pico della Mirandola....lololololol

lorenzovan

Mer, 16/07/2014 - 15:39

x emulmen...ritiro le battute nei tuoi confronti...hai perfettamente ragione ....sapevo benissimo della smilitarizzazione al seguito dell'invasione israeliana del 56..in congiunto con l'invasione anglo-francese..e all'invaione dell'Ungheria da parte dei rossi.. gli USA bloccarono tutti ..all'epoca erano ancora imparziali...o piu' semplicemente puntvano su Nasser..futuro leader del mondo arabo... la grande frattura con Nasser fu il finanziamento della diga di Asswan..garantita poi dai sovietici.. da quel momento l'ago della bilancia punto' decisamente a favore di Israele..che fu fortemente armata..appogiata e guidata dagli USA nella guerra del 67 cosi' come ..dopo la chiusura delk canale..viste le ripercussioni enormi sull'economia occidentale...gli USA favorirono la guerra del Kippur...ma gia' parliamo di storia...

Nerone2

Mer, 16/07/2014 - 15:52

emulmen... quel che avvenne nel 56'. Durante il periodo della Guerra Fredda, Gamal Nasser prese la posizione di neutralita' tra i due fronti (Occidente e URSS). I paesi Occidentali bloccarono i fondi che avevano stanziato per la costruzione della diga di Aswan per la sua politica "neutrale". La mossa di ritorsione di Nasser fu di nazionalizzare la Compagnia del Canale di Suez nel 1956. Di conseguenza, la Gran Bretagna, Francia, e Israele occuparono la Penisola del Sinai, ma si ritirarono subito dopo per le pressioni della comunita' internazionale. Tutto qua'.

Ritratto di unpaesemigliore

unpaesemigliore

Mer, 16/07/2014 - 15:55

Dal momento che le armi sono già "calde" lanciate un bel missilotto diretto a Montecitorio .... Gli Italiani ve ne saranno grati!!!

gian paolo cardelli

Mer, 16/07/2014 - 15:57

il furgoncino "ritira tutto", ma dimostra di non conoscere la storia: fino al 1967 Israele era armata dai FRANCESI (i nomi Mirage e Mystere le dicono qualcosa?), e solo dopo il voltafaccia di De Gaulle gli USA presero il posto dei nostri cugini d'Oltr'Alpe, su richiesta disperata degl israeliani stessi rimasti senza fornitori militari affidabili. Nessun paese, men che mai uno in pericolo permanente come Israele, cambia integralmente l'equipaggiamento delle proprie FF.AA. senza un gravissimo motivo, ed il passaggio agli USA fu duramente pagato dai militari israeliani, con F4 ed A4 concepiti per un tipo di combattimento in cui i precedenti caccia francesi erano nettamente superiori, e con gli M60 che prendevano fuoco al primo impatto per colpa del liquido dei circuiti idraulici per il movimento delle torrette, rivelatosi estremamente infiammabile. Stante queste condizioni la tesi "gli USA favorirono la guerra del Kippur" fa semplicemente ridere i polli...

Nerone2

Mer, 16/07/2014 - 16:00

emulmen... quel che avvenne nel 56'. Durante il periodo della Guerra Fredda, Gamal Nasser prese la posizione di neutralita' tra i due fronti (Occidente e URSS). I paesi Occidentali bloccarono i fondi che avevano stanziato per la costruzione della diga di Aswan per la sua politica "neutrale". La mossa di ritorsione di Nasser fu di nazionalizzare la Compagnia del Canale di Suez nel 1956. Di conseguenza, la Gran Bretagna, Francia, e Israele occuparono la Penisola del Sinai, ma si ritirarono subito dopo per le pressioni della comunita' internazionale.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mer, 16/07/2014 - 16:18

Io, per onestà intellettuale farei retrocedere il problema ai figli di Abramo, a sua moglie che mi rimane incinta da vegliarda, alla sua schiava che a frullato col patriarca e, se si fosse curato gli acufeni, forse non sentiva la voce di dio e i discendenti del figliastro Ismaele non ci romperebbero i marroni nel terzo millennio. Diciamo che si stanno ancora scannando ancora fra primi cugini discendenti di questo pecoraio per definire a chi spetta dio in eredità.

lorenzovan

Mer, 16/07/2014 - 16:23

il post per taze tze era incompleto...una battuta errata sulla tastiera...dicevo che tra aerei spia e dopo con i satelliti...nessun stato riesce a conservare la segretezza sui propri movimenti in campo aperto percio' se Israele nel 67 e l'Egitto nel 73 riuscirono nell'impresa..senza avere i mezzi tecnici necessari..c'era lo zampino dietro di qualcuno ben informato...lol la centrale di Dimona e poi la Bomba atomica ncquero dopo il grande gelo tra Nasser e USA fu un capovolgimento di alleanze non solo la Francia armava Israele...ma pure la Russia..alleata fedele sottotraccia di molti dei grandi leader israelini dell'epoca questo per chi capisce un po di geopolitica e sa leggere tra le righe..analizzando i fatti e chiedendosi sempre " cui prodest"

lorenzovan

Mer, 16/07/2014 - 16:24

caro galaverna...finalmente un bel post..ironico e condivisibile al 1000/100

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Mer, 16/07/2014 - 16:25

Dobermann Spero per te che tu abbia preso la rabbia, visto che sei un cane, e nel delirio tu abbia scritto quel che leggo, poveraccio.

gian paolo cardelli

Mer, 16/07/2014 - 16:27

Galaverna, no: lo scontro religioso non c'entra proprio nulla. I "palestinesi" come popolo non sono mai esistiti, e la stessa risoluzione ONU che dette inizio agli scontri parlava di "due stati IN PALESTINA: uno EBRAICO ed uno ARABO". I popoli ai tempi di Abramo erano altri, alcuni ancora scarsamente presenti in zona, ma nessuno di costoro accampa diritti religiosi, e l'ISLAM nacque nel 630 Dopo Cristo, non mettiamo quindi le due religioni sullo stesso piano, per cortesia.

gian paolo cardelli

Mer, 16/07/2014 - 16:33

Furgoncino, scriva meno certezze basate sulla conoscenza della tecnologia perchè le cose allora andarono ben diversamente: l'attacco aereo israeliano del 67 non poteva in alcun modo essere "rilevato in anticipo" da chicchessia, visto che gli aeroporti da cui partirono gli aerei erano sempre gli stessi e gli aerei erano sempre stati parcheggiati lì (...), mentre i movimenti di truppe egiziane in pieno deserto furono coperti da decine di trucchi di camuffamento... e poi a lei chi glielo ha detto che già allora i satelliti coprivano tutto il mondo 24 ore su 24? Quanto alla Russia fornitrice di Israele: mi fa esempi di armamenti sovietici in forza agli israeliani in quel periodo? qui mi sa tanto che lei sta parlando per sentito dire, non certo per conoscenza effettiva delle cose...

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 16/07/2014 - 16:38

Spero radano al suolo tutto. Tanto poi i soldi per ricostruire come sempre li caccia l'Arabia saudita.

Nerone2

Mer, 16/07/2014 - 16:41

gian paolo cardelli a risposta a Mario Galaverna. Infatti non e' scontro religioso ma ben altro.

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 16/07/2014 - 16:42

emulmen-Bravo . Hai tutta la mia stima.

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 16/07/2014 - 16:44

lorenzo van-pensavo che attualmente fosse in giro per i vari Pride :Mi meraviglia vedere i suopi dämlicher commenti.

emulmen

Mer, 16/07/2014 - 16:47

@cardelli - hai perfettamente ragione. Solo che dal 1000 AC in israele fiorì una ricca e potente comunità ebraica in cui non c'erano conflitti di alcun tipo. Solo dopo la rivolta del 70DC quando i romani distrussero il tempio e scacciarono gli ebrei gli arabi locali divennero i padroni del posto. Direi quindi che il tanto vituperato "sionismo" non faceva altro che riaffermare la volontà precisa di rientrare nelle terre di origini, dove era nato il popolo ebraico. Solo che le popolazioni locali non lo accettavano, imbevute già come erano di Islam. E poi scusate, si tratta con disprezzo gli ebrei perchè ritengono di essere il "popolo eletto": ma allora anche l'islam fa la stessa cosa! chi non è musulmano è infedele e deve essere distrutto. Sono anche peggio dei nazisti : ricordate che nell'ultima guerra il gran Mufti di Gerusalemme si fece fotografare con Hitler e nei balcani si distinse per crudeltà e barbarie una divisione SS bosniaca-musulmana, la Handskar.... e gli arabi attuali sono tutti nipoti o pronipoti di quella gente che odiava gli ebrei, odio che è chiaramente un antisemitismo generato da quell'odio di 70 e passa anni fa...e Hamas non fa altro che perpetrare quella "tradizione" di odio, un vero e proprio lavaggio del cervello. E gli israeliani non possono far altro che rispondere: ne va della sopravvivenza di milioni di persone.

lorenzovan

Mer, 16/07/2014 - 16:48

cardellino mio...io c'ero gia' all'poca e seguivo come la maggior parte dei giovani non i programmi spazzatura tv..ma cio' che avveniva nel mondo avevo ancora nelle orecchie il sibilo dei bombardamenti ...come tutti gli italiani dell'epoca ti diro' che nel 56...avevo due album...con ritagli di giornali...uno sull'invasione esecrata dell'ungheria e uno sulle gesta di moshe dayan... tanto per intenderci...he he he ( nota la finezza...non ho scritto ...lolol)

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 16/07/2014 - 16:48

nerone2 ed altri.Ho sempre saputo che in italiano si dice Assuan, non capisco perche dobbiamo parlare cinese per farci capire.Scrivere in inglese o straniero e forse piu schic, ma noi abbiamo una lingua molto piu ricca , dove ci si puo abbeverare con idiomi di tutto il mondo.

gian paolo cardelli

Mer, 16/07/2014 - 16:51

Nerone2: è quello che sto scrivendo da sempre, anche se sicuramente non saremo d'accordo sul vero motivo. La tragicommedia continua perchè in caso di sua soluzione cesserebbero i flussi di denaro internazionali "gestiti" dall'ONU per "risolverlo", e di conseguenza molti funzionari di quell'ente ormai pletorico si ritroverebbero con i redditi decurtati ma, SOPRATTUTTO, cesserebbero i redditi dei "leaders palestinesi", tutti nati altrove e tutti diventati straricchi dopo la loro "nomina"... lei ritiene che ci siano altri motivi?

lorenzovan

Mer, 16/07/2014 - 16:53

marforio...sei nell'ora di riposo durante l tua attivita' di futuro Kapo ' ??o stai lustrando gli stivaloni e il cinturone da futuro gerarca ??? hai sbagliato epoca...lol...finiti i "bei tempi" dell'olio di ricino e delle sfilate oceaniche di norimberga.. in quanto ai Pride mi hai dato una idea... mai partecipato...ma e' una esperienza indolore che faro'...tanto per vedere l'altra faccia della medaglia

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Mer, 16/07/2014 - 17:00

nuclearizzare palestina ed israele contemporaneamente e rendere la zona inabitabile per i prossimi 1000 anni. Ovviamente li si avverte una settimana prima.

emulmen

Mer, 16/07/2014 - 17:01

@marforio - grazie...io dico queste cose perchè leggo un mucchio di libri e non do per scontato quel che leggo sui giornali o in TV di qualunque parte essi siano. Se dico che Israele ha ragione a rispondere vengo preso per un destroide criminale, ma dall'altra parte non si pensa che oggi c'è una nuova ondata di antisemitismo strisciante: "chi non ricorda il passato è costretto a riviverlo" disse qualcuno ben noto...se hamas in questo caso non ne vuole sapere di tregua che deve fare Israele, dire "e vabbè sò ragazzi, fategli lanciate pure stì razzi" ????

lorenzovan

Mer, 16/07/2014 - 17:02

he si marforio..l'italianita' innanzitutto...traduciamo tutti i nomi...magelhais diventa magellano...willem de awijger...guglielmo il taciturno..lolololol...vizietto del ventennio...ancora non l'hai perso ??

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mer, 16/07/2014 - 17:06

Caro gian paolo cardelli, non le metto io sullo stesso piano ma le mettono gli islamici, anzi, pretendono di essere il sigillo della rivelazione, quindi, quella giusta e definitiva. E' per questo che sono incazzati col mondo che non li riconosce superiori. Anche se la religione maomettana nasce seicento anni dopo Cristo il Maometto, da furbo, la fa risalire proprio ad Abramo perchè l'ha accrocchiata dall'antico testamento sentito raccontare dai beduini carovanieri che incontrava. Ismaele, primogenito ILLEGITTIMO di Abramo è il capostipite degli arabi (poi musulmani) mentre Isacco, secondogenito ma LEGITTIMO ha generato gli ebrei. Da qui lo scannamento perpetuo.

gian paolo cardelli

Mer, 16/07/2014 - 17:11

emulmen, solo una correzione: nel 70 D.C. gli arabi nella zona ancora non c'erano: vennero solo dopo la nascita dell'Islam, intorno al 630 D.C., appunto.

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 16/07/2014 - 17:14

@lorenzovan-Sono nato purtroppo nell´anno della proclamazione di Israele.Congratulazioni a me.Avrei voluto volentieri essere nato in una epoca che oltre olio di ricino in confronto ai nostri tempi democratici offriva forse di piu ,sia a giovani ed anziani.Io personalmente non ho l attitudine comunista di leccare ciuli per andare avanti , anche perche non ne ho mai avuto il bisogno. Preferisco essere una nullita che un kapo pieno di mierda.Ho nominato i pride anche perche Lei da perfetto democratico di sinistra si pone sempre QUER quando si parla di differenze politiche e sessuali.

gian paolo cardelli

Mer, 16/07/2014 - 17:14

furgoncino: quindi la sua conoscenza degli eventi si basava su quello che scrivevano i quotidiani dell'epoca, notoriamente poco informativi... era chiarissimo da quanto ha scritto finora, non si preoccupi di puntualizzarlo ulteriormente.

lorenzovan

Mer, 16/07/2014 - 17:16

x emulmen...affermare che nella "ricca e potente" comunita' dal 1000aC al 70 pC non ci fossero contrasti o periodiche guerre intestine...con relativi bagni di sangue..e' un esercizio di ricostruzione storica molto difficile...lololol cche dopo la diaspora...tante differenze si siano radicalizzate..sotto l'influenza dei differenti paessi dove le comunita' ebraiche si stabilivano...questo e' un dato di fatto...vero ancora ai giorni nostri basta vedere la discriminazione di cui si lamentavano gli ebrei africani" nei confronti degli ebrei "europei" per quanto iguarda il fanatismo inrente al concetto di "popolo eletto",,,gli ebrei sono in verita' in buona compagnia le tre religioni monoteiste...essendo la cristiana e la musulmana costole della originale ebrea...ne sono l'esempio piu' lampante

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mer, 16/07/2014 - 17:17

E poi, scusate, perche Hamas chiede una Hudna di 10 anni e Arafat faceva riferimento ai patti di Qurajsh? Tutti riferimenti coranici come lo statuto di Hamas. La religione islamica c'entra eccome.

Nerone2

Mer, 16/07/2014 - 17:18

marforio... sono italo-americano la mia di grammatica fa' schifo e immischio l'inglese con l'italiano.. e anche un po' di ostrogoto tanto per intenderci.

lorenzovan

Mer, 16/07/2014 - 17:20

tu invece cardellino mio hai accesso diretto alle stanze dei bottoni USA,Israele..e via di seguito...lololol e per puntualizzare le informazioni dell'epoca..potevano essere incomplete..non esisteva o quasi tv o mezzi visivi rapidi di supporto...ma erano molto piu' obiettive di quelle odierne

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mer, 16/07/2014 - 17:25

Occorre eliminare Hamas, sudiciume nero che prospera sul popolo palestinese di Gaza instaurando la legge della vigliaccheria, della ottusitá, della violenza e del terrore.

gian paolo cardelli

Mer, 16/07/2014 - 17:32

no, furgoncino dalle ruote sgonfie: basta avere accesso alle riviste specializzate, che si trovavano in edicola già allora e che venivano puntualmente etichettate dalla "sinistra" come "reazionarie, militariste, FASCISTE" ecc. ... Quelle dei media non specializzati, allora come oggi, erano il modo migliore per non capirci nulla, ed infatti...

gian paolo cardelli

Mer, 16/07/2014 - 17:33

Galaverna, c'entra all'interno del mondo islamico per giustificare certi atti interni, ma agli occhi di chi ne sta al di fuori altro ruolo non puo' apparire.

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 16/07/2014 - 17:42

nerone2 -Allora in questo contesto sei giustificato.

mila

Mer, 16/07/2014 - 17:49

@ lorenzovan -bene, non traduciamo in italiano i nomi e cosi' non si capira' piu' niente. Non sono solo gli italiani, notoriamente discendenti da fascisti, a tradurre i nomi stranieri. Lo fanno tutti, e i cinesi li trascrivono addirittura nei loro ideogrammi.

maricap

Mer, 16/07/2014 - 17:56

lorenzovan troppo idiota per competere con esseri umani. Ahahahah. In seguito alla crisi del 1956 l'ONU mandò le sue truppe UNEF,nel Sinai per smilitarizzare la zona, ed Israele si ritirò da esso. Maggio 1967 il presidente egiziano Nasser contravvenendo agli accordi, chiese i ritiro di tali truppe, sostituendole con le proprie fino ai confini di Israele e dette il via ad una serie di mosse provocatorie come la chiusura degli stretti di Tiran per le navi , da e per Israele. Eppure Israele lo aveva avvertito che quella mossa l'avrebbe considerata un atto di guerra.. Nasser con Siria e Giordania si era preparato per attaccare Israele, che però non aspettò l'attacco, e con raid aerei fulminei, distrusse, quasi tutta a terra, l'aviazione dei tre compari , suonandogliele poi di santa ragione anche sul campo di battaglia terrestre, Forze cinque o sei volte più numerose, già pronte alla guerra, sbaragliate in sei giorni. Allah Akbar Ahahahahahah Ora pero, dopo un seconda spiegazione ( Sei un ritardato , quindi ciò si impone) Lorenzo van, si van a cagà ahahahahah

Massimo Bocci

Mer, 16/07/2014 - 17:56

Ormai i democratici??? Di Hamas, quelle miglia e miglia di MISSILI li hanno in casa, ricevuti come aiuti umanitari ONLUS,ONU,nel ripostiglio non gli ci stanno più, son territori occupati sono case in sub affitto, poi questi trombano come dei ricci non hanno nulla da fare se non fare al GUERRA e tra una tregua e un'altra loro beati trombano,e fanno figli per mandare in guerra, LA PIENA OCCUPAZIONE, ne hanno una ventina a testa sempre TUTTI PAGATI!!! ONLUS, e quindi lasciamo che li lancino un po' di svago ludico e di insegnamento TIPO COMUNISTA DI PADRE IN FIGLIO, poi li lanciano su degli infedeli democratici,(che cazzo centrano in Palestina i democratici) poi cos'ì fanno un po' di posto nella casa DIROCCATA!!

Massimo Bocci

Mer, 16/07/2014 - 17:56

Ormai i democratici??? Di Hamas, quelle miglia e miglia di MISSILI li hanno in casa, ricevuti come aiuti umanitari ONLUS,ONU,nel ripostiglio non gli ci stanno più, son territori occupati sono case in sub affitto, poi questi trombano come dei ricci non hanno nulla da fare se non fare al GUERRA e tra una tregua e un'altra loro beati trombano,e fanno figli per mandare in guerra, LA PIENA OCCUPAZIONE, ne hanno una ventina a testa sempre TUTTI PAGATI!!! ONLUS, e quindi lasciamo che li lancino un po' di svago ludico e di insegnamento TIPO COMUNISTA DI PADRE IN FIGLIO, poi li lanciano su degli infedeli democratici,(che cazzo centrano in Palestina i democratici) poi cos'ì fanno un po' di posto nella casa DIROCCATA!!

emulmen

Mer, 16/07/2014 - 18:02

@lorenzovan - qui è molto più difficile seguirti...da quando era stato instaurato il regno di israele verso l'anno 1000AC con mitico re David quella terra era diventata una comunità prospera e fu distrutta 400 anni dopo quando arrivarono gli assiri e deportarono tutta la popolazione a Babilonia, per poi ritornare dopo quasi un secolo ma senza la potenza e la prosperità che c'era prima della deportazione. Fu un duro colpo per la popolazione ebraica, tant'è che pochi secoli dopo caddero sotto il dominio romano e il resto è storia...per quanto riguarda le altre comunità ebraica ricorda che ad esempio in Etiopia c'era la comunità nera ebraica dei falasha che ancora nel XX secolo seguivano i precetti della religione dei tempi di re David: a causa dell'isolamento fra le montagne etiopi rimasero sconosciuti fino all'800 ma poi nella seconda metà del 900 dallo stesso Israele venne l'invito agli ebrei neri falasha di andare in terrasanta, cosa di cui quasi tutti ne approfittarono anche per sfuggire al regime comunista di allora (anni 60-70) (la cosa è ben descritta nel libro "alla ricerca del santo graal" di Graham Hancock...)

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mer, 16/07/2014 - 18:08

gian paolo cardelli, vero, ma è colpa di chi sta fuori che si rifiuta di accettare l'irrazionalità religiosa come casus belli. Basta interessarsi dellescatologia sciita per capire l'odio verso gli ebrei.

emulmen

Mer, 16/07/2014 - 18:10

@Massimo Bocci - hai pienamente ragione...la striscia di Gaza e la Palestina ricevono ogni anno milioni di dollari di aiuti "umanitari" e si vede come li spendono bene...in missili da sparare verso israele e addirittura in droni che come tutti ben sanno mica costano poco (e non saranno certo dei mini-elicotteri comandati dall'iphone...)...quindi ecco come sperperano quelli di hamas i NOSTRI soldi!!! alla faccia della solidarietà e della "palestina libera"...a proposito guardate qua come si sta male a Gaza, secondo la sinistra "il più grande campo di concentramento all'aperto del mondo"...http://www.tomgrossmedia.com/mideastdispatches/archives/001114.html

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mer, 16/07/2014 - 18:28

Chiara la strategia di sempre di Hamas (a chi sa distinguere la veritá della coscienza e del cuore dalla menzogna del piú nero e ottuso egoismo): provocare Israele e la sua reazione di morte ... 1) per consolidare il potere del suo sudiciume nero che prospera sul popolo palestinese di Gaza instaurando la legge della vigliaccheria, della ottusitá, della violenza e del terrore ... 2) per ricattare e farsi foraggiare da un occidente in declino dominato dalla vigliaccheria e dalla menzogna.

gianni59

Mer, 16/07/2014 - 18:29

paolonardi e cardelli... non so quale possa essere la soluzione ma secondo la vostra analisi è come se alcuni terroristi italiani facessero attentati in Francia e la Francia dicesse "Italiani lasciate le vostre case perché nel vostro paese si nascondono dei terroristi" dopodichè radono tutto al suolo...siamo proprio sicuri che tutti i palestinesi sono terroristi?

lento

Mer, 16/07/2014 - 18:37

Quello che' stanno facendo gli ebrei ai palestinesi e' un vero massacro. Visto che' stanno morendo solo i palestinesi e loro sono protetti dagli scudi antimissili essendo una guerra impari,come al solito fanno gli ebrei,in quelle terre."Poi se un bel giorno i palestinesi si dovessero procurare un'atomica e la sganciano su isrlaele,il mondo deve stare zitto.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mer, 16/07/2014 - 18:47

Non é una casualitá che D´Alema abbia sempre riconosciuto ad Hamas una totale identitá di vedute --- Chiara la strategia di sempre di Hamas (a chi sa distinguere la veritá della coscienza e del cuore dalla menzogna del piú nero e ottuso egoismo): provocare Israele e la sua reazione di morte ... 1) per consolidare il potere del suo sudiciume nero che prospera sul popolo palestinese di Gaza instaurando la legge della vigliaccheria, della ottusitá, della violenza e del terrore ... 2) per ricattare e farsi foraggiare da un occidente in declino dominato dalla vigliaccheria e dalla menzogna.

DonatoDS

Mer, 16/07/2014 - 19:05

Emulmen! Gli egiziani hanno schierato 80.000 uomini sul confine del Sinai che è naturalmente. Li stretto di Tiran non è affatto un porto israeliano nè lo è mai stato. La chiusura di Tiran isolava l'accesso A Eilat porto israeliano. La chiusura di un corso d'acqua è considerato come casus belli. I sostenitori di Israele devono essere "stringenti" nelle loro argomentazioni lasciando agli altri la libertà di inventare, duplicare, transporre, creare le notizie nel tentativo sempre grossolano e mal riuscito di passare dalla parte della ragione mentre storia, documenti e logica dicono il contrario.

Nerone2

Mer, 16/07/2014 - 19:06

Anche il titolo e' sbagliato. "...palestinesi di Gaza"... LOL LOL o Egiziani di Gaza? LOL LOL

habanero63

Mer, 16/07/2014 - 19:22

distruggete l'entità criminale sionista !

Bellator

Mer, 16/07/2014 - 19:22

Per mettere fine a questi terroristi,africani, arabi, orientali, ci vorrebbe un Esercito Internazionale, comandato da un Generale come l'Americano PATTON, che farebbe terra bruciata, a questi esaltati fondamentalisti musulmani, che con le loro lotte intestine generano,a vicenda, la fuga dai loro paesi e vengono ad invadere clandestinamente l'Italia e l'Europa. Clandestini,di cui nessuno conosce la loro storia personale e chi siano veramente! e che problemi possono creare al nostro paese.

Sapere Aude

Mer, 16/07/2014 - 19:24

“In Palestina mi assoggetterei anche alle loro leggi, se c’è questo rinuncio ai diritti, combatterei contro i bastardi di israeliani, sionisti che non hanno niente a che fare con gli ebrei” dice Vattimo alla Zanzare. Una cosa l’abbiamo capita, Vattimo trova più delizioso assoggettarsi (eufemismo) a un palestinese che a un sionista. Ognuno ha i suoi tipi preferiti quando si tratta di scegliere con chi assoggettarsi!

DonatoDS

Mer, 16/07/2014 - 19:25

Qualcuno ha dimenticato che il Tempio di Gerusalemme è stato distrutto 2 volte e non una. La prima volta da Nabuccodonossor nel 586 AEV e la seconda volta da Tito nel 70 EV. Ciò detto, sostenere che Israele abbia prosperato dal 1000AEV (David) fino al 70 EV è un errore storico grossolano. Invito i sostenitori di Israele ad essere "stringenti" nei loro post. Lasciare errori e menzogne agli altri addirittura capaci di attribuire scene drammatiche di morte e distruzione avvenute in Siria e Irak al teatro palestinese pur di accusare Israele di tutto e di più. Chiedo scusa ai vari commentatori propalestinesi per aver puntualizzato correttamente quanto da me sopra descritto.

cicikov

Mer, 16/07/2014 - 19:25

boh, non so voi ma a me dopo mezzo secolo mi hanno rotto le balle

Ritratto di abj14

abj14

Mer, 16/07/2014 - 19:32

lorenzovan 16/07 15:32 scrive: "nel "cahier de doleance" dei destroidi … anche il piu' semplice "peppone" di provincia in confronto alla maggior parte dei lettori e frequentatori dei forum del Giornale..diventa un Einstein...o un Pico della Mirandola....lololololol" - - - Écoutez Sieur Petit-Voltaire-Avorté, prima di fare il professore trattando gli altri da deficienti, se proprio vuol fare il fighetto scrivendo in francese, utilizzi almeno un correttore automatico; vedrà che appariranno le striscioline o i puntini rossi di errore sotto la sua parola "doleance". - Pauvre p'tit con !

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Mer, 16/07/2014 - 19:38

Quell'infame terrorista di Hamas delle essere spazzato via...solo allora ci sarà pace nella striscia di Gaza.

meloni.bruno@ya...

Mer, 16/07/2014 - 19:45

EUROPA COTARDA!Con noi per i sbarchi dei clandestini,e per il medio oriente perchè non dice con fermezza ai capi palestinesi di aver acceso le polveri,come sempre!Il nostro ministro degli esteri,avrebbe dovuto fargli capire di prendere le distanze dai palestinesi,altro che garantigli aiuti di 8 milioni di euro!Così facendo i palestinesi si sentono sempre forti e protetti, in primis dall'Iran,che ha sempre come obbiettivo la distruzione dello stato d'Israele!

Bellator

Mer, 16/07/2014 - 19:48

Mandiamo il Presidente della Camera Boldrini,a fermare i missili dei terroristi,insieme tutte le donne Vendoline,lei esperta di aiuti ONU, dati a questi islamici per acquistare armi.L'Italia non deve versare neanche un Euro per questi,siano dati alle famiglie Italiane che vivono in povertà.Gli Islamici,sono mille anni che si combattono, ma si ammazzassero tra loro e finiamola con questo buonismo, verso una minoranza di vigliacchi Terroristi Palestinesi, che si fanno scudo dei civili a cui hanno occupato le case, ove hanno installato le loro postazioni missilistiche.

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Mer, 16/07/2014 - 20:58

Correva l'anno 2007 ( se non ricordo male ) e l'allora ministro degli esteri nonchè vice-premier Massimo D'Alema sentenziò che Hamas era parte del popolo Palestinese e quindi era necessario trattare con loro. Cioè come dire che le BR erano parte del popolo Italiano e.... Dalton Russell.

decimalegione

Mer, 16/07/2014 - 21:04

Gian Paolo Cardelli, quell'articolo lo scrisse Indro Montanelli. Per chi crede a Gaza affamata eccovi un pò di fotografie. Copiate, incollate SU GOOGLE, vi si aprirà un mondo nuovo, specialmente per i filopalestinesi. Attention, ces images insoutenables peuvent heurter la sensibilité des palestinomaniaques, et amener les crédules de bonne foi à remettre leurs certitudes en question-----------------( copiate e incollate su google questa frase) Gaza affamée, Gaza prison à ciel ouvert. Voyez les photos. ANCORA: COPIATE, INCOLLATE SU GOOGLE, Attention, photos insoutenables ! Gaza affamée. -------------------------------------------------------------- Bonne soirée Amis d'Israel------------------------------------ Gérard ( decimalegione )

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 17/07/2014 - 00:14

La cosa più incomprensibile è la decisione dei genitori di

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 17/07/2014 - 00:19

La cosa più incomprensibile è la decisione dei genitori di quei poveri bambini di mandarli in una baracca sulla spiaggia DOPO CHE ISRAELE AVEVA AVVISATO CON VOLANTINI GLI OBBIETTIVI DEI LORO ATTACCHI. Si può essere più disumani di così? Ma che razza di gente sono questi palestinesi?

gianni59

Gio, 17/07/2014 - 00:21

Paolonardi e cardelli non sono così sicuro sul da farsi come voi, ma da quello che scrivete sembra normale che se in Italia vi fossero dei terroristi che facessero attentati in Francia , i francesi avrebbero il diritto di pensare che gli italiani sono tutti terroristi e che dovrebbero lasciare le loro case che poi verrebbero rase al suolo....tutti i palestinesi sono terroristi?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 17/07/2014 - 05:38

Perché mai i Palestinesi dovrebbero lasciare le loro case? per farle distruggere alla razza eletta?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 17/07/2014 - 05:39

L'odio che trasuda dai piccoli commentatori che vedo qui è roba da psichiatria.... comunque è il risultato delle menzogne della stampa serva degli ebrei e del lavaggio del cervello olocaustico.

nino47

Gio, 17/07/2014 - 08:19

Se non si puo'andare in spiaggia...anbdassero in montagna!

nino47

Gio, 17/07/2014 - 08:26

@doberman: ha sparato piu' cazzate lei in un post di quanti missili ha sparato Hamas in queste settimane. Al posto dei "filoisraeliani" dell'ultimora, starebbe molto meglio "il teorizzatore storico dell'ultimora"...Lei!

gianni59

Gio, 17/07/2014 - 09:51

nino47 lei che fa ironia su 4 ragazzini morti dovrebbe ringraziare il buon Dio di essere fortunatamente nato qui e non lì....

Ritratto di abj14

abj14

Gio, 17/07/2014 - 10:20

lento 16/07 18:37 scrive: "Quello che' stanno facendo gli ebrei ai palestinesi e' un vero massacro. Visto che' stanno morendo solo i palestinesi e loro sono protetti dagli scudi antimissili essendo una guerra impari …" - - - Devo concludere che lei sia "lento" npn solo di nome ma anche di fatto e di testa. Quindi, siccome Israele neutralizza i pacifici missili arabi con i suoi perfidi missili antimissili, significa che Hamas ha ragione di continuare a scassare le sfere lanciando centinaia di razzi/missili (sino a circa 300 in un solo giorno e su un solo obiettivo cittadino) perché tanto Israele li distrugge. Il buon Alberat Einstein aveva proprio ragione; l'imbecillita/stupidità umana è infinita mentre per l'universo permane ancora qualche dubbio.

nino47

Gio, 17/07/2014 - 14:19

@gianni59: non faccio ironia sui ragazzini morti, ma sui nostri media che puntuualmente ci fanno la conta dei morti che si sa gia' erano inevitabili e sanguinariamente voluti da quel somaro di Hamas,che molto furbescamente sapeva che giornali e tv sarebbero caduti nella trappola della sua regia! Io spero lo tolgano di mezzo quanto prima se non altro per poter guardare in pace telekabul risparmiandomi questo macabro quanto ridicolo aggiornamento continuo tipo rai news 24, puntiglioso e unilaterale che, guardacaso, sorge sempre spontaneo quando si tratta di eventi palestinesi. Non ringrazio il "buon" Dio di essere nato qua, tanto anche qui abbiamo le nostre gatte da pelare ( e faremmo bene ad occuparci di quelle), che, se poi fosse tanto buono, invece di metterli in mano ad Hamas avrebbe ispirato suo padre tanti anni fa ad andare a farsi una preghiera in sinagoga anziche ingravidare sua madre.....

Ritratto di abj14

abj14

Gio, 17/07/2014 - 17:52

nino47 14:19 - Concordo. Non penso che qualcuno possa essere insensibile allo strazio della popolazione civile palestinese, né di qualsiasi altra. Ciò MI PROVOCA VERAMENTE UN SENSO DI NAUSEA E DI RABBIA; rabbia ancor più grande poiché trattasi di morti programmate, cercate e volute da Hamas. Non mi si dica che gli stronzi di Hamas non sapevano che, iniziando a lanciare razzi o altro su Israele, Israele avrebbe risposto e che avrebbe risposto come loro sanno/sono costretti a fare.