Israele, soldato condannato: uccise un palestinese inerme

Arriva la condanna per il sergente. Netanyahu: "Favorevole a una grazia"

È arrivata quest'oggi la condanna per un soldato dell'esercito di Israele accusato di avere sparato a un palestinese già ferito ed inerme, uccidendolo. Una sentenza che ha creato grande dibattito nel Paese e per la quale centinaia di persone si sono mobilitate, per chiedere la grazia per sergente 20enne, Elor Azaria.

Negli ultimi mesi sono state numerose le critiche all'esercito, per il processo in corso. Accuse a cui le forze armate avevano sempre risposto sottolineando che violare le regole di condotta non è mai accettabile. Respinta la tesi della legittima difesa, presentata dall'accusa.

I fatti per cui Azaria è stato giudicato risalgono al 24 marzo 2016 e avvennero a Hebron, in Cisgiordania. Una condanna della condotta del soldato era arrivata tanto dal ministro della Difesa, Moshe Yaalon, quanto dal premier, Benjamin Netanyahu, che oggi ha però detto di appoggiare l'ipotesi della grazia.

Ora la decisione passerà al presidente Reuven Rivlin. "Questo - ha scritto il premier su Facebook - è un giorno difficile e doloroso, anzitutto per Elor, la sua famiglia, i soldati israeliani, i loro genitori e per i cittadini del nostro Paese, e tra loro anche me".

Commenti
Ritratto di Nahum

Nahum

Mer, 04/01/2017 - 20:35

E' omicidio volontario ed e' giusto che paghi per quello che ha fatto. Provate a immaginare se lo stesso atto l'avesse commesso un carabiniere pure nei confronti di un criminale efferato. Che cosa avrebbe fatto un giudice italiano? Quello che è in gioco qui non è la sorte del soldato ma la natura democratica e il rispetto dello stato di diritto in Israele. Bene ha fatto la corte a condannarlo (peraltro di fronte a prove irrefutabili) La politica dovrebbe restarne fuori.

morris69

Mer, 04/01/2017 - 21:21

Raccontarla tutta la vicenda no, eh??? Un terrorista che ha tentato di mandare all'altro mondo un soldato. Ferito mi sta pure bene, ma inerme proprio no. Quel bastardo non era stato completamente neutralizzato, manco ammanettato con le fascette. Tra l'altro, dal video si evince che il Sgt. Azariah ha sparato mentre a pochi passi di distanza dal terrorista si trovava un soldato delle IDF, un soldato che quasi si trovava sulla medesima linea di fuoco. Per aver osato sparare in questa situazione deve aver per forza temuto qualcosa.

paolonardi

Mer, 04/01/2017 - 22:15

Anche gli israeluani si stanno rammollendo. A parti invertite, e' gia' successo, ci sarebbero stati festeggiamenti fra i palestinesi. Quindi medaglia d'oro al soldato israeliano. Parafrasando un vecchio detto del west: ogni arabo buono e' un arabo morto.

paolonardi

Mer, 04/01/2017 - 22:24

(segue): quante volte i palestinesi e i loro compari hanno ucciso civili disarmati in tutto il mondo senza che nesuno venisse indagato obcondannato. Tanto per ricordarne qualcuna: Berlino, Nizza, Parigi, Londra, Madrid, New York, Fiumicino, sinagoga a Roma Tokio e un'infinita' di volte in Israele. Le vittime occidentali contano meno di quelle arabe.

Ritratto di pravda99

pravda99

Mer, 04/01/2017 - 22:54

E tutti i Palestinesi inermi uccisi a migliaia nelle guerre illegali di Israele degli ultimi decenni? Quanti graziati ci sono stati in quelle situazioni, a cominciare dai livelli governativi piu` alti, che si sono auto-perdonati per volere divino, dall'alto della loro infallibile autorita` morale?

Linucs

Gio, 05/01/2017 - 00:11

Ovviamente l'ammazzacristiani Netanyahu è favorevole a una grazia, finché spari ai goyim è tutto grasso che cola. Ovviamente è un giorno difficile e doloroso. Quasi un altro olocausto. Io andrei a batter cassa in Europa, magari avanza un altro paio di sommergibili gratis.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 05/01/2017 - 01:12

@Pravda99 - nelle guerre illegali? Israele è sempre stata attaccata per prima, nel 48, nel 67, nel 73, e via dicendo. E' vero che voi dovete sempre difendere l'alrta parte, anche se ha torto.

MilanoMerano

Gio, 05/01/2017 - 02:47

Pravda- questi innati gridano 'noi amiamo la morte' , continuano ad attaccare una nazione piu' forte di loro, che Li sempre distrutti, e poi piangono pure quando gli Israeliani Li danno il loro desiderio di diventare martiri? Ahahaha, sono proprio psicopatici I palestinesi!

Ritratto di Nahum

Nahum

Gio, 05/01/2017 - 07:13

E' omicidii volontario bene ha fatto la corte israeliana a condannarlo. Quello che è in gioco qui non è la sorte del soldato ma il futuro di Israele come stato basato sul diritto. La politica dovrebbe starne fuori.

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Gio, 05/01/2017 - 08:25

Credo che almeno per le esecuzioni non dovrebbe esistere la proprietà transativa. Certo condanna decisa per o palestinesi violenti e vicinanza ad Israele, ma altrettanto condanna per un militare che uccide a sangue freddo un palestinese ferito a terra.La barbarie e la vendetta non paga. Il sangue chiama sangue

marinaio

Gio, 05/01/2017 - 08:58

PAOLONARDI lei ha tanta confusione e disinformazione in testa che non vale neanche la pena spiegarle perché.

Ritratto di franco.a.trier_DE

franco.a.trier_DE

Gio, 05/01/2017 - 09:40

questi sono assassini patentati.Andate vedere se riuscite ad entrare nelle carceri israeliani cosa succede a persone innocenti altro che SS tedesche..

Ritratto di franco.a.trier_DE

franco.a.trier_DE

Gio, 05/01/2017 - 09:43

MilanoMerano verrà il giorno che pagherete i vostri crimini, aspettiamo l'Iran che porti giustizia allora ti passerà la voglia di difendere i criminali.

MilanoMerano

Gio, 05/01/2017 - 13:28

Lincus- sotto il governo Israeliano nei territori palestinesi, c'erano il 20% di cristiani. Da quando sono diventati palestinesi, questo numero e' sceso al 1.8% !! Sappiamo tutti chi sono gli 'ammazzacristiani ' Franco- e' da 70 anni che un miliardo di musulmani grida per la distruzzione del piccolissimo Israele - cosa ci mettete? Troppo inutili, o troppo occupati ad ammazzaravi a vicenda? ;D