Ivanka: "Se Trump non fosse mio papà userei lo spray al peperoncino"

La figlia di Donald Trump Ivanka nel 2006 replicò così alle parole del padre che due anni prima la aveva definita "un pezzo di f..."

Papà Donald chiama, la figlia Ivanka risponde. La più celebre figlia del presidente eletto degli Usa ha infatti replicato al padre che anni addietro l'aveva definita "un pezzo di f...".

La infelice battuta che il tycoon aveva pronunciato nel corso di un'intervista con Howard Stern nel 2002 era emersa nel corso dell'ultima campagna elettorale per le presidenziali, scatenando un vero e proprio putiferio a livello globale.

Ora però, riferisce il quotidiano britannico The Independent, si scopre che secondo il Chicago Tribune già nel 2006 Ivanka avrebbe risposto che se Donald Trump non fosse suo padre, sarebbe pronta a respingerlo con tanto di spray anti-aggressione.

I Trump insomma non vanno tanto per il sottile e (anche se a parola) se le danno di santa ragione persino in famiglia. Tuttavia anche questa propensione per un linguaggio non certo misurato non ha impedito al tycoon di scalare le vette del potere ed arrivare fino alla vetta della Casa Bianca.

Commenti

elpaso21

Ven, 25/11/2016 - 15:00

Ecco un Presidente di VERA destra, e non "uomo di paglia".

ESILIATO

Ven, 25/11/2016 - 15:05

Non mi aspettavo da un giornale serio , o considerato tale, un articolo da "Grand Hotel"......

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 25/11/2016 - 15:19

Figurati, qui abbiamo un nano che ne fa anche di peggio, a sua insaputa.

MASSIMOFIRENZE63

Ven, 25/11/2016 - 15:27

Respingono gli uomini con gli spray antiaggressione eccetto quando trovano quelli con il portafogli bello gonfio, allora cambiano idea.

Mannik

Ven, 25/11/2016 - 16:27

Elpaso, quindi perché usa un linguaggio da netturbino è di VERA destra? Mi sa che dovrebbe rivedere i canoni.

gianrico45

Ven, 25/11/2016 - 16:44

E' solo un simpatico scambio di battute tra un padre e una figlia.

routier

Ven, 25/11/2016 - 17:08

A volte Trump usa un linguaggio un po...."rustico", tuttavia sarebbe ingeneroso pensare che le doti manageriali si giudicano dal parlar forbito.

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 25/11/2016 - 17:11

è evidente che la maggioranza dei media voglia assolutamente denigrare l' immagine del nuovo presidente americano e non si rendano conto che per fortuna la loro posizione non rappresenta la posizione dei paesi per cui scrivono: prima o poi avranno anche bisogno di sconfessare se stessi e lo faranno come al solito senza vergognarsene.

Arch_Stanton

Ven, 25/11/2016 - 17:57

Siete seri ? Evidentemente i giornalisti non capiscono l'ironia.

Ritratto di lettore57

lettore57

Ven, 25/11/2016 - 18:20

@gzorzi Invidioso?

il veniero

Ven, 25/11/2016 - 18:32

e se avesse detto che era un cesso ?

KatiaTcb

Sab, 26/11/2016 - 00:18

Ivan Francese ma che bello questo articolo! Soprattutto "nuovo". Questo è stato uno dei cavalli di battaglia della moralista falsona e miserabile sinistra italiana ed anche quella americana non scherza a fare schifo. E' chiaro che Trump abbia voluto usare volutamente un linguaggio giovanile per definire la figlia bella ed attraente. Semplicemente un modo per avvicinarsi ai ragazzi e rendersi più simpatico a loro.

Ritratto di valerio_1977

valerio_1977

Sab, 26/11/2016 - 07:05

chissà se respinge pure i miliardi del padre...

ilario1961

Sab, 26/11/2016 - 08:48

Howard Stern? Ma l'avete visto il suo programma? ricordate colpo grosso? confronto al programma di Stern era un conciliabolo di suore... Fare battute sessiste in un simile contesto è obbligatorio, volendo si potrebbe discutere sul fatto che The Donald abbia partecipato ad un simile programma...Ma non penso che nel 2002 pensasse alla presidenza...

Giulio42

Sab, 26/11/2016 - 09:44

Trump è l'unico che ha visto chiaramente dove porta la globalizzazione. La globalizzazione e la libera circolazione delle merci,servirà solo a spalmare la povertà su tutti lavoratori. Le aziende, se ne andranno nei paesi dove il costo del lavoro è un quarto del nostro e chi rimane sarà costretto ad accettare le scarse proposte di lavoro. La guerra tra poveri. Un mondo di ricchi e di poveri è quello che ci aspetta, la torta è sempre la stessa ma a mangiare gli avanzi saranno miliardi di persone.

VittorioMar

Sab, 26/11/2016 - 09:47

...i giano riportano sempre cose del passato e non si accorgono del presente ,del ridicolo e della meschinità ....e il tempo ,inesorabile,passa e si cambia...!!!...lo direbbe ancora OGGI??