Il suprematista James Allsup vince le primarie repubblicane di Washington

La vittoria di James Allsup, suprematista bianco, alle primarie repubblicane nello Stato di Washington sta creando non pochi grattacapi ai vertici del Gop. Il partito di Trump ha annunciato che ricorrerà a tutti i cavilli statutari per invalidare l’elezione di Allsup

James Allsup, suprematista bianco poco più che ventenne, è risultato vincitore alle primarie repubblicane tenutesi nella contea di Whitman, Stato di Washington. Egli, di conseguenza, ricoprirà l’incarico di responsabile di comitato distrettuale nella suddetta contea. Il mandato dovrebbe cominciare alla fine di agosto, ma il Comitato centrale del partito ha manifestato la propria contrarietà a convalidare la nomina del suprematista. Le idee di quest’ultimo sarebbero in contrasto con lo statuto del “Great Old Party” (Gop) e con i valori della Costituzione americana. I vertici repubblicani hanno quindi precisato che contrasteranno sempre il razzismo e che commineranno pesanti sanzioni ai membri colpevoli di incitamento all’odio interetnico.

Allsup ha militato fin dai tempi del college nelle organizzazioni giovanili vicine al Gop. Nel percorso scolastico, egli non aveva mai dato l’impressione di condividere le tesi dell’estrema destra. Nel 2017, tuttavia, le sue convinzioni politiche avrebbero conosciuto un radicale cambiamento. Nell’agosto di quell’anno, infatti, il giovane militante avrebbe partecipato allo “Unite the Right rally”, corteo organizzato dai nazionalisti bianchi a Charlottesville, in Virginia. In quell’occasione, Allsup avrebbe ripetutamente accusato l’establishment di Washington di volere distruggere i “veri valori nazionali” (difesa della famiglia tradizionale, cristianità, diritto alle armi) a vantaggio di quelli che secondo lui sarebbero i "nemici dell’America": ebrei, neri, massoni, banche, musulmani. Negli ultimi mesi, il ragazzo si è avvicinato a Identity Evropa, organizzazione accusata di posizioni neo-naziste.

Le primarie nella contea di Whitman hanno avuto un esito imbarazzante per la leadership del Gop. I rappresentanti di quest’ultimo nello Stato di Washington hanno immediatamente assicurato che invalideranno il risultato della consultazione, in quanto il candidato vincitore non incarnerebbe i principi democratici della Costituzione. L’incarico spettante ad Allsup, di conseguenza, resterà senza un titolare fino a dicembre, mese in cui si celebreranno nuove elezioni. Anche diversi membri repubblicani del Congresso hanno espresso il proprio sdegno per le esternazioni del giovane. Costoro hanno poi esortato gli esponenti locali del partito ad adottare i dovuti provvedimenti e hanno garantito "tolleranza-zero" nei confronti di coloro che infangheranno la reputazione del Gop sostenendo opinioni razziste.

Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 21/06/2018 - 13:23

Allsup sostiene alcuni valori statisticamente condivisibili, ma non formalmente, perché anche colorati spontaneamente avrebbero voglia di lavorare. Ma se essi fossero abbastanza laboriosi non cercherebbero di venire a nord, perché a casa loro il lavoro non manca. Tant'è che quando i bianchi vanno a sud sono perseguitati perché "Colonialisti". Dunque quel che fa la differenza è la voglia di lavorare e non il colore della pelle.

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 21/06/2018 - 13:24

strano che i repubblicani yankees vogliano comportarsi come i pdioti itagliani! XD

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 21/06/2018 - 13:29

Così Donald Trump finisce nell'aurea via di mezzo. Ciò fa ben sperare che i disastrosi, parassiti, dissoluti e bellicosi democrats spariscano dalla faccia della terra per mezzo secolo, o almeno dell'occidente cristiano. Hic manebimus optime.