Juncker ora parla in francese: "L’inglese è lingua in uscita”

Juncker, dopo la Brexit, ha lanciato una frecciatina al Regno Unito: “L’inglese è una lingua in uscita nell’Unione europea, quindi dobbiamo abituarci al fatto che altre lingue ufficiali vengano utilizzati con la stessa intensità con cui usavamo prima l’inglese"

“L’inglese è una lingua in uscita nell’Unione europea, quindi dobbiamo abituarci al fatto che altre lingue ufficiali vengano utilizzati con la stessa intensità con cui usavamo prima l’inglese, quindi parlerò in francese e forse in tedesco”. Lo ha detto Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione Europea, parlando al convegno ‘The European Pillar of Social Rights: Going forward together’.

Juncker ha voluto così fare una frecciatina al Regno Unito che ha avviato il percorso della Brexit, così come deciso con il referendum del 23 giugno scorso. Il presidente della Commissione aveva, infatti, iniziato a parlare in inglese, ma pochi minuti dopo è passato al francese riaprendo così il dibattito sul futuro dell’utilizzo dell’inglese come lingua dell’Unione Europea. Juncker ha poi aggiunto che“non parlerà nella sua lingua, il lussemburghese, riferendosi al fatto che il Granducato non ha chiesto che la sua lingua venisse inserita tra quelle ufficiali dell’Unione.

Commenti

alox

Lun, 23/01/2017 - 23:20

Non ha tutti torti...se fate votare la gente per confermare la presenza nell'UE non mi sorprenderebbe un Italexit, Belgiexit, Germanexit, etc etc provare per credere!

Ritratto di Evam

Evam

Mar, 24/01/2017 - 00:13

La lingua è uno strumento di cui ci si avvale per farsi capire. Grazie ai traduttori simultanei oggi, cogliamo la possibilità di concentrarci meglio su quello che uno dice (sperando che uno dica quello che pensa) senza preoccuparci troppo della forma in cui lo dice.

gpl_srl@yahoo.it

Mar, 24/01/2017 - 07:47

le assurde e piccole ripicche di un piccolo ubriacone che da quando è nato vede solo con gli occhi del nazionalismo tedesco: noi italiani dobbiasmo imparare ad ignorarlo ed a pensare solo ad una onorevole IEXIT: rump e l' inghilterra sicuramente ci aiuteranno!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 24/01/2017 - 08:18

L'unica lingua che si deve parlare in Europa è quella che si è sempre parlata: il LATINO.

buri

Mar, 24/01/2017 - 10:09

non mi sorprende detto da uno che ha un nome francese e un cognome tedesco, di fatto è richiamato da questa doppia identità

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 24/01/2017 - 11:45

La sua cittadinanza è: apolide. La sua patria: il capitale della finanza speculativa.

cicocichetti

Mar, 24/01/2017 - 13:53

questo fa l'europa come gli assi e i sei fanno patta a scopa