A Kabul un'autobomba contro un convoglio della Nato

Otto vittime civili in un attacco nel cuore della capitale afghana

Sono almeno otto i morti e 25 i feriti in un attentato messo a segno nella strade di Kabul, in Afghanistan, dove un'autobomba è esplosa in pieno centro, non lontano dall'ambasciata americana, prendendo di mira un convoglio di veicoli della Nato.

Vittime civili, perché non ci sarebbero stati morti tra i soldati, con tutta probabilità americani, nell'attentato che il portavoce del ministerto dell'Interno, Najib Danish, ha confermato è avvenuto "fra l'ambasciata americana e la sede della Corte suprema", intorno alle otto del mattino.

Ci sarebbe stato un attentatore suicida alla guida dell'autobomba, in un attacco per cui ancora non è arrivata una rivendicazione. Ieri, invece, i talebani hanno rivendicato l'uccisione di sei marine nella provincia di Nanghahar. Sarebbero stati colpiti mentre viaggiavano in un Humvee, ma dal Pentagono non sono al momento arrivate conferme.

Negli ultimi tre mesi almeno quattro attacchi terroristici a Kabul sono stati rivendicati dalla costola locale del sedicente Stato islamico (Isis).