Il kamikaze di Istanbul era un profugo della Siria

Il 5 gennaio l'uomo aveva chiesto asilo alla Turchia con altri quattro uomini. Arrestata una donna legata all'Isis

Prima ha chiesto asilo alla Turchia, poi l'ha attaccata al cuore facendosi esplodere in una delle piazze simbolo di Istanbul. Nabil Fadli, il kamikaze di piazza Sultanahmet che ieri ha ucciso almeno 10 persone - pare tutte tedesche -, era nato in Arabia Saudita e aveva 28 anni.

Ma solo una settimana fa, il 5 gennaio, si era rivolto all'ufficio immigrazione per chiedere lo status di rifugiato insieme ad altri quattro uomini, come mostra un video diffuso dal quotidiano turco Haberturk. L'uomo era entrato in Turchia dalla Siria, il che spiegherebbe perché in un primo momento si pensasse fosse siriano.

Per qualche giorno, poi, il giovane era rimasto nell'appartamento fornito come domicilio per la richiesta d'asilo. È proprio grazie alle impronte digitali trovate in casa e fornite con la richiesta d'asilo che gli inquirenti sarebbero riusciti a risalire alla sua identità e ora possono concentrarsi su eventuali complici, forse proprio gli uomini che con lui si erano presentati all'ufficio immigrazione. Il suo nome, comunque, non compariva sulle liste dei sospetti.

Intanto una persona è stata arrestata stanotte per l'attentato di ieri. Secondo i media turchi, sarebbe una donna legata all’Isis coinvolta in un modo non ancora ben precisato nell'organizzazione dell'attacco. Nell’annunciare l’arresto in una conferenza stampa, il ministro dell’Interno, Efkan Ala, non ha invece fornito dettagli sull’identità del sospetto. Tra ieri e oggi sono stati arrestate almeno 69 persone, tra cui tre russi sospettate di essere affiliate allo Stato islamico.

Il premier Ahmet Davutoglu, confermando il collegamento tra l'attentatore e gli jihadisti dell'Isis, ha annunciato che altri quattro sospetti sono stati fermati dalla polizia per presunti legami con il kamikaze di Istanbul.

Annunci

Commenti

FRANZJOSEFVONOS...

Mer, 13/01/2016 - 13:34

C'E' UNA GRANDE DIFFERENZA TRA LA TURCHIA E L'ITALIA. IN TURCHIA SE VOGLIONO GLI STACCANO LA TESTA, IN ITALIA LA TESTA LA METTONO SOTTO LA SABBIA E QUANDO LA ALZANO DICONO CHE I LORO AMICI NON HANNO STUPRATO NESSUNO. PIU' COMPLICI DI COSI'.

Ritratto di OKprezzogiusto

OKprezzogiusto

Mer, 13/01/2016 - 13:42

Era un lupo in veste di agnello, come tanti altri.

agosvac

Mer, 13/01/2016 - 14:03

Era un siriano nato in Arabia saudita. Oppure era un integralista islamico sunnita che con la Siria aveva ben poco a che fare??? In fondo queste notizie vengono dai turchi che hanno tutti gli interessi di coinvolgere la Siria anche in cose che non la riguarderebbero. In Siria, a parte l'isis, di sunniti ce ne sono ben pochi. Non per niente la Siria è sempre stata alleata dell'Iran dove la maggioranza è sciita!!!

Il Falco

Mer, 13/01/2016 - 14:51

Ipocriti , infingardi come ampiamente concesso dal corano. Mi dispiace per i Turchi, ma se lo sono votato loro l'attuale presidente! Non se lo sono trovato con un colpo di stato come noi. Chissà Ataturk ( non son sicuro di come si scrive ma ci siamo capiti) come si rivolta nella tomba il poverello!!!!!!!!

Luca66

Mer, 13/01/2016 - 14:59

Profugo o meno che fosse è stato causa della morte di dieci innocenti e inermi turisti che stavolta erano Tedeschi. Il rapporto uno a dieci mi fa tornare in mente quando in Italia proprio loro uccidevano dieci Italiani per ognuno di loro caduto sotto i colpi dei "partigiani". L'ho già scritto in un altro commento: "la storia si ripete" e per far finire questo conflitto occorre un'azione drastica come quella velatamente ventilata da Putin. Diamogli carta bianca che ci pensa lui a chiudere la partita coi muslim !!!

Ritratto di malatesta

malatesta

Mer, 13/01/2016 - 15:22

"Che il Signore, il Misericordioso, dia pace eterna ai defunti, conforto ai familiari, fermezza solidale all’intera società, e converta i cuori dei violenti”.Amen. E' una filastrocca che mi sembra di averla gia' sentita un sacco di volte negli ultimi 50 anni.

Ritratto di Rames

Rames

Mer, 13/01/2016 - 15:37

Quanti ''cavalli di Txxxa'' facciamo entrare in Europa.Se penso alla Merkel per esempio, quando ha deciso di spalancargli le porte si sarebbe merita non la copertina sul Time ma piuttosto un internamento sulle montagne bavaresi.

vraie55

Mer, 13/01/2016 - 16:09

prima che Putin intervenisse in Siria si sentiva parlare di siriani solo quando vincevano una medaglia alle olimpiadi. Praticamente mai.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mer, 13/01/2016 - 17:00

...Io penso che davvero sia opera dell'Isis, ma non perché la Turchia lo combatte (li ha protetti, istruiti, appoggiati con l'intelligence, riforniti di armi e di milioni di dollari grazie al "riciclaggio" delle tonnellate di petrolio a prezzo di saldo che da mesi entrano in Turchia dai territori in Iraq e Siria in mano ai terroristi criminali dell'Isis, permette il transito nei due sensi di nuovi terroristi -verso Iraq/Siria e verso l'Europa per preparare la jihad-), ma perché probabilmente ritiene che la Turchia non abbia fatto abbastanza per ostacolare la dirompente e tremendamente efficace azione della Russia e per mantenere aperti i canali di smercio per droga, petrolio, opere d'arte, che tanti soldi hanno fatto e fanno affluire nelle casse di queste bestie. Intanto il criminale Erdogan continua imperterrito a massacrare i Curdi (più di 160 civili "giustiziati" per strada)... 2 di 4 SEGUE

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mer, 13/01/2016 - 17:01

...e a incarcerare, alla minima parola di denuncia-dissenso-condanna, una pletora di giornalisti, politici, avvocati, ecc... tutti con l'accusa di terrorismo-eversione-attentato allo stato. I tutto naturalmente nel silenzio più completo di quell' "occidente" a cui ormai ognuno di noi dovrebbe vergognarsi di appartenere. E' poi magnifico che la bestia che si è fatta esplodere avesse appena fatto richiesta d'asilo!!! Ma agli Alfano, Mogherini, Boldrini, Pinotti, Serrracchiani, Renzi, e compagni vari, non dice niente tutto questo? E meno male che almeno i Turchi (i TURCHI!!!) prendono le impronte a questi finti-migranti, fosse accaduto da noi non si sarebbe potuto sapere nemmeno chi era o magari avrebbero dovuto riportare uno dei 100mila nomi a caso che questi invasori sputano in faccia ai nostri impotenti e inetti "raccoglitori" quando si rifiutano di farsi prendere le impronte e farsi fotografare... Quanti Nabil Fadli sono già ovunque da noi?... 3 di 4 SEGUE

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mer, 13/01/2016 - 17:02

...Riusciamo a renderci conto che anche i "respingimenti" (quando attuati -cioè praticamente mai-) o le "espulsioni" (queste si, mai attuate!) non servono più a niente? Vanno buttati fuori con le buone o con le cattive TUTTI, ma TUTTI-TUTTI-TUTTI, perché anche il più "moderato" islamico che esiste (se esiste...) sogna comunque di soggiogarci/convertirci/eliminarci e non esiterà a farlo non appena la situazione lo permetterà e/o lo richiederà; nel frattempo non pensa nemmeno a "integrarsi" ma solo a come quotidianamente insultare, oscurare, rimuovere, ogni rappresentazione del nostro credo, delle nostre tradizioni, della nostra civiltà e del nostro modello di vita... attingendo più soldi possibile nel frattempo che, in attesa di jus soli e voto, non fanno mai male. PS: mi dispiace tanto e comunque per le vittime, spero che almeno in occidente capiscano tutti che conviene stare alla larga dai luoghi gestiti dal criminale regime turco. 4 di 4 FINE

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 13/01/2016 - 17:37

tutte balle ---sta bomba puzza di servizi segreti turchi-- i servizi aiutano così la turchia ad ottenere due obiettivi- il primo è indubbiamente quello di smarcarsi dal marchio di fiancheggiatori del terrorismo- il secondo è quello di dare alla turchia mano libera anche per eventuali sconfinamenti in suolo siriano per appianare quell'altro problemino che hanno-il massimo risultato col minimo delle perdite- salvaguardati i cittadini turchi nell'esplosione ed anche i monumenti-- ma vi pare che un attentatore- anche il più stupido del mondo non si sarebbe fatto saltare nella moschea blu visto che era a 2 passi da essa?

sottovento

Mer, 13/01/2016 - 18:08

Se è un profugo è la palese dimostrazione che fra i profughi possono esserci terroristi. Se è un modo della Turchia per svincolarsi dalle accuse di essere complice dell'Is ancora peggio perché c'è chi vorrebbe accogliere la Turchia in Europa. Insomma in entrambi i casi andiamo molto male.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mer, 13/01/2016 - 18:22

Se viene da quella fogna islamica (complice a singhiozzo dei voleri USA) che è diventata la Turchia di Erdogan, non credo ormai più a una parola. Quindi penso che dietro al macello di Istanbul ci possa stare sia la versione fornita che qualsiasi altra cosa. Certo, la versione fornita ha due ottime valenze per questo regime: la prima è che tale gesto porta credito alla "balla totale" che la Turchia combatta l'Isis, la seconda è che l'origine "siriana" sbandierata vuole lasciare la porta aperta alle illazioni che "magari" sia una manovra di Assad (naturalmente su suggerimento russo....). 1 di 4 SEGUE

LANZI MAURIZIO ...

Mer, 13/01/2016 - 19:17

CHISSA' I PECORONI DI BRUXELLES E GLI IDIOTI DI ROMA COME SARANNO CONTENTI, SIAMO INVASI DAI PROFUGHI COME LI CHIAMANO LORO, MA CREDO CHE TERRORISTI SIA LA PAROLA GIUSTA. AVANTI CHE C'E' POSTO ORMAI QUI OGNUNO E' LIBERO DI UCCIDERE E VIOLENTARE.

sottovento

Mer, 13/01/2016 - 19:21

@Rames: quanti possibili attentatori facciamo entrare (o sono già fra noi pronti ad a colpirci?), questo lo dirà solo il tempo. Certo è che è statisticamente possibile che ciò prima o poi accada e li si dovranno vedere le conseguenze oltre che le reazioni del popolo e di chi governa. Non dimentichiamoci che altri paesi sono abituati a queste cose, noi no (almeno dagli anni cosiddetti di piombo).

tzilighelta

Mer, 13/01/2016 - 19:27

Dalla foto sembra Salvini

Ritratto di bracco

bracco

Mer, 13/01/2016 - 20:02

Un altro richiedente asilo, tutta brava gente

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 13/01/2016 - 20:10

ma che hanno nella testa questi ragazzi, per lasciare la vita terrena. Ma nemmeno un italiano che per un cancro, abbia pochi giorni di vita si farebbe saltare.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 13/01/2016 - 20:12

visto che era tutto a brandelli come hanno fatto a riconoscere le generalità del ragazzo? Si sono salvati i documenti?

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 13/01/2016 - 20:17

sono andato al cinema nessun controllo, al supermercato nessun controllo, sul bus nessun controllo. Dove sarebbero i sensori che fanno capire che hai delle bombe? Pregate signori!

disturbatore

Mer, 13/01/2016 - 20:19

Sia la Turchia che la Germania hanno colpe sulla guerra in Siria . La Turchia ha fatto passare i turisti del Kalaschnikow che poi sono divenuti IS . La Germania invece ha chiuso gli occhi quando suoi connazionali si addestravano per andare a combattere contro Assad , almeno cosi´dicevano. Lo rivelava nel 2012 il giornalista Jörg Lau in un articolo pubblicato magari quando si credeva che Assad si sarebbe dimesso di li a poco , si citavano dettagliatamente anche il fatto che il Governo tedesco avrebbe sostenuto i gruppi ribelli . In effetti alcuni politici che dicevano di essere siriani si incontrarono diverse volte a Berlino. "http://www.zeit.de/2012/31/Syrien-Bundesregierung