L'accusa alla coalizione Usa in Siria: 300 civili uccisi in 11 strike

Un rapporto di Amnesty chiede chiarezza sulle vittime civili dei bombardamenti

Uno strike statunitense su Kobane, al confine Turchia-Siria / Ottobre 2014

Solo undici attacchi aerei e 300 civili morti sotto le bombe della coalizione americana. È questo il bilancio tracciato da un rapporto pubblicato da Amnesty International, che mette sotto accusa gli Stati Uniti per gli strike in Siria.

"Venite allo scoperto", ammonisce l'ong, che chiede chiarezza al Pentagono e ai suoi alleati sulla reale entità del numero delle vittime civili uccise dalle operazioni su zone controllate dal sedicente Stato islamico. Le inchieste ufficiali aperte hanno finora confermato soltanto alcune dozzine di vittime. Un numero che, secondo Amnesty, non ha senso.

Il rapporto che accusa l'America si basa su una serie di testimonianze incrociate, dalle immagini satellitari, a interviste ai testimoni e materiale video e fotografico registrato sul luogo degli attacchi. "Potrebbero non avere preso le precauzioni necessarie per risparmiare i civili e condotto attacchi fuori dai confini della legge", denunciano.

Gli undici attacchi presi in esame da Amnesty riguardano l'offensiva per scacciare l'Isis da Manbij, dove le forze curde e arabe sono entrate a metà agosto. Più di cento civili, e tra questi anche bambini, sarebbero morti nei villaggi di al-Tukhar, al-Hadhadh and al-Ghandoura.

Chiarissima l'accusa di Lynn Maalouf, vice-direttore per la ricerca di Amnesty al bureau di Beirut: "È ora che le autorità americane vengano allo scoperto sulla vera scala dei 'danni civili' causati dagli attacchi della coalizione in Siria".

Commenti

agosvac

Mer, 26/10/2016 - 13:33

E' risaputo che i ribelli anti Assad ed i terroristi islamici si facciano scudo dei civili.Gli Usa hanno causato altrettanto morti che gli altri. Quando si assedia una città occupata dai ribelli o dai terroristi, è ovvio che ci siano delle perdite considerevoli, perché questi delinquenti considerano i civili come carne da macello. Quel che non si riesce a capire è come mai l'Onu insorge solo quando si tratta di Assad e Putin e mai quando si tratta degli Usa. Tra l'altro la situazione in Iraq, quella in Siria e quella in Libia ed in Egitto, come in altre parti del mondo, sono retaggio di una politica estera Usa estremamente deficitaria e voluta dall'allora segretario di Stato Usa, signora clinton.

petra

Mer, 26/10/2016 - 14:35

Il papa ora che dice? Su Aleppo, nelle scorse settimane diceva che "non c'è nulla che giustifichi la guerra".

ziobeppe1951

Mer, 26/10/2016 - 14:45

E poi vogliono condannare Putin per crimini di guerra

agosvac

Mer, 26/10/2016 - 14:57

Ma stiamo scherzando??? Loro sono gli Usa, possono uccidere chi vogliono ed i morti non vanno neanche conteggiati, contano solo quelli che "loro" dichiarano!!!

venco

Mer, 26/10/2016 - 15:20

La responsabilità di tutti i morti in Siria è solo del governo Obama che ha voluto tale guerra.

nopolcorrect

Mer, 26/10/2016 - 16:58

Si, vero, ma ad amnesty sapranno che anche durante la seconda guerra mondiale c'erano morti civili sotto i bombardamenti. O è per loro anime belle una cosa nuova?

lucaverdini

Mer, 26/10/2016 - 17:12

Finalmente una voce fuori dal coro!Quando i morti civili li causa la coalizione in Siria , e non parliamo del massacro che avvera´inevitabilmente in Iraq a Kirkuk e Mosul, li si presenta come vittime degli jihadisti che li hanno usati come scudi umani. Se i civili muoiono ad Aleppo per liberarla dagli jihadisti di AlNusra che ugualmente li usano come scudi umani, Putin e Assad sono accusati di crimini di guerra e si auspica la no fly zone. Il doppiopesismo della propaganda di guerra e´evidente ma quest ´articolo fa eccezione e ritrova l´ obiettivita´

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 26/10/2016 - 17:40

E no, queste sono bombe democratiche tirate dal nobel per la pace.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 26/10/2016 - 18:46

@stenos - hai prorpio ragione.

Keplero17

Gio, 27/10/2016 - 03:17

perché i bombardamenti usa su Mosul non fanno vittime civili? La bomba si ferma e chiede le generalità prima di scoppiare. La verità è che queste ong sono finanziate dagli usa e servono per fare il loro gioco, le usano come delle armi psicologiche.

pioneer

Sab, 05/11/2016 - 08:08

La differenza è che gli USA provocano vittime civili nella guerra contro i tagliagole dell' isis a mosul come a manbij. Invece i russi ed Assad colpiscono i civili solo perche' sono sunniti. Quindi un odio etnico, una maggioranza di civili colpevoli solo di essere sunniti e genericamente definiti terroristi. La verita' e' che l'esercito di Assad non riesce a stanare i veri terroristi di al qaeda e dell' isis, quindi preferisce accanirsi contro tutto il popolo sunnita di innocenti. Questo alimenta odio e conflitto.