L'affronto di Hollande al Papa: in arrivo ambasciatore gay

Nuovi screzi tra Vaticano e Francia: Hollande vorrebbe inviare, come ambasciatore presso la Santa Sede, un omosessuale. Ma Roma si rifiuta di convalidare la scelta

La tensione diplomatica tra Francia e Vaticano a causa della nomina del prossimo ambasciatore francese presso la Santa Sede è sempre più. In base a quanto ha scritto Blastingnews, il governo francese avrebbe scelto, già dallo scorso 5 gennaio, Laurent Stefanini per la sede di Villa Bonaparte, vicino a Porta Pia.

Il diplomatico, 54 anni, è l'attuale capo del protocollo dell'Eliseo, e ha già svolto brillantemente il ruolo di primo consigliere nella stessa ambasciata presso la Santa Sede, dal 2000 al 2005. L'ambasciatore uscente, Bruno Joubert, che François Hollande eredita da Nicolas Sarkozy, ha lasciato Roma già a marzo.

L'agreement vaticano, però, non è ancora arrivato. Due sarebbero i motivi, trapelati ufficiosamente e riportati dalla stampa d'Oltralpe, di questa contrarietà vaticana: la voce, filtrata troppo frettolosamente da Parigi, che la Santa Sede aveva già vidimato la scelta del Quai d'Orsay, e l'omosessualità del candidato, peraltro cattolico, non legato da pacs ad un'unione civile.

Il Vaticano non smentisce né conferma la vicenda. Il Journal du Dimanche scrive che Ludovine de la Rochère, la portavoce della Manif pour tous, il movimento nato contro la legalizzazione dei matrimoni gay, sarebbe intervenuta presso il nunzio apostolico in Francia, mons. Luigi Ventura. La Croix riporta, da parte sua, l'intenzione di Francois Hollande in persona di non retrocedere, poiché - è il contenuto di una conversazione riservata riferita dal quotidiano cattolico - Stefanini è "uno dei nostri migliori diplomatici ed ha tutte le qualità richieste per quel posto".

Commenti

Totonno58

Gio, 09/04/2015 - 20:19

...ora da sfida è diventato affronto?!?Andrea Riva, ma davvero considera Papa Francesco così permaloso?!

432hz

Gio, 09/04/2015 - 20:22

E perché sarebbe un affronto? Bergoglio ha detto' se una persona è gay chi sono io per giudicare?', dunque dov'è il problema?

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Gio, 09/04/2015 - 21:31

QUSTO HOLLANDE E' PERFETTO CxxxxxxE

istroveneto

Gio, 09/04/2015 - 21:51

E un bel manrovescio al papa? Magari in quel di Anagni ...

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Ven, 10/04/2015 - 01:54

Con tutto quello che ha passato, sentito, visto e fatto in tutti questi secoli, figuriamoci se il Papato si impressiona per un gay! Semmai si meraviglia per l'arretratezza di Hollande che, come tutti gli uomini di sinistra, è fermo con la testa all'ottocento.

Pisslam

Ven, 10/04/2015 - 03:28

ma come la chiesa difende i rom e gli immigrati ma poi non vuole i gay?!? Puzza un po di discriminazione, o no?!?!

Ritratto di Dobermann

Dobermann

Ven, 10/04/2015 - 07:14

Siamo tornati all'epoca di San Pio X. Solo che il Pontefice di allora la guerra contro lo Stato francese la condusse bene. Questo di oggi dubito che ne sia capace!

rossini

Ven, 10/04/2015 - 08:03

Da che mondo è mondo un ambasciatore deve riscuotere il gradimento dello Stato presso il quale deve essere accreditato. La nomina di un omosessuale dichiarato sa tanto di provocazione. Hollande avrebbe fatto la stessa cosa se si fosse trattato dell'Iran o dell'Arabia Saudita?

fabien80

Ven, 10/04/2015 - 14:40

ma non è il Papa che aveva detto:" chi sono io per giudicare un gay in quanto tale, bisogna vedere la persona"?. E la Persona in questione era vice ambasciatore, ha organizzato le visite di Sarkozy presso Ratzinger; quindi possiede sicuramente l'esperienza e le competenze necessarie per questo ruolo, aldilà del suo orientamento sessuale. la provocazione viene dal Vaticano e non dalla Francia. Papa Francesco predica bene ma razzola male.