L'afroamericano ucciso ​era stato fermato 52 volte

Castile era stato fermato in precedenza almeno 52 volte in zona e multato per infrazioni minori, come eccesso di velocità, guida senza marmitta o senza cintura di sicurezza

L'America è sull'orlo della guerra civile. Prima c'è stato l'omicidio del trentasettenne Alton Sterling, ucciso martedì a Baton Rouge, in Louisiana, durante una colluttazione con alcuni agenti di polizia che gli hanno sparato al petto e alla schiena ferendolo mortalmente mentre lo trattenevano a terra. L'uomo non avrebbe nemmeno cercato di mettere mano alla propria pistola, ma comunque sarebbe stato aggredito dai poliziotti prima con un taser e poi a colpi di pistola. La polizia sarebbe stata allertata dalle segnalazioni di alcuni residenti preoccupati per la presenza di un uomo armato che minacciava i passanti nei pressi di un negozio. Poi c'è stato il caso analogo a Minneapolis, nello Stato del Minnesota: l'afroamericano trentaduenne Philando Castile è stato ucciso da un poliziotto con un'arma da fuoco mentre cercava la patente richiesta dagli agenti durante un controllo. L'uomo avrebbe detto agli agenti di essere in possesso di un'arma da fuoco regolarmente registrata. La fidanzata ha documentato live su Facebook l'omicidio in diretta.

Adesso però si apprende che l'afroamericano non era la prima volta che veniva fermato dagli agenti per un controllo. Castile era stato fermato in precedenza almeno 52 volte in zona e multato per infrazioni minori, come eccesso di velocità, guida senza marmitta o senza cintura di sicurezza. In totale aveva collezionato almeno 6.588 dollari di ammende, anche se 86 violazioni erano state archiviate. Lo scrive l'Ap, citando documenti giudiziari e chiedendosi se Castile era un guidatore indisciplinato, sfortunato o preso di mira da poliziotti con pregiudizi contro i neri, come sostengono i suoi famigliari.

Commenti

cgf

Dom, 10/07/2016 - 12:44

era una persona ligia alle Leggi, non faceva nulla di male per se e per gl'altri, forse voleva spaventare e/o uccidere dei cattivoni ed altri cattivoni lo hanno ucciso. Ora Obama DEVE fargli funerali di stato e firmare un vitalizio per la famiglia. mi pare il minimo, no?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 10/07/2016 - 14:49

Pregiudizi?!....Avete mai visto la trasmissione televisiva" IL BANCO DEI PUGNI" di Detroit??....E' istruttiva,sulla mentalità,ed il comportamento degli afro-americani....

ziobeppe1951

Dom, 10/07/2016 - 15:22

Zagovian ...14.49...hai ragione, sono sempre sintonizzato su quei canali, 49 e 52 ...sono due anni che non vedo la rai (volutamente)

blackindustry

Dom, 10/07/2016 - 15:55

@Zagovian Sono proprio d'accordo con lei, anche perche' tale mentalita' africana la vediamo tutti i giorni nel comportamento incivile e strafottente dei neri che sono venuti in Italia, indesiderati e parassiti.

joecivitanova

Dom, 10/07/2016 - 16:01

..era un bravissimo ragazzo, e i poliziotti, che in quella zona, come tutti sanno, non hanno mai niente da fare e si annoiano, per passare il tempo, dato che il ragazzo gli era antipatico, e dato che sono razzisti, se la prendevano sempre con lui..!! g. p.s.: comunque è sempre un ragazzo giovane che è morto e sarebbe stato meglio che non fosse successo, però..

123214

Dom, 10/07/2016 - 16:35

la fidanzata che si preoccupa più di filmare che di quello che capita..fa pensare sul fatto che molti di questi afroamericani cerchino la situazione in cui porsi da vittima per fare cassa. è solo un pensiero.

CALISESI MAURO

Dom, 10/07/2016 - 17:28

ma guarda un po, un angioletto!!

seccatissimo

Dom, 10/07/2016 - 17:53

Sarei curioso di sapere: la percentuale di afroamericani che sono ospiti delle galere USA, quella relativa ai latinos, e quella relativa ai bianchi. Sarei pure curioso di sapere: quanti, in percentuale sul totale delle persone uccise dalla polizia USA, sono afroamericani, quanti latinos e quanti bianchi. Interessante sarebbe pure sapere quanti siano in percentuale i poliziotti afroamericani, quelli latinos e quelli bianchi.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Dom, 10/07/2016 - 19:50

Ho vissuto per un periodo in New Jersey. Ho conosciuto poliziotti, di colore e non. Tutti, ripeto tutti, concordemente affermavano che se la polizia viene accusata di avere il grilletto facile é perché anche il delinquente ha pure il grilletto assai facile. Specie di notte sempre si confrontano con questi personaggi. La gente per bene la notte dorme perché il giorno dopo deve lavorare. La notte per il delinquente é il suo orario di ''job''. Sono tutti armati e non esistano a sparare. Mi raccontavano che durante i controlli hanno i nervi a fior di pelle perché puó accadere di tutto. E guarda caso quasi tutti (essi mi dicevano il 90%) sono afroamericani o ispanici di recente arrivo provenienti dal centro e sud America. Voglio dire: non giustifico l'uccisione a sangue freddo ma, essendo io ex poliziotto li posso capire. Preciso che ero in servizio durante gli anni di piombo.

blackbird

Dom, 10/07/2016 - 20:02

Non posso dire di avere una grande esperienza di guida in USA, ma ho girato in diversi Stati sia della costa est che di quella ovest. Non sono mai stato fermato, anche dopo aver commesso qualche piccola infrazione (data la mia non buona conoscenza del CdS degli Sati visitati) anche in presenza dei poliziotti. So che di solito fermano solo se hanno qualcosa da rilevare all'auto o infrazioni alla guida, ma forse in questo caso hanno agito per pregiudizio: fermiamo Castile e vediamo cosa appioppargli queta volta. Potrebbe essere, ma io non ci credo.

Ritratto di pravda99

pravda99

Dom, 10/07/2016 - 20:23

E dai. Dite la verita`, vi state tutti rodendo selvaggiamente perche' lo sniper di Dallas e gli altri due neri uccisi non possono essere annoverati tra i nemici islamici.

Ritratto di Caprimulgo

Caprimulgo

Dom, 10/07/2016 - 20:46

Zagovian, anch'io ho visto " IL BANCO DEI PUGNI" ambientato a Detroit, ebbene ciò che più mi ha colpito, non é l'atteggiamento dei neri, ma quello dei titolari (bianchi) del banco. Persone di un'avidità ributtante, che approfittano dell'altrui disperazione e, ignoranza, per fare "affari" a livello di strozzinaggio. Semplicemente spregevoli, sopratutto il più vecchio.

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 10/07/2016 - 21:35

I negri, possono raccontarla come vogliono, (MA QUESTO VALE PURE PER I VISI PALLIDI) e mettere tutto su Facebook, ma quando il partner gira con la pistola ed è gia conosciuto dalla polizia, per atti a delinquere, il primo che spara è il vincitore, non dobbiamo dimenticarci che la polizia,è pagata con il danaro pubblico, per portare l`ordine, ma quando sono i politicanti per primi a dare l`esempio a fraudare la legge, allora, POSSIAMO DIRE CHE LA DISCIPLINA È ANDATA A FARSI FRIGGERE ED OGNUNO PIANGA DEI PROPRI SBAGLI!!!

Ritratto di Willy Wonker

Willy Wonker

Dom, 10/07/2016 - 22:00

La vittima faceva parte della gang dei Cribs!!

challant

Dom, 10/07/2016 - 23:51

Ma che giornalismo è questo? Perché omettete informazioni importanti? Cantile era un Crips. E quello ucciso a Baton Rouge, Alton Sterling, oltre che rapinatore e pedofilo, era un Bloods. Sapete cosa sono Crips e Bloods? Perché non pubblicate le statistiche del crimine in US del 2015? Visto che siete omertosi, lo farò io: Statistiche criminali USA 2015: Neri uccisi da bianchi 2% Neri uccisi da polizia 1% Bianchi uccisi da polizia 3% Bianchi uccisi da bianchi 16% Bianchi uccisi da neri 81% Neri uccisi da neri 97% Da quanto sopra, chi è che i neri americani debbono temere? I poliziotti o i loro simili?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 11/07/2016 - 10:06

@Caprimulgo:....due parole a commento sull'atteggiamento/comportamento degli afro-americani,no?...Tutto normale per lei,il LORO COMPORTAMENTO??....Già,LORO sono "poverini" e sono scusabili....

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 11/07/2016 - 10:17

@challant:...le staistiche potrebbero essere ancora peggiori,ma chi ha dei "pregiudizi",chi ha in bocca la parola "razzista" facile,non cambierà mai idea!Quando UNO dice che non tutti i musulmani sono terroristi(gli altri stanno a guardare..),ma TUTTI i terroristi sono musulmani(gli altri stanno a guardare),gli saltano addosso....Ho avuto un carissimo padre,che era "comunista",di quelli convinti,che nei giorni "duri",era sul tetto della sua FABBRICA a difenderla da eventuali rappresaglie,UN PURO,...5 giorni di malattia in 35 anni di lavoro,che adorava STALIN(di cui ho ancora in casa una "vecchia" biografia),....era deluso,disorientato,ma continuava a votare "comunista",ed è morto come tale,sognando la magnificenza dell'U.R.S.S.....