L'attacco, poi la fuga in Belgio: blitz antiterrorismo a Bruxelles

Tre terroristi, dopo gli attacchi di ieri sera, si sono rifugiati in Belgio. La polizia ne ha già arrestato uno

Tre dei terroristi di Parigi avrebbero alloggiato a Molenbeek, e le due o tre perquisizioni effettuate dalla polizia belga, soprattutto in prossimità della fermata metro Osseghem dove alcune vie sono state bloccate, hanno come obiettivo quello di stabilire contatti e legami con i fatti di Parigi ed eventualmente recuperare armi ed esplosivi.

Alcuni testimoni a Parigi avevano riferito di un’auto nera con una targa belga. Sul posto polizia con armi pesanti e anche una squadra di artificieri. Un uomo, durante le perquisizioni, ha tentato la fuga ma è stato immediatamente bloccato e arrestato dalle forze dell’ordine, che gli hanno bendato gli occhi come si vede in una foto diffusa dalla Rtbf. Molenbeek è il quartiere di Bruxelles che era già stato teatro di un’ondata di perquisizioni a gennaio, quando subito dopo la strage di Charlie Hebdo le forze dell’ordine avevano smantellato una cellula nella cittadina belga di Verviers pronta a colpire, la cui ’mentè proveniva proprio dal quartiere di Bruxelles.

La zona viene considerata come la culla dell’islam radicale belga, abitata da una popolazione prevalentemente musulmana dove molti si sono radicalizzati. Secondo quanto ha riferito il ministro della giustizia belga Koen Geensa sono stati effettuati "più di 5 arresti" nel quartiere di Molenbeek.

Commenti

vince50

Sab, 14/11/2015 - 18:06

Chi decide di farci massacrare non ci rimette mai nulla,ne la vita ne altro.Eppure per giustizia divina,dovrebbe essere esattamente all'opposto.

handy13

Sab, 14/11/2015 - 18:15

...ma NON avevano chiuso le frontiere..?

Anonimo (non verificato)

LuPiFrance

Sab, 14/11/2015 - 18:32

Oltre ad essere dei selvaggi criminali sono anche stupidi. Bastava rifugiarsi in italia e farsi arrestare . Dopo un po' un qualche compagno giudice li avrebbe liberati come hanno fatto per il selvaggio assassino del Bardo di Tunisi.

jamjam

Sab, 14/11/2015 - 18:59

Nella demenzialità di questi estremisti islamoidi (non islamici, non se lo meritano), a prima vista, non si capisce perché abbiano scelto questi obbiettivi. Se ci pensate bene però nello stato islamoide è proibito fortemente guardare le partite di calcio ed ascoltare musica. Musica rock poi... ma si scherza! Sembra poi che il Bataclan sia di proprietà di ebrei e si fosse messo molto in mostra ai tempi di Charlie Ebdo esponendo i classici cartelli. Quindi nella loro (de)mentalità c'è un senso.

jamjam

Sab, 14/11/2015 - 18:59

Quello che mi chiedo però è cosa c'entra il ristorante cambogiano!?!?! Forse perché in Cambogia mangiano i cani?! Non sto scherzando, li mangiano davvero (gusti loro)... e gli islamoidi li considerano animali impuri (Sunna docet). Inquietante anche l'attacco alla pizzeria "Casa Nostra" che sembra dire non è casa vostra ma nostra (degli islamoidi dementi). Forse questa lettura è eccessiva ma questa "gente" guarda molto alla simbologia. Ieri era venerdi 13, giorno sfortunato e nome di un film horror! Allah al bar! (ubriaco)

fcf

Dom, 15/11/2015 - 10:33

In Belgio c'è la sede della UE ma è ormai chiaro che non c'è il cervello. La UE continua ad emanare norme adatte alla peggiore burocrazia possibile ma non è in grado neppure di impedire che interi quartieri di Bruxelles siano infestati da delinquenti islamici. Grazie al buonismo e alla imbecillità di chi non si è mai letti i libri della Fallaci.