Utah, "Legalizziamo la marijuana? I conigli diventeranno dipendenti"

Uno strano avvertimento dall'anti-narcotici statunitense

Un decreto legge allo studio nello Stato americano dello Utah potrebbe rendere più facile per i malati accedere alla marijuana per uso medico. Un passo in avanti sul tema che si colloca in un quadro più ampio in cui altri hanno già deciso di aprire a questo business.

Ma mentre le autorità ragionano sulla questione, uno strano avvertimento arriva dalla Dea (Drug Enforcement Administration). Un agente dell'anti-narcotici, organismo che dipende dal ministero della Giustizia, ha testimoniato al Senato dello Utah, sostenenendo che una decisione in favore di una maggiore libertà potrebbe fare del male agli animali.

Le bestie selvatiche dello Utah (e in particolare i conigli) secondo l'agente potrebbero "sviluppare un certo gusto" per la marijuana. Un esemplare in particolare, ha raccontato, parlando della propria esperienza nel team per lo sradicamento della marijuanam "rifiutava di allontanarsi, dopo che avevamo preso tutta la marijuana. Il suo istinto naturale di scappare dall'uomo era svanito".