L'ex premier islamista tenta un colpo di Stato in Libia

Milizie provano a prendere il controllo. "Congresso nazionale ancora in vigore"

Sono tornate a minacciare Tripoli le milizie fedeli a Khalifa al-Ghwell, l'islamista che è stato primo ministro in Libia e che sta cercando di rovesciare il governo appoggiato dalle Nazioni Unite e guidato da Fayez al-Serraj.

Un tentativo di golpe che ha preso il via ieri, quando i suoi uomini hanno preso il controllo della zona attorno all'Hotel Rixos, occupando la sede del Consiglio di Stato, nato dopo gli accordi di Skhirat, in Marocco.

Un colpo di Stato annunciato con un conferenza stampa, in cui è stato confermato il ripristino degli organismi in carica prima che prendesse il potere il governo sostenuto dalle Nazioni Unite ed è stato chiesto a tutti i dipendenti pubblici di tornare a riferire alla struttura di comando precedente.

"Il Congresso nazionale è ancora in vigore e ha ripreso in carico le sue responsabilità costituzionali, legali e politiche", si legge in una nota ripresa dall'agenzia stampa al Tadhamoun.

"Quei politici che tentano di creare istituzioni parallele e destabilizzare la capitale", ha detto il governo di Concordia nazionale, devono essere arrestati. In un comunicato l'esecutivo definisce quanto in atto "tentativo di sabotaggio dell'accordo politico".

Commenti
Ritratto di vraie55

vraie55

Sab, 15/10/2016 - 10:59

Malgrado si stato accompagnato via mare in Libia, scortato dalla marina, ancora non sventola la bandiera a stelle-strisce?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 15/10/2016 - 11:37

Di tutto questo dobbiamo ringraziare i colpevoli, quelli delle primavere arabe, da Obama, a Sarkozy, a Napolitano, più sinistri e girotondi italiani a urlare senza neppure sapere cosa stavano dicendo e cosa stavano combinando. Questi i risultati, compresi la marea di clandestini, e tutto il casino è solo all'inizio. Pagheranno mai costoro per tutti questi danni? Come al solito daranno sempre colpa agli altri. Inqualificabili.

Alessio2012

Sab, 15/10/2016 - 12:00

Perché non vengono a farlo qui in Italia il colpo di stato? Non hanno bisogno di armi: basta un ex-br convertito al giornalismo che getta fango su tutti e un conduttore un po' obeso.

MOSTARDELLIS

Sab, 15/10/2016 - 12:46

Tutto grazie agli americani e ai francesi che, per un po' di petrolio, hanno fatto fuori Gheddafi, unico in grado di tenere ordine da quelle parti.