Liberata la francese rapita in Yemen

Sequestrata un mese fa con una traduttrice locale. Le donne sono state rilasciate

È stata sequestrata un mese fa, insieme alla sua traduttrice. Isabelle Prime, una francese impiegata dello Yemen Social Fund for Development, che lavora su progetti finanziati dalla Banca Mondiale, è stata liberata oggi, dopo un mese passato in prigionia nello Yemen.

La donna era stata rapita insieme a Shereen Makawi a Sana'a, la capitale del Paese, mentre si dirigeva al lavoro in macchina. La sua traduttrice ha raccontato di stare bene, ma di essere stata maltrattata nel periodo in cui è stata trattenuta.

Al momento non è chiaro come sia avvenuta la liberazione, né dove si trovino le due donne. Tutte le ipotesi, compresa quella di un riscatto, sono ancora aperte.