L'Isis attacca la più grande ​raffineria dell'Iraq

Le fonti parlano del "più violento attacco da mesi"

L’Isis ha lanciato una serie di attacchi suicidi contro la raffineria Baiji, la più grande dell’Iraq, a nord di Baghdad. Lo riferiscono fonti militari irachene citate da France24. Le fonti parlano del "più violento attacco da mesi". L’esercito ha detto comunque di avere il "pieno controllo" dell’impianto.

L’Isis, attraverso alcuni media affiliati, sostiene che i combattimenti sono in corso e che i suoi miliziani hanno "preso il controllo del 50% dell’impianto". Sui social network sono state pubblicate delle foto che mostrano numerosi jihadisti armati all’interno della gigantesca struttura, ma non è chiaro quando le immagini siano state scattate. Quel che appare certo è che i kamikaze fossero tre, due dei quali sono stati però neutralizzati prima che riuscisse a farsi esplodere, affermano forze della sicurezza irachena. Un tempo la raffineria aveva una capacità di produzione pari a oltre 300.000 barili al giorno, la metà dell’intero fabbisogno iracheno.

Commenti
Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 12/04/2015 - 22:07

Beh, per ironia della sorte in quelle terre desertiche, salvate solo dalla captazione dell'acqua del Tigri e dell'Eufrate, si sono ritrovati con l'acqua alla gola perché manca il petrolio per "oliare" la macchina della guerra.