Islam, Houellebecq: "Ma quale integrazione, rischiamo la guerra civile"

Michell Houellebecq è tornato a parlare di islam e integrazione. Per lo scrittore francese una "guerra civile" è tra le possibilità

Michell Houellebecq è tornato a parlara di islam. E lo ha fatto nello stile che ci si aspetterebbe da chi ha scritto "Sottomissione". In un'intervista rilasciata al settimanale tedesco Spiegel ripresa e tradotta da Il Foglio, lo scrittore francese ha dichiarato - senza mezzi termini - che quella musulmana è una religione difficilmente integrabile dallo stato: "Fondamentalmente, l’integrazione dei musulmani potrebbe funzionare solo se il cattolicesimo diventasse religione di stato". E ancora: "Occupare il secondo posto, come rispettata minoranza, in uno stato cattolico, i musulmani lo accetterebbero molto più facilmente rispetto alla situazione attuale. Il Profeta Maometto ha lasciato istruzioni sui cristiani, gli ebrei, ma nessuna sugli atei, non poteva immaginare l’esistenza di un ateo". Differentemente dal cattolicesimo, insomma, l'islam non concepirebbe la possibilità dell'esistenza di persone non credenti. E Houllebecq, nell'osservare in Francia il ritorno del cattolicesimo tradizionalista, ha profetizzato l'aumento esponenziale del numero dei fedeli cristiani: "C’è un notevole ritorno del cattolicesimo in Francia ed è meno reazionario di quanto si pensi spesso. E’ sostenuto, ad esempio, dai cosiddetti carismatici, che trasformano i loro servizi in avvenimenti, in emozioni, proprio come fanno i pentecostali o gli evangelici. Le dimostrazioni contro il matrimonio per tutti e i diritti di adozione per le coppie dello stesso sesso hanno sorpreso la politica con la loro mobilitazione di massa. Nessuno avrebbe pensato che fosse possibile. I cattolici in Francia sono diventati consapevoli della propria forza". I cattolici, insomma, mettendo al mondo più bambini, sarebbero destinati ad avere sempre un peso sempre maggiore nello scenario occidentale. Fenomeno che, com'è noto, riguarda tuttavia anche i musulmani. Sarà bene ricordare - infatti - che secondo alcune statische la religione musulmana diverrà tra cinquant'anni quella maggioritaria in Europa.

Michell Houellebecq, poi, ha risposto a una domanda sul possibile paragone tra l'ideologia comunista e islam: "Il comunismo era una specie di falsa religione, un cattivo sostituto, non una vera fede, sebbene avesse la propria liturgia. Una religione è molto più difficile da distruggere di un sistema politico. La religione ha un ruolo chiave nella società e nella sua coesione, è un motore nella costruzione della comunità. L’islam resisterà". La religione musulmana, a causa della sua stessa essenza, sarebbe quindi destinata a non cadere. Lo scrittore che ha scandalizzato l'occidente con il celebre romanzo che narra della "sottomissione" - appunto - della Francia alle istanze islamiste, è tornato a scuotere le coscienze e dalle parole rilasciate al settimanale tedesco sembra che il suo punto di vista non sia affatto cambiato. François, lo studioso di letteratura, esperto di Huysmans, protagonista del romanzo più celebre di Houellebecq, continua a rappresentare un'icona dell'occidente contemporaneo. Il professore in qualche modo costretto a convertirsi all'islam per poter vivere della sua professione, sembra essere ancora presente nel "terriccio della mente" dell'uomo letterario che lo ha "creato":"...la percentuale di musulmani nella popolazione dell’Europa occidentale continuerà a crescere, sia in Francia che in Germania. E ciò alimenterà ulteriormente le paure dell’alienazione e della colonizzazione. Una guerra civile è nel raggio delle possibilità". L'intervista di Houellebecq tradotta da Il Foglio, infine, si conclude con una duplice sentenza: la sinistra, per lo scrittore francese, è in "agonia", mentre Macron viene rappresentato come "un'ode all'ottimismo".

Commenti
Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 27/11/2017 - 16:00

Bene! Chi per una cosiddetta religione è pronto ad uccidere, allora non merita altro che la sua stessa violenza. Branco di animali.

Rossana Rossi

Lun, 27/11/2017 - 16:06

Solo dei cre.tini possono non capire queste verità, del pericolo islam ne aveva già parlato Giovanni Paolo II ma siccome non faceva i predicozzi bergogliani non veniva ascoltato...........

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 27/11/2017 - 16:32

Io l'ho sempre sostenuto. E' solo questione di tempo, ma prima o poi succederà. Troppo astio, troppe cose che non vanno. Chissà, nell'eventualità, i sinistri da che parte stanno? No, non scommettete, è troppo facile.

Reip

Lun, 27/11/2017 - 16:34

Come se non bastasse! ...La ciliegina sulla torta!

venco

Lun, 27/11/2017 - 16:35

Guerra civile?, è quello che vuole la massoneria per sottomettere i popoli, islam e massoneria perseguono gli stessi scopi.

jenab

Lun, 27/11/2017 - 16:51

vai a spiegarlo ai capoccioni europei ed italiani buonisti

Divoll

Lun, 27/11/2017 - 16:51

Ha perfettamente ragione. Chiunque non abbia il cervello obnubilato dal politically correct (o da pagamenti in denaro o carriera) capisce benissimo dove ci sta portando la famigerata "accoglienza".

VittorioMar

Lun, 27/11/2017 - 17:02

..-Dopo 1600 anni circa sarebbe doveroso e auspicabile una revisione critica del CORANO!!..I Cristiani e i Cattolici lo hanno fatto ,ora spetta alle altre Religioni fare Pulizia e Credenze !! ALL'Alba del terzo Millennio avanza l' Ateismo e i Dubbi sulle Verità Dogmatiche !!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 27/11/2017 - 17:03

...E pensare che tutto questo è voluto,dalla componente voto,e non voto, della stragrande maggioranza degli europei,degli ultimi 50 anni!!!Un "hara-kiri" etnico-culturale-economico,che si collocherà nella storia dei Paesi Europei.

Ritratto di Fanfulla

Fanfulla

Lun, 27/11/2017 - 17:26

Ottimo !!! che si scannino pure tra loro !!

Ritratto di moshe

moshe

Lun, 27/11/2017 - 17:30

Per lo scrittore francese una "guerra civile" è tra le possibilità ... ... ... qualcuno non sarà sicuramente d'accordo, ma ho scritto anch'io più volte che il rischio è molto alto.

polonio210

Lun, 27/11/2017 - 17:37

Una guerra civile non è quella combattuta tra stesso popolo diviso in due o più fazioni?Contro l'islam non sarebbe una guerra civile ma una guerra e basta.L'islam è antitetico all'occidente ed alla democrazia.Per l'islam noi siamo infedeli da rendere schiavi o uccisi.Perciò l'islam è nemico dell'umanità e deve essere combattuto,come fu combattuto il regime nazista,utilizzando tutte le armi disponibili fino al suo totale annientamento.Non è più il tempo delle parole ma è il tempo di prendere le armi e combattere.Combattere ovunque,combattere citta per città,strada per strada,casa per casa,fino a quando il cancro islamico non sia debellato dalla faccia del pianeta.Solo allora tornerà la Pace.

Ritratto di Flex

Flex

Lun, 27/11/2017 - 17:52

Finalmente, dopo la Fallaci, uno scrittore con grande lucidità mentale che ha il coraggio di dire e scrivere ciò che pensa e che pensano milioni di cittadini Europei. Putroppo i politici per inettitudine, falso buonismo o interessi privati sottovalutano, a mio avviso, scientemente il pericolo di una "Islamizzazione forzata" proprio perchè gli Stati Islamici che fomentano l'occupazione dell'Europa hanno soldi a palate da impiegare in questo obiettivo.

marcinco64

Lun, 27/11/2017 - 18:06

per Polonio210: Egr. polonio, concordo pienamente e aggiungo che: se gli islamici sono sempre più numerosi tra noi è perché i TRADITORI per ECCELLENZA,i rossi!!!, sono molto numerosi nel nostro paese.

Reip

Lun, 27/11/2017 - 18:12

Sono anni che si leggono commenti di persone comuni, che parlano di una futura anzi attuale guerra civile tra poveri. Basterebbe la terza elementare per capire che la stiamo gia vivendo in Italia. Chi darà da mangiare a tutte queste persone che arrivano dall’Africa? Come si arresterà l’invasione africana se compriamo il petrolio da loro, e se le mafie i governi e la politica specula su questa diaspora! Come si arresta il business del traffico e della accoglienza illegale dei clandestini? Come si può integrare in un contesto laico e liberal democratico una cultura e una religione medioevale come quella mussulmana? Dove prenderemo noi italiani poveri i soldi per sostenere le spese di questa occupazione? Come si fa a trovare una intesa con chi proviene da violenti regimi teocratici islamicho estremisti? Come si può combattere chi è disposto a suicidarsi per Allah pur di ucciderci? Altro che guerra civile, si rischia una vera e propria guerra con il mondo arabo!

linino

Lun, 27/11/2017 - 18:43

Non sono grandi novità quelledi Houellebecq.E' sotto gli occhi di chi vuol vedere la situazione europea.L'aveva già detto O.Fallaci,non a caso il titolo di un suo libro è Eurabia.

Ritratto di lordvader

lordvader

Lun, 27/11/2017 - 19:07

Questione di tempo. Islam = sottomissione. Io non mi sottometto. Piuttosto imbraccio un fucile.

nunavut

Lun, 27/11/2017 - 21:19

Massoneria e Islam personalmente li vedo come l'acqua e l'olio se li sbatti possono emulsionare o amalgamarsi un pò,ma alla lunga si divideranno ancora e sempre.

fisis

Lun, 27/11/2017 - 21:33

Il vero fascismo, anzi nazismo, è oggi i'islamismo.

istituto

Lun, 27/11/2017 - 22:32

Condivido pienamente ciò che disse una persona importante tempo fa. Ai musulmani gli attentati terroristici o le manifestazioni degli islamici integralisti danno fastidio perché rischiano di "svegliare" gli europei che potrebbero svegliarsi e capire il pericolo che stanno correndo. I musulmani infatti vogliono CONQUISTARE L'EUROPA SILENZIOSAMENTE CON LA NATALITÀ. Ecco come. Infatti Erdogan furioso perché non furono concessi comizi turchi pro Erdogan in Belgio, disse a tutti i turchi presenti in quel paese , non di fare attentati terroristici ma di passare da 3 figli a 5 figli. Capite adesso come vogliono CONQUISTARE IL BELGIO E L'EUROPA ? Il terrorismo gli dà fastidio perché sveglia gli europei.....logico no ?

seccatissimo

Mar, 28/11/2017 - 01:50

L'accettazione passiva dell'islam da parte dei governi, delle istituzioni e di parte della popolazione, europei, è la prova provata che la stupidità umana è infinita !

HDFATBOB

Mar, 28/11/2017 - 08:03

Bastava leggere la Fallaci ...senza scomodare il Papa! Rastrellare e mandare via....senza telecamere e giornalisti in mezzo alle balle. Se non vedi non accade

routier

Mar, 28/11/2017 - 08:31

La guerra civile è per definizione una guerra "fratricida", quella prevista da Houellebecq sarebbe contro l'islam con il quale il vincolo di parentela è piuttosto labile.

Ritratto di rapax

rapax

Mar, 28/11/2017 - 08:57

i sinistri si convertiranno subito senza colpo ferire, data la loro insita idiozia e codardia, uno per non voler prendere atto culturalmente in malafede o no, del pericolo a medio e lungo termine, poi perche quando e' tardi o si squagliano o si impecoronano a 90, la si conosce sta feccia, sono la parte fetida dell'italiano peggiore dei film sui luoghi comuni sugli Italiani...sono loro, sempre stati loro..

francoilfranco

Mar, 28/11/2017 - 09:56

Onore alla Fallaci profeta in Patria. Il popolo e' alla stregua di carne da macello per quelli che coltivano i prori luridi interessi, permettendo che tutto questo accada , facendo finta si non vedere E' il popolo che deve insorgere per diferendere se stesso dall'Islam. Basta con questa ipocrisia!!!

unz

Mar, 28/11/2017 - 10:14

Previsione facile. Da una parte un trend demografico che tende all’estinzione. Dall’altra al raddoppio della popolazione ogni x anni. Da una parte l’ignavia, la paura e là viltà, dall’altra la consapevolezza dell’ineluttabile. Da una parte i Dubbi, dall’altra le certezze.

Lord-Exit

Mar, 28/11/2017 - 11:18

Ma io a partire dagli anni '90 che ho capito che finisce in una guerra civile. E il nostro peggior nemico sono i politici che ci hanno governato fino ad oggi in Europa.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 28/11/2017 - 17:01

@Lord-Exit:...politici,che non occupano il posto che occupano,perchè messi lì dai Marziani,ma dalla componente votanti della stragrande maggioranza degli europei,e dei non votanti.Loro sono i responsabili!!