Iucn: "L'olio di palma decima le specie, ma vietarlo è inutile"

“Il divieto di olio di palma molto probabilmente aumenterebbe la produzione di altre colture oleaginose per soddisfare la domanda di petrolio, spostando piuttosto che arrestando le perdite globali di biodiversità causate dall'olio di palma”, ha affermato un rapporto pubblicato oggi dall’IUCN

"Il danno causato dalle piantagioni di palma da olio sulla specie è considerevole, ma vietarne la coltivazione non risolve il problema." Anzi, potrebbe addirittura aggravarlo. Ecco quanto emerge dal rapporto pubblicato oggi dall’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN).

"Quando si considerano gli effetti disastrosi dell'olio di palma sulla biodiversità da una prospettiva globale, non ci sono soluzioni semplici", ha affermato il direttore generale della IUCN, Inger Andersen. "La metà della popolazione mondiale lo utilizza nei prodotti alimentari e, se lo bandiamo o lo boicottiamo, altri oli più affamati di terra probabilmente prenderanno il suo posto. Questo elemento è qui per rimanere, e abbiamo urgentemente bisogno di un'azione concertata per rendere la sua produzione più sostenibile, assicurando che tutte le parti (governi, produttori e filiera) onorino i loro impegni di sostenibilità."

Per anni, infatti, è stato usato principalmente nel cibo, è stato visto dagli ambientalisti come la più grande minaccia alla biodiversità tropicale, in particolare per il fenomeno della deforestazione.

"Questo grasso di origine vegetale sta decimando la ricca diversità di specie del Sud-est asiatico e soffoca grandi fasce di foreste tropicali", ha detto l'autore principale del rapporto sull’olio di palma, Erik Meijaard. "Ma se viene sostituito da aree molto più grandi di campi di colza, soia o girasole, possono soffrire diversi ecosistemi e specie naturali. Per porre fine alla distruzione dobbiamo…fare in modo che tutti i tentativi di limitare l'uso di olio di palma siano accompagnati da una solida comprensione scientifica delle conseguenze."

Il rapporto ha rilevato che questo grasso di origine vegetale sta danneggiando la biodiversità globale, con 193 specie a rischio di estinzione, tra cui oranghi, gibboni e tigri.

La situazione è particolarmente problematica in Indonesia e Malesia, ma potrebbero estendersi all'Africa e all'America tropicale mentre la produzione si espande per soddisfare la domanda, secondo il rapporto. Poiché il grasso vegetale viene coltivato nei tropici ricchi di specie, ciò potrebbe avere effetti catastrofici sulla biodiversità globale. Le aree in cui l'olio di palma potrebbe potenzialmente espandersi ospitano la metà (54%) dei mammiferi minacciati al mondo e quasi i due terzi (64%) di tutti gli uccelli minacciati, secondo il rapporto. Se altre colture oleaginose sostituissero l'olio di palma, il danno potrebbe spostarsi verso ecosistemi come le foreste tropicali e le savane sudamericane.

Le soluzioni avanzate dall’IUNC si concentrano su una migliore pianificazione di nuove piantagioni di palma da olio per evitare in primis la deforestazione già in atto. L'olio di palma certificato ha finora dimostrato di essere solo marginalmente migliore in termini di prevenzione rispetto al suo equivalente non certificato, ma l'approccio è relativamente nuovo e offre il potenziale per migliorare la sostenibilità.

Sono necessari ulteriori sforzi per garantire che gli impegni in materia di sostenibilità siano onorati e che i loro rapporti siano trasparenti, oltre il cercare di far aumentare la richiesta di olio di palma certificato. Le politiche governative dovrebbero proteggere le foreste nei paesi produttori di olio di palma e altri oli e limitare la domanda di usi non alimentari dell'olio di palma, come i biocarburanti. Una maggiore consapevolezza dei consumatori nei paesi che consumano il cibo, in primis India, Cina e Indonesia, potrebbe aumentare notevolmente la domanda di olio di palma certificato.

Commenti

Divoll

Mer, 27/06/2018 - 00:26

Intanto, noi consumatori continuiamo a boicottarlo. Poi vediamo se e' inutile o no.