Londra, allarme bomba: evacuate due stazioni della metro

Auto sospetta nel quartiere ebraico: evacuata Golders Greens. Incendio a North Wembley

Anche l'Inghilterra è stritolata nella morsa del terrore. Mentre la scia di sangue si trascina nel cuore dell'Europa, a Londra è scattato l'allarme in due fermate differenti della metropolitana. Nel quartiere settentrionale di Barnet, nel cuore della comunità ebraica, è scattato il piano sicurezza per una automobile abbanondata non lontano dalla fermata della metropolitana di Golders Greens. A North Wembley, invece, a scatenare il panico è stato un allarme incendio.

L'allarme bomba a Golders Green

La stazione Golders Green della metropolitana di Londra è stata chiusa e la zona circostante è stata transennata dalla polizia a causa di un veicolo abbandonato vicino all'incrocio con Hoop Lane. Mentre le autorità stavano cercando di individuare il proprietario del veicolo, è scattato l'allarme bomba che ha fatto attivare il piano sicurezza. Pendolari e pedoni hanno riempito le strade della zona (guarda il video), cuore della comunità ebraica a Londra. Ai residenti la polizia ha consigliato di starsene chiusi in casa e allontanarsi dalle finestre. Dopo un attento controllo dell'auto, poi, gli artificieri hanno riferito che all'interno non ci sarebbe presente nulla di pericoloso e la stazione è stata riaperta.

L'allarme incendio a North Wembley

L'allarme per un incendio ha seminato il panico in un'altra stazione della metropolitana di Londra. All'ora di punta la fermata di North Wembley è stata, infatti, evacuata non appena alcuni passeggeri hanno segnalato alle forze dell'ordine la presenza del fumo in un convoglio. Sul posto sono, immediatamente, intervenuti i vigili del fuoco che hanno trovato sotto un convoglio della Bakerloo Line l'origine del fuoco. Il servizio è ripreso dopo più di un'ora con gravi ritardi sulla linea.

Commenti
Ritratto di giangol

giangol

Lun, 25/07/2016 - 10:42

la colpa è solo nostra di noi europei, che non facciamo abbastanza per le nostre amate risorse sboldriniane

ectario

Lun, 25/07/2016 - 12:00

Quando tutti saremo a mo di parcheggio per biciclette (compresi gli idioti e partigiani - di parte - comunisti, che cosa si credono, loro?), forse la smetteranno. Il problema in primis non sono i musulmani ma chi li invita, i "nostri" illuminati politici di questo secolo. In secondis, i musulmani non sono graditi ospiti quindi se ne restino a casa loro.

Iacobellig

Lun, 25/07/2016 - 13:34

I CONFINI VANNO DIFESI COME È SEMPRE STATO E APERTI SOLTANTO A NUMERO ADEGUATO E PERSONE VERIFICATE. LE INVASIONI CHE SI SUSSEGUONO DA MOLTO TEMPO VANNO ENERGICAMENTE RESPINTE.