Londra mette fine alla guardia 24 ore su 24 per Julian Assange

Se venisse rispedito in Svezia, il giornalista subirebbe un'estradizione negli Stati Uniti, col pericolo di essere perseguitato per lo scandalo Wikileaks

Julian Assange nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra

Scotland Yard ha deciso di mettere fine al piantonamento permanente delle forze dell'ordine fuori dall'ambasciata dell'Ecuador, a Londra, dove Julian Assange si è rifugiato dal giugno 2012 dopo lo scandalo WikiLeaks.

Gli agenti hanno stazionato fuori dalla sede dell'ambasciata, a Knightsbridge, 24 ore al giorno per gli ultimi tre anni, dopo che era stato emanato un mandato internazionale di arresto a suo carico di Assange. Il giornalista si era rifiutato di acconsentire alla sua estradizione in Svezia per un'indagine a suo carico nel paese scandinavo per molestie sessuali.

Si stima che il costo sostenuto dai cittadini britannici per questo servizio abbia superato i 10 milioni di sterline (circa 13 milioni di euro) e un portavoce della Metropolitan Police ha riferito che tale dispiegamento di forze non era più "proporzionato".

Scotland Yard ha aggiunto che comunque nel caso in cui Assange cercherà di lasciare l'ambasciata, la polizia farà di tutto per arrestarlo, usando anche agentisotto copertura.