Un rifugiato siriano fermato per l'attentato alla metro di Londra

In manette anche un 18enne iracheno che avrebbe messo materialmente la bomba

Ha ora un nome e un volto il secondo uomo fermato dopo l'attentato nella metropolitana di Londra, rivendicato dal sedicente Stato islamico (Isis), in cui 29 persone sono rimaste ferite quando un ordigno rudimentale è esploso in uno dei vagono di un convoglio.

È Yahya Faroukh il 21enne bloccato dalla polizia. Un rifugiato siriano che ha vissuto nel Surrey con una famiglia affidataria, quella di Penelope e Ronald Jones, nella stessa casa, perquisita sabato, in cui avrebbe abitato anche il 18enne iracheno che ha piazzato la bomba in metropolitana, sulla District.

Gli inquirenti sono entrati anche nella casa di Heathrow in cui Faroukh si è trasferito a maggio, a pochi passi da uno degli aeroporti londinesi. Fermato a Hounslow, a ovest della città, mentre si trovava davanti a un fast-food, era arrivato in Gran Bretagna nel 2013 ed è passato anche dall'Italia, per poi finire in affido alla famiglia Jones.

Commenti

OttavioM.

Lun, 18/09/2017 - 14:04

Questi sono stati accolti come figli. Che bel ringraziamento.

g.ringo

Lun, 18/09/2017 - 14:19

Mandatelo da noi, che c'è posto. Ditegli che gli diamo lo smartphone a gratis in modo che possa chiamare a raccolta tutti i suoi amici integralisti. E hai voglia di quanti infedeli da convertire troverà qui.