L'ultimo selfie dell'esploratore Henry Worsley prima della tragedia

Henry Worsley è morto mentre cercava di attraversare in solitaria il Polo Sud. In viaggio da 71 giorni, ha ceduto alla disidratazione e allo sfinimento

La sua corsa sulle orme del leggendario Shackleton è finita in una tragedia. L'esploratore inglese Henry Worsley, 55 anni, è morto mentre cercava di attraversare il Polo Sud in solitaria. A poco è servito il trasporto all'ospedale di Punta Arenas in Cile.

Quando l'uomo è arrivato era già in condizioni disperate e soffriva di una peritonite batterica. È stato ricoverato al 71esimo giorno della sua missione esplorativa. L'ultimo selfie lo ritraeva certamente provato, ma comunque sorridente, impegnato in un qualcosa di epico.

Henry Worsley è morto per sfinimento e disidratazione, mentre cercava di portare a termine qualcosa che non era riuscito mai a nessuno. "Abbiamo perso un amico - ha commentato il principe William alla notizia della sua morte - ma resterà una fonte di ispirazione per tutti noi".