Marò, il governo indiano: "Valutiamo proposta italiana"

È la prima volta che il ministro degli Esteri ammette una trattativa: "La questione è allo studio del governo e della corte suprema"

Per la prima volta l'India ammette di prendere in considerazione una proposta italiana per la risoluzione della vicenda di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.

Ieri, infatti, il ministro degli Esteri Sushma Swaraj ha inviato una lettera al parlamento indiano, come rivela un'interrogazione presentata al governo da ue membri del Partito comunista indiano (Cpi) del Rajya Sabha (la Camera alta del Parlamento), M.P.Achuthan del Kerala e D.Raja del Tamil Nadu. I due hanno chiesto "se è un fatto che il governo italiano ha cercato una soluzione consensuale alla vicenda da tempo in sospeso dei due militari italiani accusati di omicidio di due pescatori indiani nel 2012 al largo delle coste del Kerala" e "a che punto è il caso oggi e quale è la reazione del governo indiano alla proposta del governo italiano su di esso". Nella risposta scritta inviata ieri sera al Parlamento, il ministro Swaraj ha risposto sinteticamente "sì" alla prima domanda e sostenuto, riguardo alla seconda, che "la questione è attualmente all’esame della Corte suprema dell’India" e "a proposta del governo italiano è all’esame di quello indiano".

Commenti

Roberto.C.

Ven, 19/12/2014 - 09:03

SI vabbè! Ma si può sapere qual'è la proposta del governo Italiano?

Ritratto di Sniper

Sniper

Ven, 19/12/2014 - 09:32

Sillogismo Italo-Indiano: Il Governo Italiano fa pressione sul Governo Indiano. La Magistratura Indiana e la Corte Suprema sono indipendenti dal Governo Indiano. Il Governo Italiano fa un buco nell'Oceano Indiano.

giovauriem

Ven, 19/12/2014 - 09:33

perchè questi pidocchiosi indiani hanno una corte suprema forse hanno un cortile

Aristofane etneo

Ven, 19/12/2014 - 09:41

“Italy's fucked up” scrisse un magnate australiano della logistica venuto a dare sostegno morale al dott. Giuseppe Orsi, ex presidente e ad di Finmeccanica arrestato e messo in galera il 12 febbraio 2013,e poi assolto «perché il fatto non sussiste». Se non vogliamo sentirci ridere dietro, come successo col Brasile per il terrorista Battisti, la smettetela di minacciare sfracelli e trattate le controparti indiane con il rispetto dovuto ad una grande Nazione, quale l'Unione Indiana è. E ricordatevi: noi siamo in crisi (istituzionale, economica ecc.), sempre più con le toppe al cxxo e con la puzza sotto il naso (per via del poco sapone da usare sotto di esso) loro sono una Nazione in espansione e con un forte senso dello Stato.

Aristofane etneo

Ven, 19/12/2014 - 09:48

Spero qualcuno dei nostri "mediatori" abbia sentito parlare di Angelo De Gubernatis (Letteratura indiana, Reprint Antichi Manuali Hoepli, 1990, p.93). Vi troverà un buon avvio per comprendere qualcosa sulla procedura giudiziaria indiana. Farà perdere meno tempo ai politici indiani, creerà un'atmosfera amicale, farà risparmiare brutte figure e tanti soldini a noi Italiani.

gabrieleforcella

Ven, 19/12/2014 - 10:03

Il Governo Indiano a solo ammesso l'esistenza della proposta e questo fatto non significa nulla circa l'evolversi della vicenda. Invece considero pessimo il momento scelto dai due sinistri indiani per presentare l'interrogazione considerato che è imminente la scadenza del termine per il rientro di Latorre in India e un rifiuto del medesimo non potrebbe non avere riflessi sulle determinazioni del Governo Indiano. Alla fine è sempre l'India che mantiene l'iniziativa.

Lino.Lo.Giacco

Ven, 19/12/2014 - 10:18

peccato che ci siano due italiani a pagarne le spese,ma almeno non e' solo la mostra giustizia a fare cagare! C'e' chi sta anche peggio magra consolazione pero'!!!!

Accademico

Ven, 19/12/2014 - 10:23

@GIOVAURIEM (Ven, 19/12/2014 - 09:33) - Forse Ella non è a giorno e neppure a... pomeriggio. In questa sporca faccenda, la parte dei pidocchiosi - alias cialtroni - finora, l'abbiamo fatta noi. Le dirò di più: anch'io vedo una porcilaia, ma sempre a casa nostra. Un cortile che racchiude un branco composito d'incapaci, dove ben tre guardiani, succedutisi a breve distanza, l'uno dall'altro, hanno al riguardo dato prova solo di inettitudine e si chiamano monti, letta, renzi!

giovauriem

Ven, 19/12/2014 - 11:00

accademico,l'italia è in cattive mani o se le piace di più, in cattive acque, ma l'india è il bassofondo del'umanità,è ci superano di molte posizioni,a proposito neanche noi abbiamo un'alta corte ,una media corte e una bassa corte, ma in compenso abbiamo la corte presieduta da esposito

Ritratto di Aulin

Aulin

Ven, 19/12/2014 - 11:20

Due anni di tempo perso.

accanove

Ven, 19/12/2014 - 11:21

Non me la prenderei tanto con gli indiani se non in minima parte, per il fatto di averli tratti in um tranello per vendicarsi contro chi andò a sparacchiare in casa o in vicinanza di casa loro. I veri idioti sono i governanti e ministri nostrani che si son succeduti, ma sappiamo bene a che famiglia appartengono, di sicuro a quella che non ha fatto il militare e non conosce minimamente le regole internazionali che vigono quando sono coinvolte persone con le stellette in missione intrnazionale autorizzata

Aristofane etneo

Ven, 19/12/2014 - 12:30

"Andreotti, Belzebù, il vero capomafia sei tu" urlavano gli universitari di Palermo, costringendolo ad uscire dal retro non mi ricordo di cosa. Era il periodo delle stragi di "mafia" e degli spintoni all'allora Presidente della Repubblica Scalfaro e del capo della Polizia Parisi. Ci raccontavano i giornalisti del flirt con tanto di bacio in bocca tra Andreotti e Riina "il Capo dei Capi della Mafia". Alla vista di questi sprovveduti nostri Governanti eletti da un Parlamento illegittimo, ci manchi tanto. e non scherzo.

magnum357

Ven, 19/12/2014 - 12:32

Bastava solo che un giudice italiano avesse aperto l'inchiesta quando i due marò erano presenti in Italia !!!!!! Monti è stato un cazzone a non fare nulla con i suoi amici giudici sinistri !!!!

Aristofane etneo

Ven, 19/12/2014 - 12:40

I cretinetti che credono che gli abitanti dell'India siano fachiri che dormono su letti di chiodi e suonano il piffero per trastullare i turisti, si vergognino ma soprattutto non lo pubblichino nella rete anche sotto anonimato. Finisce che i beceri della Terra finiscano per identificare gli Italiani con siffatti cretinetti.

Aristofane etneo

Ven, 19/12/2014 - 12:56

Ma sento citare sempre Monti. Ma è quel tale che ci costerà 30.000 euro (60.000.000 di lire) al mese vita natural durante grazie alla lungimiranza dell'attuale Presidente della Repubblica Italiana?

Requiem sharmutta

Ven, 19/12/2014 - 13:43

Il nostro Governo non conosce gli indiani! la risposta del Governo indiano sarà: 1) LaTorre deve rientrare in India, 2) Girone non godrà più del beneficio di risiedere in Ambasciata italiana a Delhi, bensì dovrà andare in un carcere indiano aspettando il processo. Bravo renzi! Ricordo che il precedente "gestore" della crisi indiana era Staffan deMistura, il quale riuscì a trasferire i due marò dal Kerala a Delhi ed a farli risiedere in Ambasciata italiana fino al giorno del processo. Ora Renzi ha defenestrato DeMistura e siamo nei guai più grossi perché i due marò andranno in carcere...vedrete se non andrà a finire così! Il problema maggiore è che le cose serie non devono essere lasciate in mano ai giovanotti come Renzi &co; ci vuole esperienza ...cosa che Renzi non ha. Rottamiamo Renzi!

andrea bar

Ven, 19/12/2014 - 14:05

Scusate visto che vige il principio per cui l'esercizio dell'azione penale è obbligatoria visto che gli indiani in spregio del diritto internazionale e del diritto umanitario tengono in scacco i due marò senza un atto d'accusa da quasi 3 anni visto che i nostro governi (Monti il peggiore di tutti) non sono riusciti a fae alcunchè CHE UN PRIVATO CITTADINO DENUNCI I DUE MARò ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA COSì CHE QUESTA SIA OBBLIGATA A FAR SCATTARE LE INDAGINI, VERIFICHI LA SUSSISTENZA DELLA COMPETNZA A GIUDICARE DELLO STATO ITALIANO TRATTENGA E GIUDICHI IL MARò CHE è QUI IN ITALIA. PERLOMENO UNO CE LO TENIAMO.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Ven, 19/12/2014 - 14:07

QUI; NON SI TRATTA DI ESSERE DI PARTE; MA DI RISPETTARE LE LEGGI INTERNAZIONALI CHE ANCHE L;INDIA HA SOTTOSCRITTO; É QUESTE LEGGI DICONO CHE L;INDIA HA CALPESTATO OGNI DIRITTO UMANO; PER PRIMA COSA QUESTO PAESE HA AFFONDATO LA BARCA DEI 2 PESCATORI IN FRETTA E FURIA SENZA FARLA ESAMINARE DA ESPERTI DI BALISTICA INTERNAZIONALI; 2. QUESTO PAESE HA FATTO SEPPELLIRE I 2 PESCATORI SENZA FARLI ESAMINARE DA ESPERTI DI BALISTICA; PER STABILIRE IL CALIBRO DELLE ARMI DI CUI LORO SONO STATI COLPITI! 3. L;INDIA NON É RESPONSABILE DI QUELLO CHE SUCCEDE NELLE ACQUE INTERNAZIONALI!; QUESTO É UN COMPITO DEI GIUDICI DEL TRIBUNALE INTERNAZIONALE DEL; AIA (OLANDA) L;ITALIA FAREBBE MEGLIO AD APPELLARSI AL;ONU É SE L;ONU SI RIFIUTA DI ESAMINARE QUESTO CASO ALLORA CHE SI RITIRI TUTTE LE TRUPPE ITALIANE É SI BLOCCHINO I FONDI A QUESTI!!!!.

Nerone2

Ven, 19/12/2014 - 16:29

E quale sarebbe la proposta italiana???

Ritratto di perigo

perigo

Ven, 19/12/2014 - 17:51

Di cosa si tratti, non è dato sapere. Si spera che il governo Italiano non si faccia infinocchiare nuovamente dai pirati dell'Oceano Indiano...

Ritratto di semovente

semovente

Ven, 19/12/2014 - 17:53

Attendiamo gli eventi. Intanto, gli attuali governanti non pensino minimamente di potersi attribuire il merito di eventuali "vittorie" al riguardo.

Aristofane etneo

Ven, 19/12/2014 - 18:10

Presumo di conoscere abbastanza l'India essendoci stato parecchio tempo per studio e per lavoro. Ripeto l'India è una grande Nazione, con apparati istituzionali (militare politico diplomatico religioso, ...) di tutto rispetto, mentre l'Italia sta attraversando negli stessi settori uno dei periodi più neri della sua storia millenaria. Richiamino almeno Staffan de Mistura. Forse si è ancora in tempo per rimediare ai troppi errori fatti dal primo insensato ordine di far dirigere il mercantile in un porto indiano.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Ven, 19/12/2014 - 19:04

L'INSIPIENZA DI RENZIE SUPERA QUELLA DI MONTI.