Marò, l'accusa non crede all'ischemia di Latorre: vuole un'altra perizia

L'accusa chiede di verificare le condizioni di salute di Latorre prima di autorizzare le cure in Italia

Dall'India arriva un altro schiaffo ai marò. L'accusa non crede all'ischemia che lo scorso 31 agosto ha colpito Massimiliano Latorre. Il pescatore Freddy Bosco, proprietario dell’imbarcazione coinvolta nell’incidente della petroliera Enrica Lexie, ha presentato un ricorso alla Corte Suprema per ottenere una perizia medica indipendente per verificare le condizioni di salute di Latorre prima di concedergli una eventuale autorizzazione a curarsi in Italia.

In una application, registrata alla Corte Suprema indiana, ma in attesa di accoglimento, i legali di Bosco mettono in dubbio la malattia del Fuciliere e citano l’incidente diplomatico dello scorso anno in occasione della licenza di quattro settimane concessa ai due militari per votare in Italia. In particolare, il ricorrente ricorda alla Corte che "è pratica comune verificare la veridicità e la serietà di una malattia" e che "un rapporto di specialisti qualificati dopo un esame medico del paziente è altamente necessario". Si suggerisce poi che questo compito venga affidato a una commissione medica dell’All India Institute of Medical Science (Aiims), il più grande ospedale pubblico di New Delhi. L’avvocato Usha Nandini ha confermato all’Ansa di aver presentato in mattinata l’istanza, insieme a un affidavit (dichiarazione scritta di Bosco), ma che essa deve ora essere "verificata e approfondita". Si è appreso tuttavia da fonti vicine al team dei legali della difesa di Latorre che "a un controllo presso il Registro della Corte Suprema, di questa istanza non si è trovata traccia".

È probabile che la procedura di verifica richiederà qualche giorno. Secondo quanto disposto dai giudici nell’ultima udienza, venerdì prossimo il governo indiano dovrà presentare la sua opinione alla Corte Suprema in merito alla richiesta di autorizzare Latorre a rientrare per alcuni mesi in Italia per motivi di salute. Ci sono forti possibilità che la domanda venga accolta in quanto, come anticipato dalla ministro degli Esteri indiano, Sushma Swaraj, New Delhi non si opporrà all’eventuale concessione del permesso terapeutico. Lo scorso aprile il proprietario del Saint Antony, a bordo del quale si trovavano i due pescatori Valentine Jelastine e Ajeesh Binki uccisi il 15 febbraio 2012, aveva già presentato un ricorso al massimo organo giudiziario indiano per chiedere il trasferimento del processo da New Delhi al Kerala, dove è avvenuto l’incidente e dove risiedono la maggior parte dei testimoni. Lo stesso Bosco, che è anche colui che ha presentato la denuncia per omicidio alla polizia portuale di Neendakara, afferma di essere stato ferito e di aver subito lesioni alla colonna vertebrale che gli impediscono lunghi viaggi. Nell’aprile 2012 il pescatore aveva firmato un accordo di conciliazione con il governo italiano ricevendo come risarcimento la somma di 1,7 milioni di rupie (all’epoca circa 25 mila euro) per i danni provocati al peschereccio che è ancora sotto sequestro della polizia keralese. In cambio si impegnava a ritirare le cause intentate contro i due marò e contro l’armatore della petroliera Enrica Lexie.

Commenti

michele lascaro

Mer, 10/09/2014 - 18:45

Questi babbei indiani non credono neppure alla diagnosi certificata da un loro importante ospedale, o meglio, cercano "le finucchie de tempe", come si dice da noi (i finocchi non possono crescere sulle rocce, ma loro dicono di sì).

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 10/09/2014 - 18:46

Come previsto, non c'è mai fine alla schifezza indiana.

Ritratto di Marotta2

Marotta2

Mer, 10/09/2014 - 18:59

Poveri Marò , non hanno pace . Monti , cosa hai fatto a questi ragazzi ? Perché è ancora Senatore ? Si dimetta e si vergogni , noi non vogliamo pagarle più neanche un centesimo !

st.it

Mer, 10/09/2014 - 19:03

il governo indiano non si opporrà al rimpatrio se reputerà il marò bisognoso di cure , ma non consentirà il rimpatrio reputandolo non bisognoso delle medesime.

Ritratto di bracco

bracco

Mer, 10/09/2014 - 19:09

Tutto come da copione, questi in Italia se mai torneranno avranno i capelli ormai bianchi. Il tutto grazie a dei governi di menefreghisti, prima Monti poi Letta e ora Renzi con una Pinotti che gli indiani pensano essere un personaggio uscito dai cartoni animati

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mer, 10/09/2014 - 19:14

E questi ragazzi cosa hanno fatto agli Indiani?

Ritratto di Baliano

Baliano

Mer, 10/09/2014 - 19:16

Gliel'hanno quasi gonfiata a forza di sberle, eppure gli "alti in grado", i generaloni ( la pinotti conta una sega, gli Italiani ancora meno), non si sentono ancora presi a schiaffoni da questi guardiani di vacche indù... Mah! Un "commando"... roba americana, hollywoodiana. Continuate allora così, anche con l'altra guancia.

Ritratto di mario.leone

mario.leone

Mer, 10/09/2014 - 19:21

No, caro giornalista: lo schiaffo non lo ha avuto il Sig. Latorre ma il nostro Paese. E questo è gravissimo. Ma non avevamo guadagnato in credibilità internazionale? Monti e Letta dimettetevi e Renzi sparisci dalla circolazione perché per te conta solo stare seduto come capo del governicchio che ci ritroviamo!

obiettore

Mer, 10/09/2014 - 19:23

Toh, hanno imparato dalla magistratura italiana quando disponeva visite fiscali a Berlusconi.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mer, 10/09/2014 - 19:25

Per favore siate seri! Non è l'accusa che si oppone bensì la parte civile Freddy Bosco. Il padrone del peschereccio.

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Mer, 10/09/2014 - 19:34

...Perché meravigliarsi sig. Rachele! In Italia è successo di peggio; Non hanno creduto ad una malattia certificata da medici specialisti riguardante il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

Mario-64

Mer, 10/09/2014 - 19:55

Freddy Bosco presenta ricorsi? Ha dei legali suoi?? Questo e' un poveraccio che si e no sara' capace di leggere e scrivere ,figuriamoci. Ennesima dimostrazione che tutta la vicenda e' strumentalizzata e manovrata da qualcun'altro ,a livello politico.

Delfi95

Mer, 10/09/2014 - 20:10

Ma con tutte le missioni all'estero che facciamo, una per andarci a riprendere i marò in India no?

beale

Mer, 10/09/2014 - 20:15

c'è ancora il contingente indiano in Afganistan con il comando italiano? si richiami tutta la missione come primo passo "distensivo". poi si proceda con il rimpatrio di tutti gli indiani presenti in Italia. E' un sogno ovviamente, quello di un governo italiano con le palle.

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 10/09/2014 - 20:24

Freddy Bosco ha visto i soldi per la prima volta in vita sua (25 Mila Euro per la sua barcaccia) e non intende rinunciare ad altre ricche prebende, vedendo sparire i suoi due polli da spennare dalla prigione dorata da cui li si può spennare.

Aleramo

Mer, 10/09/2014 - 20:32

Nessuno sembra sapere o ricordare che (1) il peschereccio di Bosco (il St. Anthony) e la petroliera dei due fucilieri non si sono mai incontrati (cfr. www.seeninside.net/piracy/) (2) qualunque battello i fucilieri abbiano incontrato hanno sparato solo in acqua senza uccidere nessuno (cfr. le interviste del vicecomandante della petroliera a Repubblica e al Giornale). I fucilieri sono del tutto innocenti e questo rende tutto quanto ancora più scandaloso.

billyserrano

Mer, 10/09/2014 - 21:10

Il problema dei nostri marò, è che non cè volontà da parte dei nostri politici di intervenire seriamente per riportarli a casa. I nostri politici stanno in attesa di un qualche evento che faccia il miracolo.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mer, 10/09/2014 - 21:19

Già ma l'Italia ha ufficialmente risarcito Bosco con 25.000 euro. Perché?

piantagrassa

Mer, 10/09/2014 - 21:28

@beale - voglio sognare con lei........ma qualche sogno si avvera????? Ma se stanno così bene a casa loro e l'India è così un bel paese perché vengono da noi?????

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mer, 10/09/2014 - 22:15

Perché vengono da noi? Ma per inchiappettare i destronzi. Non vi pare?

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Mer, 10/09/2014 - 23:13

Ribadisco la richiesta a Magistrati di imputare per ALTO TRADIMENTO con l'aggravante di TRARRE BENEFICI ECONOMICI il Sig. Monti, l'allora Ministro della Difesa, il Sig. Presidente della Repubblica Capo di tutte le Forze Armate e tutti i "compagni di cordata". Solo cosi si comincia ad avere una svolta Politica e CIVILE in questo Paese.

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Mer, 10/09/2014 - 23:13

Omar El Mukhtar dice "Già ma l'Italia ha ufficialmente risarcito Bosco con 25.000 euro. Perché?" Perchè per quella cifra il Bosco si impegnava a ritirare le accuse ed i fucilieri avrebbero avuto un più facile ritorno a casa, o almeno così si sperava. Un po' come quando le rubano la motocicletta e le offrono di riconsegnargliela dietro compenso. Stesso modus operandi. Lei paga e spera di riavere la moto. Sekhmet.

killkoms

Mer, 10/09/2014 - 23:35

questo bosco è un bel cialtrone!ha anche lui responsabilità oggettiva per la morte dei suoi uomini,poichè oltre al fatto che erano alle sue dipendenze,non doveva essere dove stava poichè non aveva titolo per stare nelle acque del kerala (il peschereccio era immatricolato nello uttar pradesh) né aveva alzato òa bandiera nazionale per fugare dubbi!

brunicione

Mer, 10/09/2014 - 23:46

Per la legge di compensazione, i nostri rappresentanti all'estero hanno tre cognomi, ma una sola palla

GimmeSong

Gio, 11/09/2014 - 00:45

questoli imbecilli vanno a intralciarei le navi come pedoni n autostrada, che ti aspetti....

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 11/09/2014 - 01:20

Non ci sono più dubbi. Certi avvocati e magistrati indiani devono aver fatto dei corsi di aggiornamento qui in Italia. SI COMPORTANO COME QUELLI CHE AVEVANO LINCIATO BERLUSCONI E PIÙ RECENTEMENTE ANCHE GALAN. È la distorta mentalità da trinariciuti che dilaga nel mondo.

atlantide23

Gio, 11/09/2014 - 07:43

Ecco, questa e' la considerazione che abbiamo nel mondo.Del resto, non dimentichiamoci del caso Battisti, terrorista pluri omicida accolto e protetto dal Brasile.Disfattista ? No solo realista .

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Gio, 11/09/2014 - 07:46

IL GOVERNO DEL BAMBOCCIO ARROGANTE NON BATTE CIGLIO E SI APPECORONA ALLE STRONZATE DEI BEDUINI. MANDATE DEGLI ELICOTTERI E PORTIAMOLI VIA.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Gio, 11/09/2014 - 07:50

Omar levati dalle palle e torna a casa tua

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Gio, 11/09/2014 - 07:50

Continuano a prenderci per i fondelli. Svegliamoci, basta buonismo e ricatti.

curatola

Gio, 11/09/2014 - 08:22

basta con questa vicenda da soap opera! hanno sparato e sono stati catturati ed espieranno la pena in quel paese. La prossima volta organizziamoci meglio!

PIST349

Gio, 11/09/2014 - 08:27

Dovremmo rimandare a casa loro tutti gli indiani presenti sul territorio italiano in questo modo gli diamo un bel segnale che anche noi non scherziamo.

paci.augusto

Gio, 11/09/2014 - 08:38

Ormai, dopo il criminale '68, l'ignoranza dipietrista e la negligenza la fanno da padrone!! Nessuno controlla ititoli prima di mandare in stampa le notizie??!! Evidentemente NO, altrimenti non avreste scritto ' PERIZIA MEDICIA '!!!

honhil

Gio, 11/09/2014 - 09:54

Gli indiani e, in modo particolare la magistratura indiana, hanno studiato molto le nostre toghe e delle loro nevrosi hanno molto assimilato. Tanto da mettersi sulla stesso piano. Tra una procura italiana e quella indiana non c’è differenza alcuna. Quello che conta è che il proprio pupo resti sempre in piedi. L’accusa non è che non crede all’ischemia di Latorre, non crede alla medicina indiana, che secondo un ragionamento da toga italiana molto contorno, ha stilato quel referto soltanto a danno del proprio pupo.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Gio, 11/09/2014 - 15:38

analcum un poco di moderazione poffarbacco! Diciamo: "Fucilieri, fucilatori da fucilare".

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Gio, 11/09/2014 - 20:51

Omar levati dalle palle e torna a casa tua